8 per mille: il cappio al collo della Chiesa italiana

cappio

 

Il sinodo dei giovani non comincia bene. Ad aprire il dibattito, infatti, tre conferenze organizzate presso l’Università pontificia lateranense.

Tra i relatori, Maria Elena Boschi, sottosegretaria alla presidenza del Consiglio dei Ministri e il cardinal Maradiaga (quello così raffinato che ha liquidato come “pensionati che non hanno neppure letto Amoris laetitia, i 4 cardinali dei Dubia).

Ma perchè Maria Elena Boschi?

timthumb-php

Forse perchè favorevole all’aborto, alla fecondazione artificiale e madrina principale della legge sulle unioni civili?

O per la sua battaglia a favore delle adozioni gay?

Così argomentava rispetto ad esse già nell’aprile 2014:

Cominciamo a riconoscere la parità tra coppie gay ed etero e poi, un passo alla volta, aspettiamo che il Paese sia davvero pronto ad accogliere le “nuove” famiglie (https://www.vanityfair.it/news/politica/14/04/22/maria-elena-boschi-intervista-ministro).

Oppure la Boschi è stata scelta per le frequentazioni massoniche della sua famiglia (http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/massone-dillo-tua-sorella-fu-inequivocabile-labiale-che-13-115231.htm)?

O per la sua nota gestione dell’Unar?

Oppure per come ha distrutto le adozioni internazionali da presidente della Commissione adozioni internazionali (http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/01/05/adozioni-il-ciai-contro-la-commissione-presieduta-dalla-boschi-non-si-riunisce-non-controlla-e-non-da-finanziamenti/3295648/)?

Non lo sappiamo. Conosciamo soltanto i suoi legami con personaggi come Nunzio Galantino, e questi bastano ad illuminarci: nemico giurato dei principi non negoziabili, Galantino è un noto fan del Pd, e per sostenere il suo partito, non arretra davanti a nulla.

Ma ciò non basta. E’ di oggi la notizia che il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, che ovviamente non si espone mai senza il consenso del suo superiore (di fatto il già citato Galantino) ha lanciato un chiaro e inaudito endorsement ai 5S di Grillo (favorevoli a matrimoni gay, droga libera, eutanasia, gender…), prendendo come pretesto le giuste dichiarazioni di Di Maio sul lavoro domenicale (ma vogliamo davvero credere che possano, da sole, motivare un endorsement politico?).

Perchè? Evidentemente si annusa l’aria: sino a oggi domina il Pd (teniamocelo caro), ma sembra che il futuro sia dei grillini (prepariamoci). E’ dunque bene iniziare un graduale riposizionamento.

Di fronte a tanto machiavellismo, cosa possono fare i cattolici?

Semplicissimo: provare a tagliare questo perfido legame tra Chiesa e politica.

Perchè hanno chiamato la Boschi? Probabilmente anche per un motivo molto semplice: da anni la chiesa italiana vive nel terrore che gli tocchino l’8 per mille. I silenzi continui ogni volta che in Parlamento si discute di aborto, droga libera, eutanasia… sono dovuti senz’altro a un disinteresse sincero, proprio di una fede insipida e spenta, ma anche al timore di vendette economiche. E i 5S? Hanno spesso detto che se andranno al potere toglieranno l’8 per mille: vedi mai che dandogli spazio sul giornale della Cei e strizzandogli l’occhiolino, cambino idea, come tutti i rivoluzionari che, una volta arrivati al potere, diventano ragionevoli.

Si ha dunque paura che venga toccato l’8 per mille, che certamente serve anche a tante buone cose, ma soprattutto a ripianare i debiti dei monsignor Paglia e Mogavero… a finanziare case per extracomunitari, a tenere in piedi realtà del tutto improduttive come SAT 2000 (una tv che costa grandi cifre con pochissimi risultati), Avvenire (che ha 7/8 volte i giornalisti di altre testate equivalenti)…

Chiesa povera non solo a parole, ma davvero; ciò significa anche chiesa libera; chiesa che si affida alla Provvidenza, e non ai soldi pubblici e alle amicizie politiche, quali che esse siano.

Liberiamo la chiesa dal cappio mondano, cessiamo di versare l’ 8 per mille.

 

 

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Legge sul biotestamento, è giusto fare resistenza

      mons-negri di Luigi Negri. Di fronte all’approvazione definitiva della legge sul testamento biologico, la prima osservazione, amara, è che la Chiesa italiana ha perso una battaglia che peraltro non ha neanche combattuto. Più in generale non si può evitare un confronto con quanto accadde solo pochi anni fa quando Eluana Englaro è stata uccisa dallo Stato con una operazione infame: allora la realtà popolare cattolica aveva accompagnato questo martirio con una presenza viva e attiva, cercando di impedirlo. Leggi il seguito… 

    • La politica si è arresa

      alfredo-mantovano di Alfredo Mantovano. Non è detto che il totalitarismo si manifesti solo coi carri armati: quando vi è una sostanza di selezione eugenetica, di soppressione del più debole, di frantumazione della famiglia, la circostanza che tutto questo sia espresso da maggioranze o da sentenze non elimina sinistre similitudini con i più oppressivi regimi del XX secolo Leggi il seguito… 

    • Biotestamento. Don Arice, “il Cottolengo farà obiezione di coscienza, non applicherà le DAT”

      don-arice Nelle sue strutture, il Cottolengo non applicherà le Dat. Lo ha comunicato all’AGI il superiore generale don Carmine Arice. “Noi – ha affermato il sacerdote – non possiamo eseguire pratiche che vadano contro il Vangelo, pazienza se la possibilità dell’obiezione di coscienza non è prevista dalla legge: è andato sotto processo Marco Cappato che accompagna le persone a fare il suicidio assisitito, possiamo andarci anche noi che in un possibile conflitto tra la legge e il Vangelo siamo tenuti a scegliere il Vangelo”. Leggi il seguito… 

    • Approvata la legge che apre all’eutanasia. Crepaldi: I ponti senza verità non reggono

      Giampaolo Crepaldi di Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân. Giovedì scorso 14 dicembre il Parlamento italiano ha approvato la legge cosiddetta sulle DAT che apre all’eutanasia, persino in forme più accentuate che in altri Paesi. Durante la fase della discussione in Parlamento e nel Paese anche io, come vescovo e come presidente dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân, ero intervenuto, insieme ad altri, come per esempio il Centro Studi Rosario Livatino, per mettere in evidenza la gravità del contenuto di questo testo di legge. Purtroppo ha prevalso un’ideologia libertaria e, in definitiva, nichilista, espressa in coscienza da tanti parlamentari. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.