Uscire dall’euro?

Articolo redatto da François Billot de Lochner – 17 marzo 2017

La questione dell’euro è diventata un dogma, e restarvi è una indiscutibile santa evidenza. Il volerne uscire è parificato a una aberrazione, a una deficienza mentale in cui si vedono delle tendenze fasciste. Le élite politico-mediatiche in questo modo chiudono tutte le porte a ogni discussione al riguardo. A eccezione di Marine Le Pen, tutti i leader dei grandi partiti politici mostrano la loro determinazione senza incrinature. L’euro e una acquisizione definitiva. Però …

Se l’euro era l’ottava meraviglia del mondo, perché così tanti grandi economisti, spesso ignorati dal Sistema, dimostrano implacabilmente che la messa in atto dell’euro è stata una aberrazione economica, e che il suo mantenimento non potrà durare? Stiglitz, premio Nobel dell’economia, economista riconosciuto a livello mondiale; Sapir, grande economista di destra, da tutti rispettato; Gave, grande economista di destra, non meno rispettato; Lauzun, economista di fama, ex Delegato generale dell’autorità dei Mercati finanziari; e tanti altri. Questi economisti, che sanno di che cosa parlano, sono categorici: l’euro finirà male.

Se l’euro era l’ottava meraviglia della Francia, perché la totalità degli indicatori economici del nostro paese sono crollati a partire dall’inizio del secolo, data della sua entrata in vigore? La crescita, il debito pubblico, il bilancio dello stato, la disoccupazione, il commercio estero, l’industria, l’agricoltura, sono crollati a una velocità inedita. I giornalisti specializzati in economia, che stanno spesso all’economia come Nacron sta alla cultura, non riescono a vedere alcun rapporto fra questa calamitosa situazione e l’euro. L’ideologia, a questo tema, come su altri, è cieca.

I calcoli del costo di un’eventuale abbandono dell’euro, realizzati e presentati dal sistema politico-mediatico, generalmente sono totalmente erronei, perché nascondono del tutto il secondo, altrettanto necessario, calcolo del costo del mantenimento dell’euro. Un costo davvero faraonico che continuiamo a pagare a getto continuo.

Il dibattito sull’euro deve quindi svilupparsi nella serenità, sui fondamenti di una analisi reale, e non sulle falsità ideologiche. A questo riguardo, certi influenti organismi, come il Medef o certi giornali a larga tiratura, come Le Figaro o l’Echos, ne trarrebbero onore se su questo cruciale tema dessero prova di una maggiore obbiettività, e se lavorassero più a fondo su questo dossier. Perché i candidati alle presidenziali non possono essere valorizzati o gettati alle ortiche in modo definitivo e senza argomenti, sia che siano per il mantenimento o per l’abbandono dell’euro. Quest’argomento merita un trattamento di maggior qualità, perché, in un certo qual modo, anche da esso dipende l’avvenire del nostro paese.

François Billot de Lochner,

Direttore di Service politique, di Liberté Politique e di France Audace

(Alla fine di questo interessante editoriale, il traduttore si permette un commento, soprattutto per quanto riguarda il citato aspetto ideologico. Sappiamo che tutte le ideologie non vedono la realtà, e se la realtà le contraddice, tanto peggio per la realtà, e quindi anche per i cittadini che subiscono. Quando ancora c’era una cristianità diffusa, persino i responsabili delle nazioni conoscevano la frase di Cristo: “Cercate prima il Regno di Dio e la sua Giustizia, e tutto il resto vi sarà dato in aggiunta” (Mt. 6, 33) Sarà per questo motivo che non riusciamo a metterci d’accordo su nulla, e la casa comune scricchiola? Ndt).

Fonte: http://www.libertepolitique.com/Actualite/Editorial/Sortir-de-l-euro

Traduzione di Claudio Forti

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il lento smottamento dell’Europa dei Trattati senza Costituzione, senza radici e senza classe dirigente

      di Giulio Sapelli. Tutto sta franando. È un movimento lento, uno smottamento che investe tutto il mondo e trasforma insediamenti umani stabili in grumi di aggregazioni a frattali, sottoposti a quella polverizzazione argillosa che divide, biforca e che di fatto innerva di nuovo il tragico (perché disperato e sempre incompiuto) sogno gollista di un’Europa politica e militare dall’Atlantico agli Urali. Del resto rimane l’unico disegno per costruire un’Europa potenza marittima, ossia talassocratica, e quindi potenza mondiale non soffocata tra l’incubo dell’accerchiamento tedesco e il pescar nel mortaio di medie potenze regionali costrette a politiche internazionali di mediazione che altro non fanno che indebolire le medie potenze così costantemente divise. Questo significa multiple alleanze in contemporanea: è una gerarchia tra vassalli di media potenza senza un impero e senza un imperatore. Leggi il seguito…

    • Con Francesco il rovesciamento della sussidiarietà

      di Paolo Bellavite. Da un confronto tra quattro encicliche sociali che hanno affrontato il tema della sussidiarietà e quindi del rapporto fra Stato e corpi intermedi, si ricava che la concezione espressa in Fratelli Tutti è diametralmente opposta a quella proposta da Leone XIII, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Leggi il seguito…

    • La Federazione e il Centrodestra che verrà

      di Giovanni Toti. Bene ha fatto l’amico Matteo Salvini a cogliere il suggerimento che gli avevamo dato all’indomani delle elezioni regionali e a lanciare un sasso nello stagno di un centrodestra che ha bisogno di essere ripensato. Il tempo è giusto: dopo la guerra al Covid, arriverà il dopoguerra, con tutta la sua voglia di ricostruire, di cambiare, di tornare a crescere e lavorare, di costruire un Paese migliore. Leggi il seguito…

    • Ambientalismo e globalismo, le ideologie più pericolose

      di Stefano Fontana. L’ambientalismo è una grande bolla ideologica, il globalismo è un’etica dell’umanità con pochi e generici principi morali per una religione universale senza dogmi e dottrine. A questo progetto inquietante sta dando il proprio appoggio anche la Chiesa cattolica. Il dodicesimo Rapporto dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a Ambientalismo e globalismo, le due ideologie più pericolose del momento, che puntano a convergere su un unico piano politico mondiale. Leggi il seguito…