Sprofondo rosso: Renzi, le casse vuote del Pd e il debito che sale

sprofondo-rosso

di Carlo Mascio.

I conti del PD sono “in rosso”: il deficit ammonta a circa 9.465.745 euro, ed è dovuto in gran parte alle spese folli per la campagna per il referendum costituzionale del 4 dicembre scorso. 135 miliardi di euro è l’aumento del debito pubblico fatto registrare dal Governo Renzi. Stando così le cose, viene difficile pensare come il Pd a guida renziana possa assumersi il compito di risanare le finanze nazionali quando i suoi dirigenti, Renzi in primis, non sono stati capaci di gestire al meglio nemmeno le risorse del partito.

*************

“Ragazzi, abbiamo un problema”. Immaginiamo che qualcuno abbia esordito così ieri alla Direzione del Partito Democratico. Una Direzione, tra l’altro, poco pubblicizzata e poco partecipata. Una trentina di persone in tutto. Tanto che in molti erano collegati addirittura per via telematica. Assente, a quanto pare, anche Matteo Renzi. Che cosa è successo? Il “problema” in realtà non è da poco: i conti del partito sono “in rosso”, colore che, in questo caso, non suscita nessun entusiasmo in casa Dem. A maggior ragione se il deficit, che ammonta a circa 9 milioni e 465.745 euro, è dovuto in gran parte alle spese folli del Pd per la campagna per il referendum costituzionale del 4 dicembre scorso, che poi è andato come è andato.

Esattamente per la campagna del comitato “Basta un sì” il Pd ha speso 11.671.873 milioni di euro. Cifra che, se confrontata con i rendiconti dei gruppi parlamentari appena pubblicati, sale a quota 14 milioni di euro, quattro in più – giusto per capirci – di quanto al Nazareno si spese per la campagna elettorale delle Politiche del 2013. E meno male che i vertici del partito nei mesi scorsi predicavano sobrietà al riguardo: “spederemo al massimo 6 milioni” dicevano. Peccato che i numeri dicono altro. E non è tutto. Perché a questi si dovrebbero aggiungere le spese e le elargizioni “a pioggia” sostenute in modo indiretto dal Governo Renzi nei mesi della campagna referendaria con i soldi dei contribuenti pur di racimolare consensi per il Sì. Si pensi alla tournèe dell’allora ministra delle Riforme Maria Elena Boschi in Sud America, spacciata per “viaggio istituzionale” ma finalizzata a fare campagna in vista del referendum. Tournèe costata ben 10mila euro. Oppure alle promesse del governatore della Campania De Luca che ad oltre 300 sindaci, riuniti per una kermesse elettorale per il referendum da lui presieduta, assicurava: “Fate votare Sì. Renzi manda fiumi di soldi” oltre a quelli già erogati per la Campania e puntualmente snocciolati dal governatore.

Insomma, i numeri in gioco sono da capogiro e rendono ragione, anzitutto, della sproporzione delle forze in campo per la battaglia referendaria, con un fronte del Sì che poteva contare su risorse e strutture organizzative anche governative e un fronte del No che tutto questo non l’aveva certo a portata di mano. Una lotta della serie “Davide contro Golia”, dunque, che alla fine ha conservato lo stesso finale del noto brano biblico. Numeri che, però, fanno emergere con chiarezza anche un altro elemento, ovvero quanto Renzi sia discepolo della falsa filosofia secondo cui “la comunicazione in politica è tutto”. Non fa niente se mancano atti o fatti concreti. L’importante è parlare, promettere, lanciare slogan ammiccanti, fare campagne comunicative ben studiate. L’annuncite renziana, per intenderci, che per l’occasione era stata seguita da quel Jim Messina, pagato anche lui uno sproposito, che, però, ultimamente non ha certo brillato per i suoi successi (provate a chiedere di lui alla Clinton o alla May e vedete cosa vi rispondono).

Conclusione: le casse del Pd piangono. E, ora come ora, il partito non avrebbe le risorse per sostenere la campagna elettorale per le Politiche (il voto anticipato è saltato anche per questo?). Ma probabilmente Renzi ha un certo feeling con i “buchi di bilancio” dato che anche il suo Governo ha fatto registrare un aumento del debito pubblico di circa 135 miliardi di euro. Debito che, come ricordano oggi i dati Bankitalia, ha fatto registrare un nuovo record negativo. Stando così le cose, viene ancor più difficile pensare come il Pd a guida renziana possa assumersi il compito di risanare le finanze nazionali quando i suoi dirigenti, Renzi in primis, non sono stati capaci di gestire al meglio nemmeno le risorse del partito.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Legge sul biotestamento, è giusto fare resistenza

      mons-negri di Luigi Negri. Di fronte all’approvazione definitiva della legge sul testamento biologico, la prima osservazione, amara, è che la Chiesa italiana ha perso una battaglia che peraltro non ha neanche combattuto. Più in generale non si può evitare un confronto con quanto accadde solo pochi anni fa quando Eluana Englaro è stata uccisa dallo Stato con una operazione infame: allora la realtà popolare cattolica aveva accompagnato questo martirio con una presenza viva e attiva, cercando di impedirlo. Leggi il seguito… 

    • La politica si è arresa

      alfredo-mantovano di Alfredo Mantovano. Non è detto che il totalitarismo si manifesti solo coi carri armati: quando vi è una sostanza di selezione eugenetica, di soppressione del più debole, di frantumazione della famiglia, la circostanza che tutto questo sia espresso da maggioranze o da sentenze non elimina sinistre similitudini con i più oppressivi regimi del XX secolo Leggi il seguito… 

    • Biotestamento. Don Arice, “il Cottolengo farà obiezione di coscienza, non applicherà le DAT”

      don-arice Nelle sue strutture, il Cottolengo non applicherà le Dat. Lo ha comunicato all’AGI il superiore generale don Carmine Arice. “Noi – ha affermato il sacerdote – non possiamo eseguire pratiche che vadano contro il Vangelo, pazienza se la possibilità dell’obiezione di coscienza non è prevista dalla legge: è andato sotto processo Marco Cappato che accompagna le persone a fare il suicidio assisitito, possiamo andarci anche noi che in un possibile conflitto tra la legge e il Vangelo siamo tenuti a scegliere il Vangelo”. Leggi il seguito… 

    • Approvata la legge che apre all’eutanasia. Crepaldi: I ponti senza verità non reggono

      Giampaolo Crepaldi di Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân. Giovedì scorso 14 dicembre il Parlamento italiano ha approvato la legge cosiddetta sulle DAT che apre all’eutanasia, persino in forme più accentuate che in altri Paesi. Durante la fase della discussione in Parlamento e nel Paese anche io, come vescovo e come presidente dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân, ero intervenuto, insieme ad altri, come per esempio il Centro Studi Rosario Livatino, per mettere in evidenza la gravità del contenuto di questo testo di legge. Purtroppo ha prevalso un’ideologia libertaria e, in definitiva, nichilista, espressa in coscienza da tanti parlamentari. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.