Orban smaschera Soros: “Dietro le ong il piano per riempire l’Ue di clandestini”

soros-foundations2

di Sergio Rame.

Viktor Orban smaschera George Soros. E lo fa dimostrando come il miliardario americano riesca a sostenere l’immigrazione clandestina nel Vecchio Continente.

“L’intera vicenda ruota attorno a George Soros, nascosta agli occhi del pubblico e attraverso le sue organizzazioni ungheresi, con il sostegno all’immigrazione illegale”, ha detto il primo ministro ungherese giustificando così, in una intervista al quotidiano Magyar Idok, la decisione di chiudere la Central European University (Ceu) di Budapest, l’università fondata dal finanziere americano.

Nell’intervista Orban accusa apertamente Soros di finanziare “innumerevoli organizzazioni di lobby travestite da associazioni civiche” e, al tempo stesso, di mantenere “una propria rete, con i suoi portavoce, i suoi media, molte centinaia di persone, la sua università”. Un’attività, quella del finanziere americano nato a Budapest, dalla quale l’Ungheria deve proteggersi. Di questo Orban ne è certo. E per questo è ben determinato a combattere Soros e tutte le organizzazioni che gravitano attorno a lui.

Ai primi di aprile, il parlamento magiaro ha approvato una legge che sembra ritagliata su misura per giungere alla chiusura della Central European University di Budapest. Il provvedimento ha sollevato critiche internazionali e provocato manifestazioni di protesta in Ungheria. Manifestazioni sollevate e incoraggiate dallo stesso Soros per destabilizzare il Paese che da anni si oppone allo strapotere dell’Unione europeo e all’immigrazione di massa che sta cambiando il volto del Vecchio Continente. La lotta del governo magiaro a Soros non è destinata a limitarsi alla chiusura della sua università. I deputati stanno, infatti, discutendo un altro provvedimento per colpire le organizzazioni della società civile che ottengono aiuti dall’estero.

Fonte: il Giornale

Articoli correlati:

Il piano ungherese per proibire le operazioni di Soros in Europa

Orban vuole “spazzare via” Soros

George Soros, l’uomo che paga l’invasione dell’Europa

Lo “schema Soros” e l’immigrazione indotta

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Omofobia, la pretesa di pregare per una imposizione

      veglia-omofobia di Stefano Fontana. L’adesione di vescovi alle veglie contro l’omofobia ha qualcosa di incredibile. Sia dal punto di vista dottrinale che pastorale. Il concetto di omofobia è ideologico e come si può fare una veglia contro qualcosa di ideologico? Se guardiamo poi alla realtà intorno a noi, ci chiediamo dove sia tutta questa omofobia contro la quale alcuni vescovi si sentono chiamati a presiedere veglie di preghiera. Oggi, al contrario, ad essere discriminata è l’eterosessualità. Leggi il seguito… 

    • Omo-benedizioni, la condanna di Schneider

      athanasius-schneider di Marco Tosatti. “Impartire una benedizione a una coppia omosessuale significa benedire il peccato non solo degli atti sessuali fuori del matrimonio, ma quello di atti sessuali fra persone dello stesso sesso, cioè benedire il peccato della sodomia, che è considerato da quasi tutta la storia umana e dall’intera tradizione cristiana come un peccato che grida al cielo". Così il vescovo Athanasius Schneider Leggi il seguito… 

    • Sfatiamo i falsi miti sull’Italia delle banche (VIDEO)

      malvezzi di Byoblu. È vero che le nostre banche e la nostra economia sono talmente malridotte che è necessario intervenire per salvarle, stravolgerle, commissariarle? E se non è vero, perché allora vogliono farcelo credere? In 29 diapositive piene di dati e grafici, Valerio Malvezzi, cofondatore di WinTheBank e professore a contratto dell'Università di Pavia, ribalta il tavolo e capovolge la propaganda mainstream. Leggi il seguito… 

    • La “guerra” per immagini che mette a nudo il totalitarismo

      manifesto-prolife di Andrea Zambrano. Il deciso cambio di strategia dei movimenti pro family e pro life in fatto di campagne comunicative sta provocando una reazione liberticida da parte delle istituzioni. Che si tratti di uffici comunali che ritirano le immagini, come nel caso del manifesto di CitizenGo che ricorda che l’aborto è la prima causa di femminicidio o di Procure della Repubblica sollecitate come nel caso della gigantografia di ProVita che fa memoria a tutti i passanti di essere stati un embrione, poco importa. Leggi il seguito…