Evoluzione: arriva la TRE. L’alba di una rivoluzione scientifica

tre

A pochi anni dall’inizio dell’attività di Critica Scientifica una nuova teoria dell’evoluzione è arrivata. Il suo nome è TRE (Teoria delle Risonanze Evolutive)

Quando non molti anni fa abbiamo iniziato a dire che la teoria neodarwiniana, con tutte le sue sfaccettature, era una teoria insoddisfacente e abbiamo invitato a cercarne una adeguata non pensavamo che la risposta alla nostra iniziativa potesse arrivare così presto.

Una nuova teoria dell’evoluzione è stata sviluppata all’interno di Critica Scientifica ed è stata pubblicata lo scorso aprile sull’autorevole rivista peer review Physica A con il titolo “A resonance based model of biological evolution“. La notizia è stata poi ripresa tra l’altro dal quotidiano Repubblica oltre che da Canale 5 e altre testate di vario tipo.

E’ bastato che un giovane fisico accettasse la pars detruens da noi proposta e si mettesse di conseguenza a cercare una nuova pars construens coadiuvato da un ricercatore di grandi capacità e il risultato non si è fatto attendere, segno questo che il neodarwinismo ha di fatto costituto per decenni un ostacolo al progresso scientifico.

Ma uno sviluppo di questo tipo in fondo non dovrebbe sorprendere, le cose andarono quasi allo stesso modo con Niels Bohr che nel 1913 propose il suo rivoluzionario modello atomico quantizzato, la differenza è che in quell’occasione il mondo della fisica, a differenza di quanto fatto da quello della biologia per molto tempo, riconoscendo insoddisfacente il modello atomico proposto da Rutherford nel 1911, si era subito messo alla ricerca di una soluzione alternativa.

Ma le analogie non finiscono qui, la TRE ha in comune con la rivoluzione scientifica dell’atomo quantizzato l’esistenza di stati discreti nei quali le specie possono esistere, il modello di evoluzione continuo (gradualismo) diventa in questo modo semplicemente inattuabile come lo era l’atomo di Rutherford, e questo, per stessa ammissione di Darwin, questo rende la teoria darwiniana (e ogni possibile teoria neo-darwiniana) confutata:

«Se molte specie, appartenenti agli stessi generi o famiglie, fossero realmente sorte alla vita improvvisamente, il fatto sarebbe fatale alla teoria delle discendenza lentamente modificata, per mezzo dell’elezione naturale».

Tratto da: Sull’origine delle specie per elezione naturale. Ovvero conservazione delle razze selezionate nella lotta per l’esistenza, di Carlo Darwin, traduzione, col consenso dell’autore, di G. Canestrini e L. Salimbeni, zanichelli, Bologna 1864, pag. 240.

L’autore ha pubblicato un suo articolo su Critica Scientifica per presentare la TRE in versione divulgativa.

.

.

.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il Sinodo dell’Amazzonia bypassa Benedetto XVI

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Benedetto XVI sosteneva che le religioni del mito, le religioni pagane, erano forme umane di esorcizzazione del pericolo dell’esistenza, tramite la protezione di qualche divinità contro altre divinità. La religione cristiana invece è la religione del Logos. Le religioni dei popoli indigeni citate nell'Instrumentum laboris del Sinodo dell'Amazzonia hanno tutte le caratteristiche che Ratzinger attribuiva alle religioni del mito Leggi il seguito…

    • Poveri migranti: ostaggi sì, ma del cinismo buonista

      di Andrea Zambrano. La Cedu respinge il ricorso della Sea Watch3, che vuole a tutti i costi sbarcare i 43 clandestini a Lampedusa. L'obiettivo non è umanitario, ma politico: dimostrare che Salvini si può battere. E il video diffuso ieri dalla ong è la prova della strumentalizzazione di questi poveretti per interessi di bottega: usarli come "scudi umani", giocando sulla loro pelle, con emotività e attraverso bugie mediatiche, non è affermare il loro rispetto, ma la loro futura solitudine. E' questa la cinica danza macabra buonista che le ong alimentano, la Sinistra sostiene e la Chiesa scambia per carità. Leggi il seguito…

    • Aborto o omicidio? Il cieco travaglio della Cassazione

      di Tommaso Scandroglio. I giudici, per avvalorare la tesi che il bambino nascente è come noi e non come un feto qualsiasi, indicano l’esistenza di un “quadro normativo e giurisprudenziale italiano ed internazionale di totale ampliamento della tutela della persona e della nozione di soggetto meritevole di tutela, che dal nascituro e al concepito si è poi estesa fino all'embrione”. Se è soggetto di diritto anche il concepito salta la distinzione giuridica tra omicidio colposo e aborto colposo e dunque anche, più semplicemente, tra omicidio e aborto, perchè anche l’aborto sarebbe un omicidio, solo compiuto prima della nascita. E dunque, a dar retta al senso di questa affermazione, la legge 194 dovrebbe essere dichiarata incostituzionale. Parimenti potremmo usare le stesse argomentazioni articolate dalla Cassazione per chiedere l’abrogazione della legge 194. Perché non usare questa sentenza a nostro favore? Leggi il seguito…

    • Il vescovo di Vicenza, il non giudicare e la DSC

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Un nuovo capitolo della storia del “non giudicare” è stato scritto dal vescovo di Vicenza Beniamino Pizziol in relazione al Gay Pride tenutosi di recente in quella città. Monsignor Pizziol ha isistito su tre punti. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.