Russia, attivista gay Guaiana rilasciato con altri 4. Gli indizi che portano a Soros

yuri-guaiana

di Intelligo.

Yuri Guaiana, attivista italiano per i diritti gay, è stato rilasciato dopo un breve fermo subito a Mosca insieme ad altri 4 russi (clicca qui per vedere la foto insieme). Due di loro appaiono come membri di Open Russia (movimento guidato da Hodorkovskij, in collegamento con la Open Society di Soros). La causa del fermo? Aver organizzato una protesta non autorizzata dalla questura. Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa russa Ria Novosti, una volta fermato dalla polizia l’italiano Guaiana si sarebbe affrettato a contattare la radio italiana per raccontare la vicenda. Stando a quanto da lui riportato pare che i 5 attivisti stavano portando presso l’ufficio del Procuratore Generale delle scatole contenenti diverse firme a sostegno delle minoranze sessuali in Cecenia. Sul sito di Open Russia si legge infatti che nelle scatole fossero raccolti due milioni di firme a sostegno della petizione che chiedesse di indagare sul rispetto dei diritti gay in Cecenia.

La fonte dell’accusa – L’articolo che ha scatenato la polemica internazionale sulla violazione dei diritti gay in Cecenia è stato pubblicato sulla rivista russa Novaya Gazeta il 1 aprile 2017. Nell’articolo intitolato Delitto d’onore si parla dei presunti arresti di massa gay in Cecenia, almeno tre dei quali vengono dati addirittura per morti. A tutt’oggi questa denuncia desta molteplici sospetti di essere una fake news. Ecco le contestazioni. Tra i primi ad accusare Novaya Gazeta di diffondere le notizie false è stato proprio uno dei famosi attivisti per i diritti LGBT russo Nicolai Alekseev. Insieme ad altri soci del progetto GayRussia.ru ha fatto causa al giornale liberale russo presso il Tribunale Bassmanny. In un’intervista a TJournal, Alekseev ha chiesto che Novaya Gazeta smentisca la bugia secondo cui i tentativi di GayRussia di organizzare delle manistestazioni di massa in Cecenia abbiano scatenato la persecuzione dei gay (ndr, di seguito il post su Facebook di Alekseev).

Sulla sua pagina Facebook proprio l’attivista gay continua a smontare quella che definisce l’attività diffamatorie delle organizzazioni occidentali in merito al “caso ceceno”. Ad esempio, denuncia i falsi casi della persecuzione dei gay, creati a tavolino in Occidente, secondo lui pompati per raccogliere dei fondi. Oppure, accusa direttamente l’ex-attivista del Moscow Pride Andrey Zaitsev di essersi prestato al giornale Queerty per montare il caso ceceno attraverso le fake news.

Il Cremlino su gay in Cecenia – Rispondendo alle domande dei giornalisti durante l’incontro con Federica Mogherini, il ministro degli esteri Sergey Lavrov ha invitato l’Unione Europea di far perno sui fatti, prima di condannare gli avvenimenti in Cecenia, visto che non esiste nessuna prova del maltrattamento dei gay in questa Repubblica. Il diplomatico russo ha anche sottolineato che tutti i fatti, e non i sospetti, che riguarderebbero le molestie causate alla comunità LGBT in Cecenia, saranno oggetto di un’indagine immediata. Lavrov ha fatto intendere che si tratterebbe di un caso meramente politico, dicendo: “Adesso va di moda sfruttare qualche fattore russo per fini della politica interna europea”. Precedentemente le autorità cecene avevano smentito sia il fatto della persecuzione dei gay in Cecenia, sia la loro esistenza nella repubblica. Il 19 aprile, durante l’incontro con Putin, il capo della Repubblica Cecena Ramzan Kadyrov, ha detto al Presidente russo che la persona data per morta dai giornali è stata trovata viva e salva a casa sua.

Fonte: Intelligo News

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La giunta Appendino vieta il bus anti-gender

      bus-liberta di Elena Barlozzari. Secondo l’assessore grillino l’iniziativa sarebbe in contrasto con una mozione del consiglio comunale. Quella con cui sindaca e giunta si sono impegnate “a non concedere spazi o suolo pubblico a coloro i quali non garantiscono di rispettare i valori sanciti dalla Costituzione, professando e praticando comportamenti fascisti, razzisti, omofobi, transfobici e razzisti”. È bastato evocare lo spauracchio del fascismo ed i suoi corollari per ottenere il ritiro immediato dell’autorizzazione. Leggi il seguito… 

    • Il prestigio internazionale del maggiordomo Gentiloni

      gentiloni di Lodovico Festa. Paolo Gentiloni si fa fregare ogni volta che incontra Emmanuel Macron (dalla Libia all’Egitto, dalla Difesa comune europea alla Fincantieri e così via), va a Berlino e Angela Merkel gli chiede di tornare una settimana dopo perché è impegnata, riceve Recep Tayyip Erdogan con tutti gli onori e quest’ultimo sequestra una nave dell’Eni, gli bocciano Pier Carlo Padoan come presidente dell’Ecofin, la Whirpool ci tratta come dei poveracci senza peso politico, i franco-tedeschi ci imbrogliano sull’Ema per favorire i ben più importanti olandesi Leggi il seguito… 

    • La civiltà della vita e la secolarizzazione del diritto. Conferenza dell’arcivescovo Giampaolo Crepaldi a Milano

      crepaldi_conferenza di Stefano Fontana. Lunedì 19 febbraio l’arcivescovo Giampaolo Crepaldi, vescovo di Trieste e presidente dell’Osservatorio cardinale Van Thuân, ha tenuto a Milano una conferenza su invito del Centro Studi Livatino sul tema “Civiltà della vita e legislazioni che la minacciano” Leggi il seguito… 

    • Francia, vittime dell’antisemitismo islamico

      antisemitismo-in-francia di Lorenza Formicola. Per le strade francesi la parola "ebreo" scritta sulle saracinesche dei negozi e dei ristoranti ebraici, si diffonde sempre di più. Graffiti su dimore private e lettere minatorie per costringere intere famiglie a trasferirsi si moltiplicano. Gli ebrei stanno abbandonando la Francia, le loro case, per trasferirsi in quartieri più sicuri o all'estero. La nuova pulizia etnica targata islam è in corso. Leggi il seguito…