A Dio, piccolo Charlie! Nella Croce c’è la redenzione

charlie-gard

Charlie è  stato ucciso, era diventato troppo ingombrante. I suoi genitori sono stati umiliati sino alla fine.

La morte del piccolo è avvenuta di venerdì (alcuni dicono addirittura alle 15:00, ma non se ne ha certezza), giorno in cui l’Innocente ha salvato con la sua morte gli uomini.

Charlie rimarrà  nella storia: segno chiaro della potenza del nuovo nazismo, ma anche della grande solidarietà  di un popolo che a mani nude ha sfidato il Leviatano. Un popolo che ha fatto sentire la propria voce, ha pregato, ha sperato fino all’ultimo… e che continuerà a sperare e lottare per un mondo migliore, dove a ogni uomo sia riconosciuta la dignità di vivere.

Dispiace  molto che Bergoglio, che non si è mai risparmiato in telefonate e discorsi pubblici, non abbia mai nominato con la sua voce il nome di Charlie: in tanti si aspettavano una sua parola, durante un Angelus, o anche semplicemente in un’omelia della Santa Messa feriale. Invece nulla: il silenzio è stato assordante.

Bergoglio ha dedicato a Charlie solamente due tweet (peraltro probabilmente scritti da altri), entrambi “postumi”.

Il primo, la sera di venerdì 30 giugno. Era il giorno in cui Charlie avrebbe dovuto morire: diverse contingenze avevano poi portato il giudice a decidere diversamente, a concedere altro tempo al piccolo e ai suoi genitori, ed ecco arrivare il tweet di Bergoglio (qui sotto). Il riferimento è a Charlie, ma il suo nome non è scritto nero su bianco (… perché?).

schermata-2017-07-29-alle-10-49-42

Il secondo tweet ieri sera (qui sotto), dopo che si era diffusa la notizia della morte del bambino che ha aperto i cuori, le coscienze e gli occhi di milioni di persone. 140 caratteri più personali, con il nome di Charlie, ma – non è possibile negarlo – insufficienti.

schermata-2017-07-29-alle-10-49-15

Perché questo silenzio da parte di chi ha telefonato più  volte a Emma Bonino, durante la sua malattia, e a Marco Pannella, prima che questi morisse?

Bonino e Pannella, degni eredi di Erode, sì;  Charlie e i suoi genitori, no.

Questa è  la triste realtà, ma non bisogna lasciarsi andare allo sconforto. I cattolici sanno bene che l’apostasia della Chiesa è  stata profetizzata, e che dopo di essa la Chiesa risplenderà più  che mai.

A Dio, Charlie! Grazie di averci fatto pregare, pensare, soffrire con te… la tua croce è  stata la nostra croce, e in essa c’è  la redenzione.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Legge sul biotestamento, è giusto fare resistenza

      mons-negri di Luigi Negri. Di fronte all’approvazione definitiva della legge sul testamento biologico, la prima osservazione, amara, è che la Chiesa italiana ha perso una battaglia che peraltro non ha neanche combattuto. Più in generale non si può evitare un confronto con quanto accadde solo pochi anni fa quando Eluana Englaro è stata uccisa dallo Stato con una operazione infame: allora la realtà popolare cattolica aveva accompagnato questo martirio con una presenza viva e attiva, cercando di impedirlo. Leggi il seguito… 

    • La politica si è arresa

      alfredo-mantovano di Alfredo Mantovano. Non è detto che il totalitarismo si manifesti solo coi carri armati: quando vi è una sostanza di selezione eugenetica, di soppressione del più debole, di frantumazione della famiglia, la circostanza che tutto questo sia espresso da maggioranze o da sentenze non elimina sinistre similitudini con i più oppressivi regimi del XX secolo Leggi il seguito… 

    • Biotestamento. Don Arice, “il Cottolengo farà obiezione di coscienza, non applicherà le DAT”

      don-arice Nelle sue strutture, il Cottolengo non applicherà le Dat. Lo ha comunicato all’AGI il superiore generale don Carmine Arice. “Noi – ha affermato il sacerdote – non possiamo eseguire pratiche che vadano contro il Vangelo, pazienza se la possibilità dell’obiezione di coscienza non è prevista dalla legge: è andato sotto processo Marco Cappato che accompagna le persone a fare il suicidio assisitito, possiamo andarci anche noi che in un possibile conflitto tra la legge e il Vangelo siamo tenuti a scegliere il Vangelo”. Leggi il seguito… 

    • Approvata la legge che apre all’eutanasia. Crepaldi: I ponti senza verità non reggono

      Giampaolo Crepaldi di Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân. Giovedì scorso 14 dicembre il Parlamento italiano ha approvato la legge cosiddetta sulle DAT che apre all’eutanasia, persino in forme più accentuate che in altri Paesi. Durante la fase della discussione in Parlamento e nel Paese anche io, come vescovo e come presidente dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân, ero intervenuto, insieme ad altri, come per esempio il Centro Studi Rosario Livatino, per mettere in evidenza la gravità del contenuto di questo testo di legge. Purtroppo ha prevalso un’ideologia libertaria e, in definitiva, nichilista, espressa in coscienza da tanti parlamentari. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.