I 4 cardinali come don Primo Mazzolari?

cattura

In questi giorni Bergoglio esalta due preti che non furono sempre obbedienti ai loro superiori. Per molti non furono neppure esemplari; e neppure profeti. Non lo sappiamo, e non vogliamo approfondire, ma certo resistettero spesso all’autorità ecclesiastica.

In questi giorni esce una nuova lettera dei 4 cardinali celebri per i Dubia. Chiedono, ancora una volta, una risposta, o quantomeno una udienza.

Chiedono di non essere ignorati; di essere ricevuti.

Da mesi 4 cardinali tra i più importanti al mondo – un italiano che è stato tra i più vicini a Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, Carlo Caffarra; un americano e un tedesco, Burke e Brandmueller, che sono stati tra i più intimi amici e collaboratori di Bendetto XVI, e un tedesco ascoltatissimo ai tempi di Giovanni Paolo II-, chiedono a Francesco un minimo di attenzione, almeno il tempo di un incontro personale, da parte di chi accoglie ogni giorno giornalisti, uomini politici, uomini di spettacolo, signori della rete…Da parte di chi concede interviste a ritmo continuo ai giornali più svariati, ma non ha tempo per coloro che dovrebbero aiutarlo ed affiancarlo nel governo della Chiesa.

No, per loro nè una risposta, nè un incontro. Allora viene da chiedersi: che senso ha esaltare i “disubbedienti” del passato, dar loro risposta e “udienza” postuma, elogiare la loro disubbedienza, smentendo i propri predecessori, e non rispondere a chi pone con umiltà delle questioni evidenti, secondo le leggi della Chiesa, nel pieno rispetto del condice di diritto canonico?

Ha senso dimostrarsi aperti e comprensivi verso chi non c’è più, chiusi e indifferenti verso i confratelli di oggi?

Don Primo Mazzolari, in una celebre lettera ristampata alcuni anni orsono da 30 Giorni, rivista su cui scrivevano Andrea Tornielli e Antonio Socci (non ce ne voglia quest’ultimo, uomo libero e non di potere), già allora vicina al cardinale di Buenos Aires, scriveva:

... Per voler bene al papa [Pio XII] non è necessario rompere i confini, né dimenticare ch’egli pure è un uomo. A me pare che una venerazione, la quale tiene fissi gli occhi anche su quello che vi è d’umano, e ce n’è tanto nella storia della Chiesa, e non lo veli per falsa devozione quando è indegno, né lo esalti troppo quando è magnifico, sia affetto più virtuoso e virile.
Perché esaltarci con espressioni di dubbia lega per dire: «Santità, sono un vostro figliuolo: parlate. Vi obbedirò come obbedisco a Cristo»?…

Sono parole che possiamo adattare all’oggi. Anche se i media laici e laicisti esaltano ogni giorno Bergoglio e i suoi continui gesti di rottura con il magistero precedente, con “falsa devozione”; anche se certi cattolici credono che il papa abbia potere sul depositum fidei, nonostante tutta la Tradizione della Chiesa e il Vangelo stesso lo neghino, i cattolici saggi non dimentichino che il papa “egli pure è un uomo“; che egli pure sbaglia; che egli può pure essere ripreso dai suoi intimi collaboratori, come lo fu Pietro da Paolo; che egli pure può sentirsi dire, da Cristo in persona, come già nel Vangelo: “Vade retro Satana! Tu mi sei di scandalo…Non pensi secondo Dio,  ma secondo gli uomini“.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Uniti, ma fino a un certo punto

      di Marcello Veneziani. Noi europei siamo fragile cosa ma se avessimo vera unità verso l’esterno, anziché pretendere uniformità all’interno, saremmo in grado di esprimere una forte e coesa leadership europea, un esercito comune, una linea strategica unita. Alla fine mi accorgo che i veri europeisti poi sono i sovranisti, quelli che credono cioè alla sovranità europea rispetto al mondo, dopo aver rivendicato all’interno le sovranità nazionali rispetto alle imposizioni eurocratiche; quelli che credono che sia decisivo difendere i confini e la sicurezza, e che sia necessario avere decisori forti. Non puoi misurarti con nessuno al mondo se ti definisci globalista, nemico delle frontiere, pacifista disarmato ad ogni costo Leggi il seguito…

    • Super ex cita Newman: perchè è giusto resistere al papa

      di Marco Tosatti. Il nuovo santo, il cardinal J. H. Newman, ci parla. Prendiamo in mano la sua Lettera al duca di Norfolk. Coscienza e libertà (Paoline), e immaginiamola scritta ai pochi cardinali che oggi si oppongo alla distruzione sistematica della Chiesa, guidata da Bergoglio Leggi il seguito…

    • Benedetto XVI ad Aparecida: una luce per oggi

      di Stefano Fontana. Può essere molto utile, mentre si svolge il sinodo dell’Amazzonia, rileggere il discorso di Benedetto XVI all’inaugurazione della V Conferenza dei vescovi latinoamericani e dei Caraibi ad Aparecida il 13 maggio 2007. La prima cosa che si nota è una visione provvidenziale e cristiana del processo di evangelizzazione di quel continente. “Che cosa ha significato l’accettazione della fede cristiana per i Paesi dell’America Latina e dei Caraibi?” si chiedeva il papa. E rispondeva “Per essi ha significato conoscere e accogliere Cristo … ha significato anche aver ricevuto, con le acque del Battesimo, la vita divina che li ha fatti figli di Dio per adozione; avere ricevuto, inoltre, lo Spirito Santo, che è venuto a fecondare le loro culture, purificandole”. Leggi il seguito…

    • E il Nobel di Greta è volato in Etiopia

      di Giuseppe Leonelli. I bookmaker hanno toppato. Greta Thunberg non ha vinto il premio Nobel per la Pace 2019 che è invece stato assegnato al premier etiope Abiy Ahmed Ali “per i suoi sforzi  – si legge nella motivazione – per raggiungere la pace e la cooperazione internazionale, e in particolare per la sua decisiva iniziativa per risolvere il conflitto di confine con la vicina Eritrea”. E così, dopo avere accusato il leader del pianeta di averle “rubato i sogni e l’infanzia”, Greta si è vista scippare l’importante riconoscimento dal premier etiope. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.