Differenza tra i sessi, un nuovo libro politicamente scorrettissimo

copertinalibrogiulianoguzzo

E’ uscito ieri nelle librerie un testo destinato a non passare inosservato. Si tratta di Cavalieri e principesse (Cantagalli) del sociologo Giuliano Guzzo, un libro che si propone l’ambizione di fare definitiva chiarezza sul fondamento delle differenze tra uomo e donna. Differenze che secondo ambienti che spaziano dal femminismo agli ideologi del gender, sarebbero solamente un prodotto culturale. Sin dall’infanzia, viene infatti detto, maschi e femmine vengono inglobati in stereotipi di genere che vanno a modellare artificialmente identità maschile e femminile che, aspetti genetici e riproduttivi a parte, non hanno alcuna ragione di esistere.

Ma le cose stanno davvero così? Tanti, questo è il punto, ancora pensano che le differenze tra uomo e donna siano anzitutto naturali, ma pochi ormai osano – forse considerandola una cosa ovvia o forse per timore di passare per sessisti – dirlo. Ebbene, questo libro lo fa e lo dimostra, facendo piazza pulita di miti e leggende del politicamente corretto. In poco meno di duecento pagine, sulla base di una vastissima letteratura scientifica, viene dimostrato la differenza tra maschi e femmine esiste davvero nella preferenza dei colori, dei giocattoli, nel cervello, nei sogni, nella guida dell’automobile, nel mondo del lavoro, nelle relazioni.

In pratica, Giuliano Guzzo porta montagne di prove a favore del senso comune. Sarebbe comunque riduttivo pensare che Cavalieri e principesse sia solo un testo sulle differenze tra i sessi dato che c’è un intero capitolo, quello finale, dedicato proprio ad esplorare significato e bellezza della complementarietà tra uomo e donna. In conclusione, questo libro – ordinabile in libreria oppure disponibile, da subito, su Amazon – pare destinato a lasciare il segno. D’ora in poi, infatti, chiunque vorrà criticare la naturalità della differenza tra uomo e donna, dovrà prima fare i conti con questo documentatissimo volume. Auguri.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Humanae Vitae, la questione sociale

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nei giorni scorsi ho presentato su la Nuova Bussola Quotidiana (vedi qui) il Dizionario su Sesso, amore e fecondità (Cantagalli 2019) dell’Istituto Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia, curato da José Noriega. Il prof. Noriega aveva chiesto anche a me di scrivere una voce del Dizionario che riguardasse il rapporto tra la Humanae vitae e l’ambito politico dell’agire umano. Ne è uscita quindi la voce Humanae vitae: la questione sociale nella quale si segnala l’importanza del nesso tra la prospettiva dell’enciclica di Paolo VI e la Dottrina sociale della Chiesa. Pubblico ora qui sotto un breve stralcio della voce del Dizionario. Leggi il seguito…

    • Il Cardinale nigeriano Francis Arinze attacca Papa Bergoglio sull’immigrazione. Guerra aperta nel Gotha Vaticano. Il papa nero Arinze: “Basta con l’immigrazione”

      di Carlo Franza. Il cardinale Francis Arinze, ottantaseienne, è uno dei cardinali dell’ordine dei Vescovi ed è tra gli attuali 6 titolari delle Chiese suburbircarie di Roma. Così chiare le parole del Cardinale Arinze: “Gli europei devono smetterla di incoraggiare la partenza dei giovani africani. L’Africa ha bisogno di loro. Il miglior modo in cui i paesi dell’Europa e dell’America possono aiutare l’Africa non è incoraggiando i giovani a venire in Europa facendogli pensare all’Europa come un paradiso – un luogo dove il denaro cresce sugli alberi – ma aiutando i paesi da dove vengono…” Leggi il seguito…

    • Ci vogliono campo profughi dell’Europa

      di Riccardo Cascioli. La strana crisi di governo che si è aperta in Italia, a prescindere da come evolverà, una cosa l’ha comunque chiarita: c’è un potere che ha deciso che l’Italia deve diventare il campo profughi dell’Europa. Leggi il seguito…

    • L’inutile dialogo senza identità né verità

      di Peppino Zola. Tanta parte del mondo cattolico si sta riducendo a dire cose scontate, per lo più banali. Fra cui la necessità del dialogo. Che tipo di dialogo? Al Meeting di Rimini, ad esempio, si esclude l'argomento "fine vita" perché "troppo divisivo". In queste condizioni non è dialogo, ma condiscendenza.  Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.