A Dio, piccolo Charlie! Nella Croce c’è la redenzione

charlie-gard

Charlie è  stato ucciso, era diventato troppo ingombrante. I suoi genitori sono stati umiliati sino alla fine.

La morte del piccolo è avvenuta di venerdì (alcuni dicono addirittura alle 15:00, ma non se ne ha certezza), giorno in cui l’Innocente ha salvato con la sua morte gli uomini.

Charlie rimarrà  nella storia: segno chiaro della potenza del nuovo nazismo, ma anche della grande solidarietà  di un popolo che a mani nude ha sfidato il Leviatano. Un popolo che ha fatto sentire la propria voce, ha pregato, ha sperato fino all’ultimo… e che continuerà a sperare e lottare per un mondo migliore, dove a ogni uomo sia riconosciuta la dignità di vivere.

Dispiace  molto che Bergoglio, che non si è mai risparmiato in telefonate e discorsi pubblici, non abbia mai nominato con la sua voce il nome di Charlie: in tanti si aspettavano una sua parola, durante un Angelus, o anche semplicemente in un’omelia della Santa Messa feriale. Invece nulla: il silenzio è stato assordante.

Bergoglio ha dedicato a Charlie solamente due tweet (peraltro probabilmente scritti da altri), entrambi “postumi”.

Il primo, la sera di venerdì 30 giugno. Era il giorno in cui Charlie avrebbe dovuto morire: diverse contingenze avevano poi portato il giudice a decidere diversamente, a concedere altro tempo al piccolo e ai suoi genitori, ed ecco arrivare il tweet di Bergoglio (qui sotto). Il riferimento è a Charlie, ma il suo nome non è scritto nero su bianco (… perché?).

schermata-2017-07-29-alle-10-49-42

Il secondo tweet ieri sera (qui sotto), dopo che si era diffusa la notizia della morte del bambino che ha aperto i cuori, le coscienze e gli occhi di milioni di persone. 140 caratteri più personali, con il nome di Charlie, ma – non è possibile negarlo – insufficienti.

schermata-2017-07-29-alle-10-49-15

Perché questo silenzio da parte di chi ha telefonato più  volte a Emma Bonino, durante la sua malattia, e a Marco Pannella, prima che questi morisse?

Bonino e Pannella, degni eredi di Erode, sì;  Charlie e i suoi genitori, no.

Questa è  la triste realtà, ma non bisogna lasciarsi andare allo sconforto. I cattolici sanno bene che l’apostasia della Chiesa è  stata profetizzata, e che dopo di essa la Chiesa risplenderà più  che mai.

A Dio, Charlie! Grazie di averci fatto pregare, pensare, soffrire con te… la tua croce è  stata la nostra croce, e in essa c’è  la redenzione.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Catalogna, le false libertà che si incontrano

      anna-gabriel di Andrea Zambrano. I partiti che più sostengono la secessione della Catalogna dalla Spagna sono proprio quelli che più stanno spingendo verso la rivoluzione antropologica. La cosa dovrebbe forse far venire qualche dubbio ai tanti indipendentisti cattolici che speravano di poter avere più libertà una volta staccatisi dalla Corona. Ma si tratta di un concetto di libertà che punta diritto al totalitarismo delle idee e dei diritti Leggi il seguito… 

    • Dossier sullo scontro tra Chiesa polacca e Bergoglio

        chiesa Leggi il seguito… 

    • Weinstein e quel velo di ipocrisia liberal che si squarcia

      clinton-weinstein di Nicola Porro. Il caso di Harvey Weinstein è emerso proprio quando la rete di protezione «intellettuale» del produttore di Hollywood è venuta meno. Weinstein non era uno qualunque del giro cinematografaro. Era un grande finanziatore del Partito Democratico, era l’uomo che non mancava mai alle cene di fundraising di Hillary Clinton. Leggi il seguito… 

    • AL, i vescovi polacchi stoppano le fughe in avanti

      polish-bishops-plenary-assembly-june-6-7-2017 di Marco Tosatti. La Conferenza Episcopale polacca si è riunita nei giorni scorsi a Lublino per discutere e redigere un documento relativo alle linee guida con cui leggere l’esortazione apostolica Amoris Laetitia. Alla riunione era presente anche il nunzio Salvatore Pennacchio, da poco più di un anno rappresentante del Pontefice presso la Chiesa polacca. Si ignora quando il documento stilato dai vescovi polacchi sarà pubblicato; ma siamo in grado di anticipare alcuni punti Leggi il seguito…