Quando il medico si sente Zeus

joella

Il Great Ormond Street Hospital di Londra è l’ospedale pediatrico dove i medici hanno deciso che il migliore interesse, il best interest, come lo chiamano da quelle parti di Charlie è nientepopodimeno che… morire. Sostenerne la ventilazione? macché, è accanimento terapeutico, dicono. Provare una cura sperimentale che probabilmente non darà alcun risultato, ma almeno uno ci ha provato e con i soldi delle donazioni senza oneri aggiuntivi per la comunità? Manco a parlarne. Perché il diniego? Mistero. Farlo morire a casa? Nemmeno quello, vogliono controllare ogni passaggio dell’esecuzione, mica sono dilettanti questi qua.

Mi è venuto in mente che il Great Ormond Street Hospital è lo stesso ospedale dove una mamma disperata portò il proprio bambino di meno di un anno in cerca di aiuto. Joel, così si chiamava il piccolo, soffriva di una grave anomalia nella formazione della parete addominale, estrofia della cloaca, è il nome della patologia; le viscere fuoriuscivano dalla pancia rendendo incerti i genitali esterni. I neonatologi avevano registrato il piccolo come un bambino, ma non erano affatto certi.

Quando il caso fu presentato all’urologo del Great Ormond le fu detto: “Sta crescendo il bambino secondo il sesso sbagliato. Questo bambino deve crescere come una bambina“.

Allora come oggi i sanitari si dichiararono sicuri: il best interest era seguire i loro consigli, fu così che Joel diventò per tutti Joella. La madre si fidò dei medici che applicarono il protocollo e le teorie di John Money. Ma Joel-Joella crescendo dimostrava di non amare le gonnelline, le bambole e i boccoli, amava le auto e il football e una volta giunta alla pubertà cominciò ad essere attratto dalle ragazze; “sarò lesbica”, pensò.

Un tormento continuo. Chi sono io? Si domandava. Cosa c’è che non va in me? Cadde in depressione e vi rimase fino a quando si recò da un endocrinologo di un altro ospedale, il Pilgrim Hospital di Boston, nel Lincolnshire. Non era un ospedale famoso come quello londinese, ma fu qui che con un semplice esame dei cromosomi si scoprì che le cellule di Joel-Joella avevano un cromosoma X ed uno Y: era un maschio. Diagnosi sbagliata, prognosi sbagliata, terapia sbagliata, approccio bioetico sbagliato, il tutto scoperto in un posto che non era il celebrato Great Ormond Street Hospital.

Capita anche ai luminari di fallire le previsioni ed il tonfo è tanto più forte quanto più grande è la sicumera. Oggi, altri luminari del Great Ormond Street Hospital hanno deciso che il piccolo Charlie ed i suoi genitori non hanno diritto ad alcuna speranza, per quanto flebile essa possa essere. Forse si sentono dei dell’olimpo la cui parola decide della vita o della morte.

Mi frullano nella mente le parole rivolte ai genitori di Charlie del mio amico Dino Moltisanti, un bioeticista sopraffino capace di coniugare il cuore alla testa, ve le riporto dal suo profilo Fb: “Oggi tante e tanti piangeranno con voi. Probabilmente avreste versato lacrime anche tra qualche mese, quando la cura sperimentale non avrebbe sortito gli effetti sperati e Charlie sarebbe comunque volato in cielo (sarebbe volato in cielo o avrebbe avuto una vita difficile perché segnata dalla disabilità?…….). Ma le lacrime di oggi sono qualitativamente diverse da quelle che sarebbero state versate più in là. Sono le lacrime del dolore e del distacco, ma anche dell’impotenza e non certo nei confronti della malattia. Sono le lacrime di una speranza infranta, quanto di peggio si possa augurare a un papà o a una mamma. Sono le lacrime di chi percepisce che il proprio figlio non morirà per una malattia ma per mano d’uomo. Proprio per questo, oggi è necessario piangere molto di più“.

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Giuseppe Toniolo sulle dottrine socialistiche: antichità e medioevo

      di Silvio Brachetta. Thomas Stark, docente di filosofia all’Università di St. Pölten in Austria, ha dichiarato che «il socialismo non è qualcosa che si è appena verificato nel XVIII e XIX secolo, come molti credono», ma «è una tentazione costante, un problema costante nella storia umana»[1]. La tesi è ripresa da un lavoro[2] di Igor’ Šafarevič, matematico e dissidente russo. In realtà, assieme ad altri[3], ne aveva già trattato Giuseppe Toniolo, molti anni prima, in un suo breve studio sul socialismo[4]. La sua tesi è semplice: lo spirito del socialismo pervade tutta la storia, come «patologia sociale», che si contrappone all’«ordine sociale», naturale e cristiano[5]. Leggi il seguito…

    • Il disagio di dirsi italiani

      di Marcello Veneziani. Confesso che mi trovo a disagio a vivere in questa fase nel nostro Paese, che esito a chiamare Italia; mi vergogno nel vedere questo spettacolo di saltimbanchi e di cialtroni vendicativi e giustificarlo col suo rovescio, che è finita l’epoca dell’odio e della cattiveria, ora arrivano i buoni e l’umanità. Confesso che mi vergogno da italiano nel vedermi rappresentato all’estero da un avvocato saltafossi, venuto dal vaffanculismo e approdato al paraculismo, premier nel vaniloquio e nelle citazioni farlocche per far capire in mezzo a tanti ignoranti che lui ha studiato; e cita ovvietà sconcertanti, del tipo “Hannah Arendt dice che in politica esistono i pregiudizi”. La banalità del tale… Leggi il seguito…

    • Ora la politica torni ad essere “di parola”!

      di Carlo Mascio. Ecco, ora più che mai, a bocce quasi ferme, una riflessione dovrebbe sorgere spontanea: in politica che fine ha fatto il “potere della parola”? E si, perché praticamente tutti, ma proprio tutti, in questa pazza crisi agostana hanno dovuto rimangiarsi parole o dichiarazioni pronunciate su questo o quel partito o su questa o quella persona. Ma la missione della politica richiede una precondizione necessaria da rispettare: garantire una coerenza tra ciò che si promette e ciò che si realizza. La fiducia (e dunque il consenso) fiorisce solo (e bene) in questo processo: coerenza tra parole e fatti. Tutto questo perché le parole hanno un valore e, quando vengono pronunciate, producono sempre un effetto e molte volte questo effetto è la fiducia da parte di chi ascolta. Ecco perché a chi fa politica sono richieste, a maggior ragione, chiarezza e sincerità, fino in fondo. Leggi il seguito…

    • Così PD e M5S preparano la svolta sulla cannabis

      di Giulio Sibona. Ora che la maggioranza di Governo comprende tutta l’ala sinistra del parlamento: 5 stelle, PD e LeU, si è ritrovata nuova unità di intenti sulla liberalizzazione del consumo delle droghe, a partire dalla cannabis, e sbocciano letteralmente nuove proposte, nove. Per la coalizione di sinistra in effetti è sempre stato un mantra la legalizzazione di tutta la catena dalla produzione al consumo personale, l’aggiunta del M5S lungi dal creare scompiglio, aumenta le possibilità e ci illumina sulla loro reale essenza Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.