“Siamo tutti fuori”: itinerario alla scoperta di G. K. Chesterton

Copertina

Per la prima volta in vita mia ogni sillaba pronunciata da lui aveva sapore. Anzi, non solo aveva sapore in sé, ma dava sapore ai miei giorni
“. Scrive così Annalisa Teggi nell’introduzione a Siamo tutti fuori – Viaggio nel paese delle meraviglie di G. K. Chesterton (Berica Editrice, 2016), un agile ma denso libro di ‘appunti’ su diverse opere del celebre scrittore inglese. Infatti, precisa l’Autrice, “non è un saggio letterario su Gilbert Keith Chesterton. Non è esauriente dal punto di vista biografico. Non è metodico, non è sistematico. Sono i quaderni dei miei primi otto anni di scuola elementare“.

Chesterton, dal canto suo, non si definiva uno scrittore bensì un giornalista, “perché anche un poeta o un romanziere può essere, in fondo, nient’altro che un giornalista se a tema dei suoi contenuti c’è uno sguardo attuale sull’umanità. Anche l’uomo comune è un giornalista, se abita con meraviglia e senso critico i fatti di ogni suo giorno” (p. 91). Un senso critico che ha portato questo grande autore a essere quasi un profeta del nostro tempo, tanto complesso quanto incompreso.

Chesterton aveva a cuore l’uomo, che “non è – nota la Teggi – una scimmia evoluta; è un’anima immortale den- tro un corpo che deperisce. È un unicuum, che va protetto abbracciando la sua carnalità imperfetta con la fortezza dei suoi bisogni eterni“. Siamo uomini finiti che aspirano all’infinito, anche se spesso ci illudiamo (e lo facciamo tutti!) di poter riempire da sé il vuoto che si sente dentro nel vivere senza il Creatore, finendo per cadere sotto la tirannia delle mode e del pensiero unico.

Un totalitarismo delle idee travestito da democrazia, una schiavitù realizzata nel nome della libertà, in un contesto dove, “come le onde del mare, sono visibili (e tollerabili) solo delle opposizioni superficiali e insignificanti, purché l’acqua sottostante resti placida. Tutto ciò è segno di una dittatura subdola cui fa comodo che esista una democrazia formale per ingannare la vista. A quanto pare le «pecore» umane non sono così sveglie da chiedersi come mai, se siamo così liberi, andiamo tutti in giro con la medesima pelliccia bianca” (p.105).

Spesso siamo uomini vivi solo fisicamente, ma morti dentro, nichilisti fin nell’intimo, come nota Chesterton in Uomovivo.

Di fronte all’analisi (effettivamente impietosa) che Chesterton dà della società, si potrebbe essere presi dallo sconforto: non c’è più speranza, l’umanità si è oramai persa e non è possibile ritrovare la bussola. Invece non è affatto così, come nota la Teggi: “A partire da questa pars destruens, Chesterton edifica la speranza, come ragionevole presenza. Se tutto il mondo è solo un caotico ammasso che tende al nulla, perché ne è parte una creatura che per natura contraddice il caos e il nulla, essendo capace di generare legami con l’esistente? Se il nulla e il caos sono la cifra dell’universo, perché dell’universo fa parte anche una sentinella?” (p. 30).

A tutte queste domande Chesterton una risposta l’ha data, e il libro Siamo tutti fuori – Viaggio nel paese delle meraviglie di G. K. Chesterton di Annalisa Teggi ne fornisce uno spaccato ampio e originale, con quel tocco di leggerezza che fa tanto del bene alla letteratura, nella nostra mentalità ‘scolarizzata’ così spesso rivestita di una pesante patina di noia.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Quel che resta dopo il massacro

      di Marcello Veneziani. Il governo che resta ha tre problemi enormi, oltre quello di una maggioranza stentata, variabile, raccogliticcia. Il primo problema si chiama Conte. Se la politica vuole riconquistare un po’ di decenza non può lasciare che resti al governo un megalomane vanitoso, mai votato dal popolo sovrano anche se si presentò in origine come populista e sovranista, che sconfessa ogni giorno le posizioni e gli alleati del giorno precedente, campa sulla pandemia e sul panico che ne deriva, finge di essere modello per il mondo intero mentre il paese sprofonda nella sua crisi più drammatica; annuncia, sceneggia, assume poteri inauditi, cerca di galleggiare a ogni prezzo, non ha altro dio all’infuori di sé. La politica tutta, da sinistra a destra, non può accettare di essere così mortificata e commissariata, deve rimandare Conte nel nulla da cui è venuto per riprendersi la dignità Leggi il seguito…

    • Obiettivi ONU 2030: la Santa Sede faccia attenzione

      di Stefano Fontana. La Chiesa cattolica sembra partecipare con convinzione al perseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU per il 2030, però in quegli Obiettivi molte cose non vanno né per la morale naturale né per quella cattolica. Nelle parole melliflue riportate al punto 3.7 troviamo l’aborto universalizzato, la contraccezione finanziata o imposta, la negazione della vita e della famiglia. Quest’ultima parola – famiglia – non appare mai in tutti i 169 Traguardi ONU. Come è possibile, allora, che la Santa Sede ne sia entusiasta e vi collabori? Leggi il seguito…

    • Inizia l’era di Biden, il presidente del compromesso. Mentre Trump già prepara il ritorno in scena: come, si vedrà

      di Vito De Luca. D’accordo, Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti, il 46°, e Donald Trump, il predecessore, è volato al caldo della Florida. Forse “The Donald” fonderà un suo partito, o un movimento, forse rimarrà all’interno del Gop, il Grand Old Party, forse darà vita ad un network tutto suo, forse si ricandiderà alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024, forse lo farà uno dei suoi figli. Di sicuro, però, si ha che da un lato Biden sarà, sin da oggi, a partire dalla raffica degli ordini esecutivi sparati immediatamente (tra l’altro, l’unico e autentico potere governativo che hanno i presidenti americani), un presidente anatra zoppa, e dall’altro che Trump non sparirà. Leggi il seguito…

    • Perché la Chiesa ormai fa politica diretta

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. I vertici ecclesiastici sia della Chiesa universale che di quella italiana ormai fanno politica diretta, appoggiano governi e uomini politici, ne condannano altri, sostengono formule politiche a danno di altre o addirittura collaborano a creare nuovi corsi politici. Gli esempi sono molteplici. L’appoggio a Biden, l’odio politico per Trump oppure per Salvini, l’appoggio a suo tempo al governo Monti e ora al governo Conte, il sostegno incondizionato per il governo dell’Unione Europea, la produzione di nuovi soggetti politici come per esempio il partito “Insieme” di Stefano Zamagni, l’invito ai parlamentari cattolici a sostenere un possibile nuovo partito di Conte in cui forse confluirebbe anche “Insieme”. Papa e Vescovi fanno i politicanti, non c’è dubbio. Leggi il seguito…