Orban smaschera Soros: “Dietro le ong il piano per riempire l’Ue di clandestini”

soros-foundations2

di Sergio Rame.

Viktor Orban smaschera George Soros. E lo fa dimostrando come il miliardario americano riesca a sostenere l’immigrazione clandestina nel Vecchio Continente.

“L’intera vicenda ruota attorno a George Soros, nascosta agli occhi del pubblico e attraverso le sue organizzazioni ungheresi, con il sostegno all’immigrazione illegale”, ha detto il primo ministro ungherese giustificando così, in una intervista al quotidiano Magyar Idok, la decisione di chiudere la Central European University (Ceu) di Budapest, l’università fondata dal finanziere americano.

Nell’intervista Orban accusa apertamente Soros di finanziare “innumerevoli organizzazioni di lobby travestite da associazioni civiche” e, al tempo stesso, di mantenere “una propria rete, con i suoi portavoce, i suoi media, molte centinaia di persone, la sua università”. Un’attività, quella del finanziere americano nato a Budapest, dalla quale l’Ungheria deve proteggersi. Di questo Orban ne è certo. E per questo è ben determinato a combattere Soros e tutte le organizzazioni che gravitano attorno a lui.

Ai primi di aprile, il parlamento magiaro ha approvato una legge che sembra ritagliata su misura per giungere alla chiusura della Central European University di Budapest. Il provvedimento ha sollevato critiche internazionali e provocato manifestazioni di protesta in Ungheria. Manifestazioni sollevate e incoraggiate dallo stesso Soros per destabilizzare il Paese che da anni si oppone allo strapotere dell’Unione europeo e all’immigrazione di massa che sta cambiando il volto del Vecchio Continente. La lotta del governo magiaro a Soros non è destinata a limitarsi alla chiusura della sua università. I deputati stanno, infatti, discutendo un altro provvedimento per colpire le organizzazioni della società civile che ottengono aiuti dall’estero.

Fonte: il Giornale

Articoli correlati:

Il piano ungherese per proibire le operazioni di Soros in Europa

Orban vuole “spazzare via” Soros

George Soros, l’uomo che paga l’invasione dell’Europa

Lo “schema Soros” e l’immigrazione indotta

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Rivoluzione LGBTQIA: la confusione come programma

      gender-revolution di Silvio Brachetta. “C’insultano per strada” – dicevano – “ci picchiano, ci fanno violenza a causa del nostro omoerotismo”. Ma era solo un pretesto per il vero obiettivo, mai dichiarato: libertà assoluta di esibire le proprie perversioni, libertà assoluta di coinvolgere i minori, libertà assoluta d’invadere la società con l’osceno, libertà assoluta di cambiare il senso delle parole, libertà assoluta di modificare la perversione in diritto, libertà assoluta di educare i giovani al sesso libero. Leggi il seguito… 

    • La violenza di una legge sui “diritti” sessuali e religiosi dei bambini

      bill_89 di Benedetta Frigerio. Il Canada ha approvato una norma (bill 89) che dice di voler tutelare gli innocenti, ma le famiglie e le associazioni hanno lanciato una petizione per l'abrogazione. Il rischio è che lo Stato li strappi ai loro genitori per educarli secondo il potere omosessualista affermando la menzogna dell'autodeterminazione anche dei bambini: dopo la nobilitazione della sodomia questa non poteva che essere la nuova frontiera. Leggi il seguito… 

    • La polizia tedesca ordina: non dite la verità sul terrorismo islamico

      bundeskriminalamt di Marcello Foa. Il Corriere del Ticino, principale testata del gruppo che dirigo, ha pubblicato questa mattina un documento riservato del Bundeskriminalamt (BKA) la Polizia criminale tedesca. Si intitola «Come agire in presenza di attacchi terroristici” e contiene le linee guida sulle informazioni da trasmettere alla stampa in queste circostanze. L’intenzione è lodevole: evitare il diffondere di allarmismi, ma le conseguenze pratiche sono sorprendenti. E inquietanti. Leggi il seguito… 

    • Germania, i reati sessuali dei ‘migranti’ raddoppiano dopo un anno

      einzelfall-map-r di Lorenza Formicola. Il 27 aprile la BKA, la polizia federale criminale, ha mandato in stampa un rapporto sulla "Criminalità nel contesto della migrazione" (Kriminalität im Kontext von Zuwanderung), in cui si registra un incremento di quasi il 500% di crimini sessuali commessi da immigrati (aggressioni sessuali, stupri e abusi sessuali sui minori) nel corso degli ultimi quattro anni. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.