Russia, attivista gay Guaiana rilasciato con altri 4. Gli indizi che portano a Soros

yuri-guaiana

di Intelligo.

Yuri Guaiana, attivista italiano per i diritti gay, è stato rilasciato dopo un breve fermo subito a Mosca insieme ad altri 4 russi (clicca qui per vedere la foto insieme). Due di loro appaiono come membri di Open Russia (movimento guidato da Hodorkovskij, in collegamento con la Open Society di Soros). La causa del fermo? Aver organizzato una protesta non autorizzata dalla questura. Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa russa Ria Novosti, una volta fermato dalla polizia l’italiano Guaiana si sarebbe affrettato a contattare la radio italiana per raccontare la vicenda. Stando a quanto da lui riportato pare che i 5 attivisti stavano portando presso l’ufficio del Procuratore Generale delle scatole contenenti diverse firme a sostegno delle minoranze sessuali in Cecenia. Sul sito di Open Russia si legge infatti che nelle scatole fossero raccolti due milioni di firme a sostegno della petizione che chiedesse di indagare sul rispetto dei diritti gay in Cecenia.

La fonte dell’accusa – L’articolo che ha scatenato la polemica internazionale sulla violazione dei diritti gay in Cecenia è stato pubblicato sulla rivista russa Novaya Gazeta il 1 aprile 2017. Nell’articolo intitolato Delitto d’onore si parla dei presunti arresti di massa gay in Cecenia, almeno tre dei quali vengono dati addirittura per morti. A tutt’oggi questa denuncia desta molteplici sospetti di essere una fake news. Ecco le contestazioni. Tra i primi ad accusare Novaya Gazeta di diffondere le notizie false è stato proprio uno dei famosi attivisti per i diritti LGBT russo Nicolai Alekseev. Insieme ad altri soci del progetto GayRussia.ru ha fatto causa al giornale liberale russo presso il Tribunale Bassmanny. In un’intervista a TJournal, Alekseev ha chiesto che Novaya Gazeta smentisca la bugia secondo cui i tentativi di GayRussia di organizzare delle manistestazioni di massa in Cecenia abbiano scatenato la persecuzione dei gay (ndr, di seguito il post su Facebook di Alekseev).

Sulla sua pagina Facebook proprio l’attivista gay continua a smontare quella che definisce l’attività diffamatorie delle organizzazioni occidentali in merito al “caso ceceno”. Ad esempio, denuncia i falsi casi della persecuzione dei gay, creati a tavolino in Occidente, secondo lui pompati per raccogliere dei fondi. Oppure, accusa direttamente l’ex-attivista del Moscow Pride Andrey Zaitsev di essersi prestato al giornale Queerty per montare il caso ceceno attraverso le fake news.

Il Cremlino su gay in Cecenia – Rispondendo alle domande dei giornalisti durante l’incontro con Federica Mogherini, il ministro degli esteri Sergey Lavrov ha invitato l’Unione Europea di far perno sui fatti, prima di condannare gli avvenimenti in Cecenia, visto che non esiste nessuna prova del maltrattamento dei gay in questa Repubblica. Il diplomatico russo ha anche sottolineato che tutti i fatti, e non i sospetti, che riguarderebbero le molestie causate alla comunità LGBT in Cecenia, saranno oggetto di un’indagine immediata. Lavrov ha fatto intendere che si tratterebbe di un caso meramente politico, dicendo: “Adesso va di moda sfruttare qualche fattore russo per fini della politica interna europea”. Precedentemente le autorità cecene avevano smentito sia il fatto della persecuzione dei gay in Cecenia, sia la loro esistenza nella repubblica. Il 19 aprile, durante l’incontro con Putin, il capo della Repubblica Cecena Ramzan Kadyrov, ha detto al Presidente russo che la persona data per morta dai giornali è stata trovata viva e salva a casa sua.

Fonte: Intelligo News

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Torino/Gandolfini: “Non esistono figli di due madri. Appendino viola la legge e il diritto ad avere un padre”

      appendino di Comitato Difendiamo i Nostri Figli. “Il Comune di Torino partecipa a pieno titolo alla distruzione del diritto di famiglia già operato dalla giurisprudenza creativa ma soprattutto contribuisce a picconare il sacrosanto diritto di ogni bambino ad avere un padre e una madre. Il sindaco Appendino ha tenuto fede alla promessa, fatta nei giorni scorsi, di forzare la mano per registrare un bambino come figlio di due madri. Ovviamente si tratta di un falso in atto pubblico perché qualsiasi essere umano ha una sola madre e un solo padre.  Leggi il seguito… 

    • Quella voglia degli italiani di cambiare davvero il Paese. E di non essere ancora una volta traditi

      salvini_dimaio di Marcello Foa. Il messaggio è forte e chiaro: gli italiani non sono disposti a farsi ingannare dalle lusinghe e soprattutto dalla propaganda dall’establishment. Hanno voglia di una vera svolta e sono sempre più attenti alla coerenza dei leader. Non è un caso che il gradimento di Di Maio sia sceso di 6 punti, mentre quello di Salvini continui a salire, fino a superare, per la prima volta, quello del capo del Movimento 5 Stelle. Gli elettori non gradiscono la disinvoltura con cui quest’ultimo si propone sia alla Lega sia al Pd e non amano chi antepone evidenti, incontrollabili ambizioni personali al perseguimento di un disegno più ampio e nell’interesse del Paese Leggi il seguito… 

    • Il bullo in classe figlio della cappa statalista

      bulli-di-lucca di Marco Lepore. Di fronte al caso dello studente di Lucca che ha preso a testate il professore, al di là delle banalità ministeriali, giova ricordare due cose. La prima: non tutti gli insegnanti preparati sulla materia sono adatti a insegnare. La seconda: anche questa violenza è figlia della logica statale, che non consente un'autonomia gestionale che servirebbe alla scuola statale per ripartire. Leggi il seguito… 

    • Da Riad e dal Cairo, segni di apertura al cristianesimo

      al-abrar-mecca di Stefano Magni. Una chiesa in Arabia Saudita? Il regno potrebbe consentire a una svolta storica, secondo voci che circolano dopo la visita del cardinal Tauran a Riad. Seguendo la stessa tendenza, anche l’Egitto cambia rotta e autorizza 166 luoghi di culto cristiani. Leggi il seguito…