Causa da 10 miliardi contro Soros

soros

di Roberto Vivaldelli.

George Soros è nei guai. Il finanziere americano di origini ungheresi dovrà affrontare una battaglia legale da dieci miliardi di dollari con l’accusa di aver esercitato la sua imponente influenza politica sul governo della Guinea al fine di danneggiare la compagnia israeliana Bsg Resources. Il tutto per il proprio tornaconto personaleA riportarlo è Fox News.

Il magnate e presidente della Open Society Foundations avrebbe – secondo le accuse mosse dalla compagnia e alle quali ora dovrà rispondere – esercitato il proprio potere al fine di mettere i bastoni tra le ruote alla stessa Bsg Resources, impedendole di stringere accordi e accedere ad appalti nell’ambito del settore minerario della nazione africana. Questa volta Soros si è messo contro degli avversari altrettanto potenti.

L’accusa contro George Soros

«Soros ha agito allo scopo di danneggiarci, in quanto non possiede attività economiche in Guinea» – scrive l’azienda negli atti giudiziari depositati presso il tribunale. Il portavoce di Soros ha replicato, sostenendo che «come filantropo egli sostiene regolarmente i governi democratici in Europa orientale e in Africa», aggiungendo che «da tutta la vita egli ha interesse ad aiutare le nazioni più povere. Ha semplicemente chiesto di monitorare la Bsg, allarmato da una possibile corruzione e dai problemi legali della società». Ora sarà la giustizia a stabilire chi ha ragione.

Sullo sfondo la rivalità con Israele e Beny Steinmetz

Come riporta Fox News, la Bsg è presieduta dal magnate e avversario di Soros, Beny Steinmetz, il quale ha accusato il finanziere e le sue fondazioni di aver sabotato la sua società. Steinmetz sostiene che Soros, con il quale non è in buoni rapporti da più di vent’anni, sia ostile allo stato di Israele. La Bsg si è vista rescindere il contratto di sfruttamento delle miniere quando si è rifiutata di pagare centinaia di milioni di dollari per rinnovare le licenze; secondo i vertici della società, George Soros ha inoltre fatto pressione sul Dipartimento di Giustizia americano per mettere sotto indagine l’azienda. I portavoce di Soros negano il fatto e sostengono che la Bsg usi questo pretesto per sviare l’attenzione dalle proprie controversie legali.

“Ha influenzato la politica americana”

J. Christian Adams, già procuratore del Dipartimento di Giustizia durante l’amministrazione Obama e ora a capo dellaPublic Interest Legal Foundation, ha dichiarato aFox News che Soros ha una certa influenza nei confronti del Dipartimento. «Le sue organizzazioni hanno cambiato la politica del Dipartimento negli anni di Obama. Gli americani non hanno idea di quanto sia importante la sua influenza» – ha affermato.

Un dato di fatto incontrovertibile, come sottolinea anche Luca Mainoldi sull’ultimo numero di Limes: «La rete di Ong, gruppi di attivisti e consorzi giornalisti investigativi creati o finanziati da Soros è in effetti vastissima e diversificata. La caratteristica che li accomuna è che, nella visione del finanziere, questi gruppi contribuiscono a promuovere, ognuno nel proprio ambito, l’affermazione in tutto il mondo del concetto di società aperta immaginato da Karl Popper, che il magnate considera il suo mentore filosofico». Un potere pressoché illimitato capace di esercitare pressioni sui governi grazie all’azione promossa da una fittissima rete di organizzazioni finanziate dalla Open Society Foundations.

Il potere di Soros contro le sovranità nazionali

«La prima cosa che salta agli occhi è la natura megalomane del progetto filantropico di Soros. Nessun angolo del globo è risparmiato dai suoi sforzi. Non vi è area politica che lasci intoccata». Non è la tesi di un qualunque cospirazionista o peggio ancora di un’antisemita, ma di Carlone B. Glick, editorialista del Jerusalem PostL’affondo di Glick è durissimo: «I popoli dell’Occidente devono riconoscere le basi comuni di tutte le azioni di Soros. Devono anche rendersi conto che l’unica risposta a queste campagne premeditate di sovversione è che i popoli dell’Occidente devono sostenere i loro diritti nazionali e il loro diritto individuale alla sicurezza. Devono stare dalla parte delle istituzioni nazionali che garantiscono che la sicurezza, in conformità con le leggi, e sostenere e difendere i propri valori e le tradizioni nazionali».

Fonte

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Torino/Gandolfini: “Non esistono figli di due madri. Appendino viola la legge e il diritto ad avere un padre”

      appendino di Comitato Difendiamo i Nostri Figli. “Il Comune di Torino partecipa a pieno titolo alla distruzione del diritto di famiglia già operato dalla giurisprudenza creativa ma soprattutto contribuisce a picconare il sacrosanto diritto di ogni bambino ad avere un padre e una madre. Il sindaco Appendino ha tenuto fede alla promessa, fatta nei giorni scorsi, di forzare la mano per registrare un bambino come figlio di due madri. Ovviamente si tratta di un falso in atto pubblico perché qualsiasi essere umano ha una sola madre e un solo padre.  Leggi il seguito… 

    • Quella voglia degli italiani di cambiare davvero il Paese. E di non essere ancora una volta traditi

      salvini_dimaio di Marcello Foa. Il messaggio è forte e chiaro: gli italiani non sono disposti a farsi ingannare dalle lusinghe e soprattutto dalla propaganda dall’establishment. Hanno voglia di una vera svolta e sono sempre più attenti alla coerenza dei leader. Non è un caso che il gradimento di Di Maio sia sceso di 6 punti, mentre quello di Salvini continui a salire, fino a superare, per la prima volta, quello del capo del Movimento 5 Stelle. Gli elettori non gradiscono la disinvoltura con cui quest’ultimo si propone sia alla Lega sia al Pd e non amano chi antepone evidenti, incontrollabili ambizioni personali al perseguimento di un disegno più ampio e nell’interesse del Paese Leggi il seguito… 

    • Il bullo in classe figlio della cappa statalista

      bulli-di-lucca di Marco Lepore. Di fronte al caso dello studente di Lucca che ha preso a testate il professore, al di là delle banalità ministeriali, giova ricordare due cose. La prima: non tutti gli insegnanti preparati sulla materia sono adatti a insegnare. La seconda: anche questa violenza è figlia della logica statale, che non consente un'autonomia gestionale che servirebbe alla scuola statale per ripartire. Leggi il seguito… 

    • Da Riad e dal Cairo, segni di apertura al cristianesimo

      al-abrar-mecca di Stefano Magni. Una chiesa in Arabia Saudita? Il regno potrebbe consentire a una svolta storica, secondo voci che circolano dopo la visita del cardinal Tauran a Riad. Seguendo la stessa tendenza, anche l’Egitto cambia rotta e autorizza 166 luoghi di culto cristiani. Leggi il seguito…