La barca della Chiesa sta per capovolgersi. Parola di Benedetto XVI

meisner-in-farbe

Cosa pensa Benedetto XVI? Cosa dice Benedetto XVI? Concorda o meno con Bergoglio? Cosa pensa dei Dubia dei 4 cardinali?

A tutte queste domande, sino ad ora, si poteva rispondere in modo vago.

Alcuni, fautori del nuovo corso, indicavano la correttezza dimostrata da Benedetto XVI nei confronti del suo successore: mai una critica, perchè concorda!

Altri, critici rispetto a molte scelte di Francesco,  osservavano alcuni fatti piuttosto significativi di segno opposto,

come le prefazioni di Benedetto ai libri del cardinal Robert Sarah, non certo sulla stessa linea liturgica e dottrinale di Francesco.

Quanto ai Dubia? Che Benedetto XVI concordi con i 4 cardinali lo farebbero pensare molte cose: il suo magistero passato; la sua profonda amicizia con tutti e 4, ben 2 dei quali tedeschi come lui; le dichiarazioni del suo segretario Georg Gänswein, il quale in un’ occasione aveva dichiarato pubblicamente, riferendosi ad Amoris Laetitia, che non si cambia la dottrina in una nota, mentre in un’altra occasione aveva comunicato che Benedetto segue con attenzione il dibattito sui Dubia (espressione che sembra indicare quantomeno che li ritiene interessanti, non certo infondati).

Oggi, dopo quanto Benedetto ha scritto per ricordare la morte del suo amico, il cardinale di Colonia  Joachim Meisner, è difficile far finta di non capire.

Perchè?

Anzitutto perchè Benedetto rivela di aver sentito al telefono il cardinal Meisner un giorno prima della sua morte:

“Quando ho appreso mercoledì scorso da una telefonata della morte del card. Meisner in un primo momento non ci credevo. Il giorno prima avevamo parlato al telefono. La sua voce era piena di gratitudine perché era ormai arrivato in vacanza…”

Dunque Benedetto XVI e il cardinal Meisner, uno dei 4 cardinali firmatari dei Dubia, hanno continuato a  sentirsi, fino alla fine.

Difficile immaginare che Benedetto abbia preso le distanze rispetto all’azione così eclatante del suo caro amico; difficile pensare che non abbiano parlato della defenestrazione di un altro cardinale tedesco, Mueller, visto che quest’ultimo, mandato via in malo modo soprattutto per non essersi piegato ad una interpretazione “rotturista” di Amoris laetitia, era stato nominato da Benedetto stesso.

Si noti che Meinser, il giorno prima di morire ha parlato sia con Benedetto, che con lo stesso Mueller, dichiarandogli  di essere “profondamente addolorato” per il suo licenziamento. Benedetto non sarà stato addolorato anch’egli?

In ogni modo abbiamo un cardinale tedesco, firmatario dei Dubia, che sino al giorno prima di morire segue le vicende della Chiesa, interrogando due amici, entrambi noti per la loro ortodossia, Ratzinger e Mueller.

E cosa scrive Benedetto nel ricordare questo cardinale ed intimo amico?

Scrive:

“Sappiamo che era un pastore appassionato, e l’ufficio di pastore è difficile, proprio in un momento in cui la Chiesa ha bisogno di pastori che sappiano resistere alla dittatura dello spirito del tempo”.

C’è già qui un chiaro giudizio, del tutto positivo, sul “pastore appassionato” e sul suo andare contro corrente, contro la “dittatura dello spirito del tempo”. Con chi sta lo spirito del tempo, sui Dubia, non è difficile capirlo… Non certo con Meisner-Caffarra-Burke-Brandmueller….

Ma non è finita:

Ma la cosa che più mi ha commosso  è che ha vissuto in questo ultimo periodo della sua vita… sempre di più la certezza profonda che il Signore non abbandona la sua Chiesa, anche se a volte la barca si è  riempita fino quasi a capovolgersi…”.

Bendetto non ha dubbi: Meisner non ha tradito la Chiesa, mettendo in dubbio, “in questo ultimo periodo della sua vita”, la validità di passaggi fondamentali di Amoris laetitia; Meisner ha sempre amato la Chiesa, pur vedendo la barca di Pietro quasi capovolta!

Quel “anche se la barca si è riempita fino quasi a capovolgersi” è un giudizio inappellabile, che collega Meinser, la sua fede, la sua lotta contro la dittatura dello spirito del tempo penetrato nel tempio, e la crisi terribile in cui versa la Chiesa.

Benedetto ha concluso così:

Quando il card. Meisner non è andato alla messa l’ultima mattina, è stato trovato morto nella sua stanza. Il breviario era scivolato dalle mani: stava pregando, morto, davanti al Signore, parlando con il Signore. Il genere di morte che gli è stato dato dimostra ancora una volta come ha vissuto alla presenza del Signore e in colloquio con Lui”.

Per uno che veniva accusato dagli uomini di chiesa più alla moda di essere contro il papa, di voler dividere la Chiesa ecc., non poteva esserci elogio più eloquente, da parte di un uomo che ancora oggi veste di bianco e che si firma “Benedetto XVI, Papa emerito”.

Per il discorso di Benedetto:

http://www.marcotosatti.com/

http://www.acistampa.com/story/il-saluto-del-papa-emerito-bendetto-xvi-al-cardinale-meisenr-6522

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il Covid-19 è nato in laboratorio, le responsabilità cinesi e dell’OMS. Cantagalli pubblica il libro del prof. Joseph Tritto

      di Tiziano Fonte. È uscito ieri in libreria per le Edizioni Cantagalli il libro di Joseph Tritto “Cina Covid-19: la chimera che ha cambiato il mondo” (272 pp., 20 euro). La fama dell’autore, presidente del WABT (World Academy of Biomedical Sciences and Thecnologies di Parigi) e il fatto che il libro prova che il covid-19 non è di origine naturale ma è stato prodotto in laboratorio a Wuhan, mostrando le enormi difficoltà che un sistema politico totalitario come quello della Cina comunista pone alla ricerca e alla sanità, ci si sarebbe aspettati una mobilitazione dei media di particolare vigore. Invece, purtroppo, dobbiamo constatare che è prevalso il silenzio da parte delle grandi testate. Leggi il seguito…

    • Ecco perché sul Ponte di Genova la “retorica dell’arcobaleno” non regge

      di Corrado Ocone. L’impresa, che sarebbe normale in un Paese normale, è stata realizzata, ma il merito è soprattutto di chi ha voluto un commissario straordinario con potere speciali e del commissario stesso, il sindaco di centrodestra di Genova Marco Bucci, che li ha saputi utilizzare. E’ merito poi del governatore della regione Giovanni Toti che ha agevolato e collaborato al risultato e che, sotto l’insegna del buon governo, vola tranquillo verso la rielezione. Ed è anche in parte merito del governo di Giuseppe Conte, ma del precedente non di questo, quello con l’odiato nemico leghista. Insomma, la vittoria politica è tutta del centrodestra, se proprio dovessimo scendere sul terreno volgare della “stampa di regime” Leggi il seguito…

    • Quei laici in politica che tradirono la dottrina

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. La situazione è che i laici cattolici impegnati nel sociale o in politica hanno talmente acquisito i contenuti dottrinali delle ideologie che dovrebbero invece combattere, ne hanno talmente condiviso i principi che hanno cessato completamente di combatterle e vi collaborano direttamente. L’adesione dei cattolici deputati in parlamento a leggi contrarie alla legge morale naturale testimoniano che essi hanno ormai dato alla democrazia il valore di fondamento della politica e non di mezzo. Ma ciò era proprio quanto i pontefici dicevano di evitare e quanto invece voleva imporre la politica liberal-massonica.. Leggi il seguito…

    • Se dici Europa a cosa pensi?

      di Marcello Veneziani. Dici Europa e cosa ti viene in mente? Contabilità, solo contabilità. Dare soldi, avere soldi. Pagare debiti, avere crediti. Vedi ventisette figure che un tempo si sarebbero chiamati statisti, che in un padiglione asettico e ovattato, fuori della vita reale, stanno lì giorni e giorni a tirare sul prezzo. Con loro ci sono alti funzionari, macro-dirigenti, eurocrati. L’unione, come la divisione, è sempre sui soldi. Dici migranti e l’Europa non sa cosa rispondere, ognuno balbetta per sé. Dici crisi libica, egemonia turca, invasione cinese, repressione di Hong Kong e mille altre cose che riguardano il mondo, e l’Europa non dice, non fa, non ha mai un pensiero unitario ma solo sottopensieri subnazionali, o meglio subdolo nazionali. Dici 5G, commercio con l’est asiatico, veti americani, pandemia e ancora l’Europa non parla, ciascuno farfuglia a livello locale. Leggi il seguito…