Il misticismo dei matematici

vuoto-fisica-filosofiaL’ultimo libro di Francesco Agnoli è un testo così inattuale, da essere sempre attuale (cf. Il misticismo dei matematici. Da Pitagora al computer, Cantagalli, Siena, 2017, pp. 146, euro 12).

Quando Laura Boldrini ed Emma Bonino fanno le loro sparate femministe ed avverse alla famiglia tradizionale, di impostazione biblico-patriarcale… Quando i magnati dell’UE, non raramente membri di potentissime logge, vanno avanti nella logica dell’oscurantismo laicista, volendo sempre più imporre censura ai cristiani e al contempo offrire spazi pubblici agli islamici…

Quando si discute di pensiero unico e della profezia realizzata di George Orwell, e anziché cambiare strada, si vuol installare una doxa uguale per tutti, a base di pseudo-diritti LGBT, famiglie transgender, fecondazione artificiale, poligamia, droga libera e gratuita per tutti, diritto al suicidio di stato eccetera eccetera… Il nemico, seppur tacitato per ragioni di comodo, è sempre e anzitutto il cristianesimo, la sua storia, la sua dottrina, il suo nucleo intangibile di verità atemporali, e finanche i suoi simboli e le sue nobili radici.

E il fatto cristiano, in questi 17 pesantissimi anni del III millennio, come previde papa Woytjla, è stato ed è combattuto come nell’arcaico e oggi neo-dominante positivismo comtiano, sempre in nome della scienza (cfr. Auguste Compte, Catechismo positivista, 1852). Anzi della Scienza, pseudo-divinità adorata dagli uni e dagli altri, e soprattutto usata e abusata, quasi violentata per far prevalere una visione ideologica e artificiale della realtà, della politica e della cultura, sulle altre, specie su quelle più legate alla tradizione cristiana ed europea.

Il nostro studioso cattolico, nato a Bologna nel 1974, offre qui una sintesi degli studi che da due decenni lo hanno portato non solo a ristabilire la verità circa la non-incompatibilità tra (vera) fede e (autentica) scienza, tra ragione e religione, tra vero progresso e sano amore della tradizione (in tale ottica si veda il suo recente saggio Filosofia, religione e politica in Albert Einstein, ESD, 2016). Ma altresì offre degli schizzi efficacissimi sulla vita e il pensiero di alcuni immensi scienziati europei, specialmente versati nelle matematiche, per mostrare quanto costoro, non furono in nulla atei, laicisti alla Odifreddi o chiusi alla trascendenza e al divino.

Di più. Da Keplero a Cartesio, da Pascal a Leibniz, da Cantor a Gödel, i veri mostri sacri del numero furono dei credenti appassionati e appassionanti, e a volte dei quasi-mistici, e lo furono proprio in quanto matematici e profondi conoscitori della realtà fisica-materiale dell’universo.

I celebri Teoremi sull’incompletezza di Gödel, tanto per fare un esempio, saggiamente trattati da Agnoli (alle pagine 83-94) nella loro valenza matematico-metafisica, significano per l’appunto che esistono verità assolutamente certe, eppure empiricamente indimostrabili. La certezza che rubare o mentire sia male, e che amare il prossimo o difendere la patria sia bene, non solo non è dimostrabile ora, con gli strumenti che abbiamo al presente. Ma sarà certamente indimostrabile anche in futuro. L’etica infatti non si dimostra, né il valore e la bellezza dell’arte, della letteratura o dell’amore. L’uomo però, conosce di conoscere, e sa anche, paradossalmente, che la sua ragione ha dei limiti invalicabili. Non siamo Dio che sa tutto e tutto può dimostrare, e neppure la bestia che non sa nulla, e che non sa di non sapere… La nostra conoscenza, astrattiva e meta-empirica, ci insegna che non si può e non si deve dubitare di tutto, anche se di tutto sappiamo solo qualcosa.

Un tempo si asseriva come un dogma che la scienza avrebbe capito tutto, spiegato tutto e risolto tutto, e questo fu lo scientismo ottocentesco che tanto male fece alla scienza e alla civiltà umana come tale (con ricadute sull’eugenetica per esempio). Oggi si dice, al contrario, che di nulla possiamo essere certi, e che ogni conquista scientifica e conoscitiva sarebbe sempre parziale e revocabile, e si tratterebbe solo di proporre modelli… (Salvo imporli poi agli increduli). Ma allora a che giova la ricerca?

La via media, tipicamente aristotelica e tomista, fatta propria da Agnoli, ma anche consapevolmente o meno, da epistemologi realisti come Giovanni Reale (Cfr. Saggezza antica, Milano, 1995), mons. Antonio Livi (con Le leggi del pensiero, Roma, 2016) e in parte dallo stesso Popper, ammette l’esistenza della realtà e della sua conoscibilità, seppur in modo frammentario, lacunoso e a volte fallibile. Resta che di molte cose, ovvero virtualmente di tutte, possiamo e dobbiamo parlare, e perfino dobbiamo arrovellarci sui misteri dell’universo, di Dio e dei valori assiologici non commensurabili e non falsificabili.

Ma dobbiamo farlo in modo analogico e prudente, tenendo conto dei principi primi dell’essere e del realismo, altrimenti detti del senso comune.

Agnoli dimostra, proprio attraverso “il misticismo dei matematici” che la scienza non sta mai contro la tradizione, l’etica e la religione, e in tal senso Einstein ebbe ragione nel dichiarare che un tempo verrà in cui gli autentici scienziati saranno le persone più religiose del mondo. Poiché sapranno che al di là dei limiti della conoscenza e della non-conoscenza, esiste la certezza di un ordine trascendente, intuibile da tutti, esauribile da nessuno.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…