Democrazia terminale

Stefano Fontana

Video editoriale di Stefano Fontana, Direttore dell’Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân sulla Dottrina Sociale della Chiesa

****************

QUI il VIDEO della DIRETTA FACEBOOK dell’11 maggio 2017 – Vita Nuova Trieste

fontana-editoriale

 

Il testo del video-editoriale:

Abbiamo allora il nuovo presidente della Francia. Non tutti sanno però che Macron ha ottenuto meno del 25% del voto degli aventi diritto, meno del 25% del voto dei francesi. Gli organi di stampa hanno tutti parlato di un successo travolgente. Il fatto è che Macron ha vinto al ballottaggio, cioè al secondo turno, e ha preso il 66% dei voti espressi al secondo turno, ma non il 65% di tutti i francesi. Chi ha assistito ai telegiornali ha avuto però questa impressione: che il 66% dei francesi abbia votato Macron, mentre in realtà lo hanno votato neanche il 25%.

Questa è la democrazia attualmente vigente in Francia che ha fatto dire al presidente Obama e al presidente Renzi che l’Europa è rafforzata perché la democrazia è rafforzata. In realtà si tratta di una democrazia fasulla, di una democrazia che consiste in una cooptazione dei nuovi candidati in una cerchia ristretta di potenti, determinata e sostenuta dai poteri forti.

Del resto se ci spostiamo in altri ambiti, in cui oggi si dice che c’è democrazia, non troviamo risultati migliori. La democrazia virtuale del M5S si è rivelata spesso falsa, e anche le stesse elezioni primarie interne al Partito Democratico, presentate come un grande esempio di democrazia, in realtà così non sono state. Le elezioni primarie vinte dal presidente Renzi, che è diventato segretario del partito, sono state più che altro un plebiscito nei suoi confronti, non c’è stata discussione nelle sezioni e alla base per i tempi troppo stretti che sono stati imposti, e all’eletto è stato dato come un assegno in bianco, è stata data carta bianca.

Quindi la democrazia che abbiamo davanti è una democrazia che possiamo definire “terminale”, in stato comatoso. Il fatto è purtroppo che questa democrazia, che è in stato terminale, sta producendo leggi terminali. Tutti hanno parlato della legge recentemente approvata dalla Camera sulla legittima difesa, di una legge demenziale. Poco prima abbiamo avuto l’approvazione da parte della Camera della legge sulle Dat (Disposizioni Anticipate di Trattamento) che ha messo completamente da parte il buon senso, il senso comune. Precedentemente abbiamo avuto la legge Cirinnà che non è stata neanche in grado di distinguere tra maschio e femmina.

Il dramma è che questa democrazia terminale produce purtroppo leggi terminali. Si è rafforzata, l’Europa, dopo il voto francese? Molti sostengono di sì, come abbiamo detto, però pensare che il 24% dei francesi che hanno votato Macron abbiano rafforzato l’Europa senza averne la forza è veramente irrealistico.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Torino/Gandolfini: “Non esistono figli di due madri. Appendino viola la legge e il diritto ad avere un padre”

      appendino di Comitato Difendiamo i Nostri Figli. “Il Comune di Torino partecipa a pieno titolo alla distruzione del diritto di famiglia già operato dalla giurisprudenza creativa ma soprattutto contribuisce a picconare il sacrosanto diritto di ogni bambino ad avere un padre e una madre. Il sindaco Appendino ha tenuto fede alla promessa, fatta nei giorni scorsi, di forzare la mano per registrare un bambino come figlio di due madri. Ovviamente si tratta di un falso in atto pubblico perché qualsiasi essere umano ha una sola madre e un solo padre.  Leggi il seguito… 

    • Quella voglia degli italiani di cambiare davvero il Paese. E di non essere ancora una volta traditi

      salvini_dimaio di Marcello Foa. Il messaggio è forte e chiaro: gli italiani non sono disposti a farsi ingannare dalle lusinghe e soprattutto dalla propaganda dall’establishment. Hanno voglia di una vera svolta e sono sempre più attenti alla coerenza dei leader. Non è un caso che il gradimento di Di Maio sia sceso di 6 punti, mentre quello di Salvini continui a salire, fino a superare, per la prima volta, quello del capo del Movimento 5 Stelle. Gli elettori non gradiscono la disinvoltura con cui quest’ultimo si propone sia alla Lega sia al Pd e non amano chi antepone evidenti, incontrollabili ambizioni personali al perseguimento di un disegno più ampio e nell’interesse del Paese Leggi il seguito… 

    • Il bullo in classe figlio della cappa statalista

      bulli-di-lucca di Marco Lepore. Di fronte al caso dello studente di Lucca che ha preso a testate il professore, al di là delle banalità ministeriali, giova ricordare due cose. La prima: non tutti gli insegnanti preparati sulla materia sono adatti a insegnare. La seconda: anche questa violenza è figlia della logica statale, che non consente un'autonomia gestionale che servirebbe alla scuola statale per ripartire. Leggi il seguito… 

    • Da Riad e dal Cairo, segni di apertura al cristianesimo

      al-abrar-mecca di Stefano Magni. Una chiesa in Arabia Saudita? Il regno potrebbe consentire a una svolta storica, secondo voci che circolano dopo la visita del cardinal Tauran a Riad. Seguendo la stessa tendenza, anche l’Egitto cambia rotta e autorizza 166 luoghi di culto cristiani. Leggi il seguito…