A Dio, piccolo Charlie! Nella Croce c’è la redenzione

charlie-gard

Charlie è  stato ucciso, era diventato troppo ingombrante. I suoi genitori sono stati umiliati sino alla fine.

La morte del piccolo è avvenuta di venerdì (alcuni dicono addirittura alle 15:00, ma non se ne ha certezza), giorno in cui l’Innocente ha salvato con la sua morte gli uomini.

Charlie rimarrà  nella storia: segno chiaro della potenza del nuovo nazismo, ma anche della grande solidarietà  di un popolo che a mani nude ha sfidato il Leviatano. Un popolo che ha fatto sentire la propria voce, ha pregato, ha sperato fino all’ultimo… e che continuerà a sperare e lottare per un mondo migliore, dove a ogni uomo sia riconosciuta la dignità di vivere.

Dispiace  molto che Bergoglio, che non si è mai risparmiato in telefonate e discorsi pubblici, non abbia mai nominato con la sua voce il nome di Charlie: in tanti si aspettavano una sua parola, durante un Angelus, o anche semplicemente in un’omelia della Santa Messa feriale. Invece nulla: il silenzio è stato assordante.

Bergoglio ha dedicato a Charlie solamente due tweet (peraltro probabilmente scritti da altri), entrambi “postumi”.

Il primo, la sera di venerdì 30 giugno. Era il giorno in cui Charlie avrebbe dovuto morire: diverse contingenze avevano poi portato il giudice a decidere diversamente, a concedere altro tempo al piccolo e ai suoi genitori, ed ecco arrivare il tweet di Bergoglio (qui sotto). Il riferimento è a Charlie, ma il suo nome non è scritto nero su bianco (… perché?).

schermata-2017-07-29-alle-10-49-42

Il secondo tweet ieri sera (qui sotto), dopo che si era diffusa la notizia della morte del bambino che ha aperto i cuori, le coscienze e gli occhi di milioni di persone. 140 caratteri più personali, con il nome di Charlie, ma – non è possibile negarlo – insufficienti.

schermata-2017-07-29-alle-10-49-15

Perché questo silenzio da parte di chi ha telefonato più  volte a Emma Bonino, durante la sua malattia, e a Marco Pannella, prima che questi morisse?

Bonino e Pannella, degni eredi di Erode, sì;  Charlie e i suoi genitori, no.

Questa è  la triste realtà, ma non bisogna lasciarsi andare allo sconforto. I cattolici sanno bene che l’apostasia della Chiesa è  stata profetizzata, e che dopo di essa la Chiesa risplenderà più  che mai.

A Dio, Charlie! Grazie di averci fatto pregare, pensare, soffrire con te… la tua croce è  stata la nostra croce, e in essa c’è  la redenzione.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria e famiglia: insieme stanno, insieme cadono

      di Chiara Mantovani. XI Rapporto Van Thuân, il saggio del prof. Mauro Ronco L’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a “Popoli, nazioni, patrie: tra natura e artificio politico” (Cantagalli, Siena 2020). Tra i saggi che lo compongono spicca il corposo studio del Prof. Mauro Ronco dal titolo: “La patria italiana nel nuovo millennio”, che qui viene recensito. Leggi il seguito…

    • Omofobia, la battaglia perdente dei cattolici

      di Stefano Fontana. Con la legge Zan sacerdoti e catechisti rischiano la galera, ma sacerdoti e catechisti si saranno chiusi la bocca da soli ben prima che la legge Zan gliela chiuda. Col senso di colpa di essere indietro di 200 anni, la Chiesa cerca di guadagnare il terreno perduto e limita la propria libertà prima che lo Stato gliela limiti. La lotta alla legge Zan basata sulla libertà di espressione deve fondarsi sulla verità e il bene e sul fatto che ci sono dei mali che l’autorità politica può al massimo tollerare a determinate condizioni ma mai approvare come forme di bene pubblico.   Leggi il seguito…

    • Da “assembramento” a risposta di governo, il percorso del centrodestra per non morire

      di Carlo Mascio. Il centrodestra è tornato in piazza. Unito. È questa di per sé è già una notizia. Dopo mesi di tentennamenti e silenzi sulle strategie anti Covid messe in atto dalla macchina orwelliana del governo Conte e dopo continue divisioni sul piano di aiuti economici per la ripresa post pandemia, ora i leader del centrodestra tornano a battere un colpo. Leggi il seguito…

    • Scuola, così il Governo crea una generazione di bimbi-robot

      di Giuseppe Leonelli. La questione economica è enorme, ma ancora più grave appaiono le modalità fuori dalla realtà con cui si è pensato di affrontare il problema. Il tema è la riapertura delle scuole a settembre e, in particolare, le regole annunciate due giorni fa dalla ministro Azzolina, annuncio frutto di un copia e incolla pedissequo – come sempre è avvenuto in questi mesi – di quanto suggerito dal famoso Comitato tecnico-scientifico del Ministero della Salute. Leggi il seguito…