Don Lorenzo Milani pedofilo?

cattura

Nell’opera omnia di un prete oggi beatificato da Bergoglio,  don Lorenzo Milani, opera pubblicata nel Meridiano Mondadori, vi è una lettera di don Milani a Giorgio Pecorini, in cui si leggono questi passaggi:

Quei due preti mi domandavano se il mio scopo finale nel fare scuola fosse portarli alla Chiesa o no e cosa altro mi potesse interessare al mondo nel fare scuola se non questo. E io come potevo spiegare a loro così pii e così puliti che io i miei figli li amo, che ho perso la testa per loro, che non vivo che per farli crescere, per farli aprire, per farli sbocciare, per farli fruttare? Come facevo a spiegare che amo i miei parrocchiani più che la Chiesa e il Papa? E so che se un rischio corro per l’anima mia non è certo di aver poco amato, piuttosto di amare troppo (cioè di portarmeli anche a letto!)”.

Questi passi hanno ispirato recentemente Walter Siti, e il prete pedofilo presente nel suo romanzo “Bruciare tutto”.

Alcuni sono intervenuti a spiegare che le parole di don Milani, innegabili, non vanno interpretate in questo modo: andrebbero comprese come modi di dire, andrebbero contestualizzate… (vedi: https://it.aleteia.org/2017/04/22/siti-romanzo-pedofilia-don-milani/).

Cosa significa? Davvero qualche santo ha mai utilizzato simili espressioni? Davvero si possono scrivere certe cose?

Francesco Borgonovo, su La Verità del 21/6/2017, è tra coloro che criticano la scelta di Bergoglio di procedere ad affrettate beatificazioni (di don Milani, come di Bonino, Pannella, Scalfari…), e ricorda un altro passaggio della lettera di don Milani a Pecorini: “E chi potrà amare i ragazzi fino all’osso senza finire di metterglielo anche in culo, se non un maestro che insieme a loro ami anche Dio e tema l’Inferno ?” .

Dunque: don Milani era pedofilo, aveva tendenze pedofile? Ai suoi tempi questa accusa gli fu fatta ( fu accusato, anche dalla gente, di essere omosessuale e pedofilo, vedi Eraldo Affinati, L’uomo del futuro; Paola Bassani, Aneglo L. Rossi, Don Lorenzo Milani: le perle che ci ha lasciato); oggi viene riproposta alla luce dei suoi stessi scritti. Ma i difensori si arrampicano sugli specchi.

Fatto sta che il vescovo di Firenze, mons. Betori, ha preso posizione molto chiara, come i cardinali che lo precedettero e che conobbero don Milani: con me alla guida della diocesi, nessuna causa di beatificazione per don Milani!

fiesoli

Betori probabilmente sa anche un altro fatto: che alcuni scolari di don Milani sono da molti anni al centro di uno scandalo pedofilia di incredibili proporzioni!

tiliacos

 

Ci riferiamo allo scandalo ormai conosciuto ed ammesso da tutti, del Forteto e che coinvolge tra gli altri Rodolfo Fiesoli, per anni, fino all’ultimo arresto,  consigliere del Centro Documentazione don Lorenzo Milani e Scuola di Barbiana:

http://www.ilfoglio.it/articoli/2013/11/03/news/la-storia-degli-abusi-del-forteto-e-dei-cattivi-scolari-di-don-milani-56219/

http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/01/18/cattivi-scolari-di-don-milani-la-catastrofe-del-forteto/

http://www.affaritaliani.it/cronache/forteto-fiesoli-chierichetto-in-chiesa-ecco-le-foto-477518.html

 

Poichè Fiesoli, condannato dalla giustizia italiana a 15 anni, è stato chierichetto e allievo di Don Milani, e poichè, come è risaputo, chi ha subito violenza, spesso la ripete su altri, i dubbi su don Milani si fanno davvero terribili… soprattutto in un tempo in cui uomini di chiesa continuano a lanciare “ponti” verso ciò che era, sino a ieri, “perversione”.

milani

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Verità senza più diritti, così cambia la dottrina, cari pompieri

      di Stefano Fontana. Molti cattolici dicono che la richiesta di papa Francesco di riconoscere giuridicamente le coppie omosessuali non intacca la dottrina. Ma la frase non nega solo la dottrina sull’omosessualità, ma anche la dottrina del diritto e dell’autorità politica. I diritti della coppia omosessuale non esistono. A nessuno fa piacere dire che il Papa sbaglia su questioni di dottrina. Ma anche la verità ha i suoi diritti. Leggi il seguito…

    • Dopo il Papa, primi vescovi allo scoperto. Serve chiarezza

      di Luisella Scrosati. Le parole di Papa Francesco sulle coppie gay stanno facendo uscire allo scoperto i primi vescovi: «Sì alle adozioni», dice il vescovo Ricchiuti. La Congregazione per la Dottrina della Fede deve intervenire e mettere in fuga ogni dubbio, è il suo compito e c'è anche già un precedente. L’errore di una possibile accettazione da parte della Chiesa delle unioni civili è stato diffuso dal Papa e ora è necessario fare chiarezza. La richiesta della Bussola.  Leggi il seguito…

    • Marcello Pera: “Così Bergoglio ci manda tutti a fondo”

      L'ex presidente del Senato commenta le frasi del Papa sugli omosessuali: “Francesco laicizza la chiesa, si adegua a un caposaldo del pensiero secolare odierno" “Che due omosessuali si uniscano in una relazione non semina scandalo. Si tratta di un rapporto di amore, amicizia, reciproco sostegno, che non deve essere discriminato e ancor meno penalizzato”. Marcello Pera, già presidente del Senato, intellettuale laico che per anni ha dialogato con Joseph Ratzinger, commenta con il Foglio le frasi di Papa Francesco sugli omosessuali contenute nel documentario presentato ieri alla Festa del Cinema di Roma. “Però – puntualizza – se questa unione si chiama ‘famiglia’, allora è un matrimonio, e se è un matrimonio, oltre che un sacramento, è un contratto che gode di tutti i diritti connessi, compreso quello ad avere figli, che nel caso di omosessuali si può soddisfare solo con l’utero in affitto”. Leggi il seguito…

    • Francesco non parlava dei gay ma del loro “diritto al figlio”. Ed è molto peggio

      di Idefix. In un certo senso è vero: papa Francesco non ha detto quello che molti pensano abbia voluto dire. Purtroppo ha detto molto di peggio. Non si tratta “soltanto” dell’invito al riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali, fatto già abbastanza clamoroso per un Pontefice. Tantomeno si tratta del riferimento ai diritti individuali delle persone conviventi, indipendentemente dalla natura del loro rapporto: una legge del genere verrebbe approvata in cinque minuti all’unanimità. Men che mai le incaute dichiarazioni rilanciate dal documentario presentato in queste ore possono essere derubricate come una preoccupazione per il diritto degli omosessuali a non essere rifiutati dalla propria famiglia d’origine (ci mancherebbe). Leggi il seguito…