Guareschi, una associazione cattolica ci va in pellegrinaggio

guareschi

Si dice ripetutamente che il romanziere Giovanni Guareschi (1908-1968) sia l’autore, o almeno l’autore novecentesco, più letto all’estero, ed anche il più tradotto nei mille idiomi del pianeta. Il che, se fosse vero, sarebbe un bel vanto per la nostra cultura, nazionale e religiosa, essendo impossibile concepire un Guareschi e la sua celeberrima saga, al di fuori della cattolicità e dell’italianità del secondo dopoguerra.

Difficile comunque stilare statistiche su ciò che realmente si legge nel mondo, statistiche peraltro che sarebbero in perenne movimento. Ma di sicuro l’autore della saga arci-contemporanea di don Camillo e Peppone, ha creato qualcosa che è destinato a durare nei decenni e forse nei secoli. Un po’, fatte le debite proporzioni, come i Promessi Sposi, in cui, al di là delle vicende seicentesche, le figure di Renzo, Lucia, don Abbondio, l’Innominato e Fra Cristoforo, resteranno per sempre memorabili, quali prototipi di umanità, eterni come sono eterni i vizi e le virtù, la purezza e la bontà, la malizia, la codardia e la sagacia.

Tempo fa lessi che proprio Guareschi e Manzoni erano le letture preferite da suore, preti e forse perfino vescovi e cardinali! Guareschi però, rispetto al Manzoni filo-liberale e anti-austriaco, appare assai meno politicamente corretto, visto il suo anticomunismo viscerale e la critica, da cattolico non conformista, anche verso la democrazia cristiana degasperiana.

Ebbene, una piccola associazione riminese, il centro studi Giuseppe Federici, per il ventennale della sua fondazione, organizza un vero e proprio pellegrinaggio nei vari luoghi guareschiani. Il 25 aprile, quindi, i membri del sodalizio e tutti gli interessati si recheranno prima al cimitero di Roncole Verdi (frazione di Busseto, Parma), per omaggiare la tomba di Giovannino, della moglie Ennia e della figlia Carlotta, nota come la pasionaria. Successivamente andranno a visitare la mostra “Giovannino nostro babbo”, in presenza del figlio vivente Alberto Guareschi. Ci sarà anche una breve sosta al Bar Guareschi, aperto nel 1957, che conserva gli arredi scelti dallo scrittore.

Dopo il pranzo sociale, i convenuti faranno circa 15 km per arrivare alla casa natale del poeta (frazione Fontanelle) e visiteranno il museo del Mondo Piccolo guareschiano, e alcuni luoghi limitrofi che hanno ispirato i passaggi più noti dei libri e perfino scene dei mitici film, interpretati da Cervi e Fernandel.

Come scrisse tempo fa Marcello Veneziani, “Per comporre la biografia civile di Guareschi bisogna riconoscere i suoi tre paradossi: dopo due anni nei campi di concentramento nazisti, passò per un fascista; dopo aver vinto la battaglia nel ’48, appoggiando la Dc di De Gasperi, finì in galera per la querela del medesimo De Gasperi; dopo aver umanizzato i comunisti, fondò il settimanale più efficace nella lotta al comunismo e là scrisse il primo libro nero del comunismo”…

Nel clima di esterofilia dogmatica dell’Italia di oggi, e di parallelo sabotaggio delle radici più profonde e popolari della nostra cultura, bisogna incoraggiare tutte le iniziative di recupero della memoria verace e del suo patrimonio storico, religioso e letterario.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Rivoluzione LGBTQIA: la confusione come programma

      gender-revolution di Silvio Brachetta. “C’insultano per strada” – dicevano – “ci picchiano, ci fanno violenza a causa del nostro omoerotismo”. Ma era solo un pretesto per il vero obiettivo, mai dichiarato: libertà assoluta di esibire le proprie perversioni, libertà assoluta di coinvolgere i minori, libertà assoluta d’invadere la società con l’osceno, libertà assoluta di cambiare il senso delle parole, libertà assoluta di modificare la perversione in diritto, libertà assoluta di educare i giovani al sesso libero. Leggi il seguito… 

    • La violenza di una legge sui “diritti” sessuali e religiosi dei bambini

      bill_89 di Benedetta Frigerio. Il Canada ha approvato una norma (bill 89) che dice di voler tutelare gli innocenti, ma le famiglie e le associazioni hanno lanciato una petizione per l'abrogazione. Il rischio è che lo Stato li strappi ai loro genitori per educarli secondo il potere omosessualista affermando la menzogna dell'autodeterminazione anche dei bambini: dopo la nobilitazione della sodomia questa non poteva che essere la nuova frontiera. Leggi il seguito… 

    • La polizia tedesca ordina: non dite la verità sul terrorismo islamico

      bundeskriminalamt di Marcello Foa. Il Corriere del Ticino, principale testata del gruppo che dirigo, ha pubblicato questa mattina un documento riservato del Bundeskriminalamt (BKA) la Polizia criminale tedesca. Si intitola «Come agire in presenza di attacchi terroristici” e contiene le linee guida sulle informazioni da trasmettere alla stampa in queste circostanze. L’intenzione è lodevole: evitare il diffondere di allarmismi, ma le conseguenze pratiche sono sorprendenti. E inquietanti. Leggi il seguito… 

    • Germania, i reati sessuali dei ‘migranti’ raddoppiano dopo un anno

      einzelfall-map-r di Lorenza Formicola. Il 27 aprile la BKA, la polizia federale criminale, ha mandato in stampa un rapporto sulla "Criminalità nel contesto della migrazione" (Kriminalität im Kontext von Zuwanderung), in cui si registra un incremento di quasi il 500% di crimini sessuali commessi da immigrati (aggressioni sessuali, stupri e abusi sessuali sui minori) nel corso degli ultimi quattro anni. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.