È Stoccolma la prima capitale europea dove si impone la sharia

svezia

È Stoccolma la prima capitale europea dove si impone la sharia

La polizia svedese ha chiesto aiuto per 62 zone della città che non riesce a controllare, perché in esse si applica la legge islamica.

di George Chaya – 28 giugno 2017

La popolazione musulmana è ormai dominante in numerosi quartieri si Stoccolma, nei quali è applicata la sharia. La Svezia sta per essere destabilizzata dall’immigrazione di rifugiati musulmani. La polizia chiede aiuto, ma è solo questione di tempo perché il paese abbia bisogno di un intervento dei militari,

in modo che sia evitata una catastrofe umanitaria.

Una relazione del governo svedese, pubblicata dal giornale Sharq al-Awsat, informa che il numero di aree di Stoccolma, denominate “zone di alta pericolosità”, a causa della applicazione aperta della sharia, nel primo semestre del 2017 è arrivata a 62, dalle 55 censite nel dicembre 2016. L’aumento non interessa solo il numero dei cittadini islamici, ma anche la grandezza delle aree geografiche.

Dan Elisson , commissario della Polizia Nazionale Svedese, parlando recentemente alla televisione, ha chiesto collaborazione. “Aiutateci”, ha detto, rendendo noto il fatto che ormai le forze della polizia non sono in grado di entrare in quelle aree per difendere la legge svedese. Per questo motivo chiede l’appoggio di tutti i poteri dello Stato.

Un esperto nell’investigazione sui paesi destabilizzati, vincitore nel 2011 dell’Ordine di Svezia della Medaglia dei Serafini, Johan Patrick Engallau, che ha collaborato con organismi sopranazionali come le Nazioni Unite e varie ONG europee, in materia di immigrazione e rifugiati, ha denunciato – attraverso la Carta della Commissione di Sicurezza Migratoria dell’Unione Europea -, la gravità della situazione della Svezia. “Temo che possiamo essere alla fine della Svezia come società organizzata, decente e egualitaria, come l’abbiamo conosciuta fino ad ora. Non mi sorprenderei se si scatenasse un conflitto, una possibile guerra civile. “Purtroppo in alcuni luoghi del paese la guerra civile è probabilmente cominciata, anche se si ha l’impressione che ancora il governo non se ne sia reso conto”, dice Engellau.

Il canale televisivo 10 News ha recentemente comunicato che la Svezia ha perduto grandi aree per mano di gruppi religiosi armati, definiti come milizie islamiche. Il capo della polizia di Stoccolma, Lars Alversjo, ha dichiarato che “si sono raggiunti livelli di violenza precedentemente mai visti nel paese, e in varie zone di Stoccolma ormai fuori del controllo dello Stato”. Osservando anche come “il sistema giuridico, colonna principale di ogni sistema democratico, in Svezia stia crollando.

Magnus Ranstorp, professore e investigatore sul terrorismo e la radicalizzazione islamica, membro del Collegio Nazionale della Difesa Svedese, ha dichiarato in televisione che “nelle zone più pericolose della capitale, gruppi radicalizzati appartenenti alla comunità islamica, hanno preso il potere nelle strade e stanno introducendo la loro legge. In quelle aree il senso della giustizia e della pace si vede minacciato dal fatto che si ha l’impressione che il potere della polizia si sta sgretolando, e tutto ciò è cominciato all’inizio di quest’anno. Stoccolma e tutta la Svezia si trovano in una situazione disperante”, conclude Ranstorp.

Il Servizio Svedese di Sicurezza (Sakerhetspolisen), ha reso noto che nel paese si stanno “infiltrando centinaia di islamici che condividono l’ideologia dello Stato Islamico (ISIS nella sua sigla inglese)”, e in molti luoghi i funzionari pubblici richiedono la scorta della polizia durante gli spostamenti dai loro uffici. Il servizio di sicurezza ha comunicato che “lo scorso anno almeno 15.042 donne svedesi hanno subito violenza sessuale in zone della capitale riconosciute dalle autorità come grandi aree sottoposte alla sharia (legge islamica)”.

Le parole che le autorità svedesi e i mezzi di comunicazione utilizzano per “le zone proibite ai non musulmani”, l’accesso alle quali è sconsigliato ai cittadini è Utenforskap, che significa “aree proibite”. In quelle aree la legge svedese è stata rimpiazzata con un miscuglio di leggi di varie bande di immigrati e da un codice islamico conosciuto come sharia. Le bande armate musulmane e l’islamismo radicale sta sgretolando la democrazia svedese, ha sostenuto in un comunicato il Servizio di Sicurezza Nazionale.

L’unico motivo per cui in Stoccolma – la capitale di un paese un tempo pacifico e sicuro – non si è ancora prodotto un conflitto armato su larga scala, probabilmente è dovuto al fatto che la l’alleanza socialdemocratica-ecologista che governa ora in Svezia, finge di ignorare la gravità della situazione, e non mette perciò in atto nessuna reale resistenza contro l’islamismo, afferma ancora Magnus Ranstorp.

Anche se il Governo Svedese dice di voler affrontare queste bande islamiche, la Svezia non avrebbe la forza necessaria per capovolgere la situazione. La sua sicurezza e le sue forze di polizia sono diminuite. Il 70% degli agenti di polizia del paese stanno considerando l’idea di lasciare il loro incarico, il che è un chiaro segno di quanto siano demotivate. In questo paese, tradizionalmente pacifista, i militari sono ridotti quasi a nulla, inoltre non vi è sufficiente denaro per risolvere la situazione, dice ancora Engellau, che aggiunge: “Sembra che il Governo non si renda conto diaver perduto il controllo della situazione. C’è un punto oltre il quale non è possibile ottenere uno sviluppo della situazione”. E conclude dicendo: “Non so se la Svezia è giunta a a questo punto a causa delle immigrazioni incontrollate, ma ho il timore di essere di fronte a un momento di tragico sgretolamento. Il momento è talmente grave che, anche se prendessimo delle chiare e forti azioni, come la chiusura ad ogni migrazione e alla politica del multiculturalismo, non so se saremmo in tempo a salvare la Svezia”.

Quello che è certo è che la élite politica svedese è molto lontana dal mettere in atto azioni decisive, dato che non ha nemmeno cominciato a parlare apertamente di questi problemi. Comunque il paese necessiterà presto di un aiuto internazionale. La richiesta di aiuto da parte capo della polizia, Dan Eliasson si è rivolta solamente al potere politico interno alla Svezia, anche se si avvicina il tempo in cui la comunità internazionale dovrà intervenire, se vuole evitare una catastrofe sociale, civile e umanitaria, conclude Engellau.

(Povera Europa! Non solo la Grecia quindi, ma anche l’ex “paradiso” svedese. “Povera Europa – sembra dirci ancora San Giovanni Paolo II, che ne hai fatto del tuo battesimo?”. Ndt)

Fonte: http://www.infobae.com/america/mundo/2017/06/29/estocolmo-la-primera-capital-europea-donde-se-impone-la-sharia/

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • E la dittatura impose il reato di vivere

      di Marcello Veneziani. L’Italia si avvia a diventare un regime totalitario temperato dall’inefficienza e dal ridicolo. Con la scusa della salute è stato introdotto il divieto di sbarco agli italiani in piazza, al bar, al ristorante, sulle spiagge; ora mitigato da libertà provvisoria, con la condizionale. I veri clandestini sono gli italiani, sorpresi a consumare all’aperto il più losco dei crimini: il reato di vivere. L’eversione ha un nome preciso: movida. Acchiappatelo, fa la movida. È pericoloso, ha un’arma in pugno, lo spritz. Leggi il seguito…

    • Ora Godot-Bonaccini aspira a Palazzo Chigi

      di Giuseppe Leonelli. Il suo libro su come battere la destra presentato due settimane fa, in piena emergenza sanitaria, era già un segnale chiaro delle mire romane del governatore emiliano-romagnolo Stefano Bonaccini, ma ora arriva la conferma dalle sue stesse parole. “Non mi monto la testa e tengo i piedi per terra. Ma allo stesso modo non escludo nulla, ci si mette a disposizione se si ha passione politica per migliorare la cosa pubblica” – ha infatti detto Bonaccini rispondendo a una domanda del direttore de L’Espresso sulla possibilità di una sua candidatura a premier. Leggi il seguito…

    • La caduta del mito giudiziario

      di Pietro De Leo. Scorrono i titoli di coda, il film è finito. Il pornogiustizialismo iniziato dal ’92 si squaglia assieme alla Anm. Questa associazione, per anni, ha espresso un protagonismo pubblico spesso tra la barricata politica, forte di un’aureola di infallibilità pontificale posta sul capo dei suoi componenti. Le intercettazioni che coinvolgono il pm Palamara e molti suoi colleghi, assieme ad alcune inchieste tipo quella di Taranto, testimoniano come la magistratura, o parte significativa di essa, fosse attraversata da pulsioni umane troppo umane, tra equilibrismi di corrente e scelte spesso dettate dalla tattica. Anche politica. In poche parole, è la caduta del Mito giudiziario. Si chiude a doppia mandata l’uscita di sicurezza cui hanno fatto ricorso, per venticinque anni, partiti col fiato corto sul piano programmatico. Leggi il seguito…

    • Addio Sardine

      di Giuseppe Leonelli. Giovedì la presentazione del cosiddetto “manifesto valoriale”, poi le Sardine prenderanno una “legittima pausa di riflessione e di riposo”. E’ il messaggio che Santori ha scritto nella chat interna del gruppo che ha fondato sei mesi fa a ridosso delle elezioni regionali in Emilia Romagna. Un messaggio fedelmente riportato da Repubblica. “Sono conscio che qualcuno preferisce farmi le scarpe e screditare me e le persone che mi supportano” ha scritto Santori nella chat parlando anche di “frustrazione e saccenza”. Leggi il seguito…