Un film per spiegare «l’inganno dell’eutanasia»

the-euthanasia-deception

La Coalizione per la prevenzione dell’eutanasia, gruppo che si batte a livello internazionale contro la legalizzazione della “buona morte”, ha prodotto e realizzato un documentario per fare un bilancio dei primi 15 anni di eutanasia legale in Belgio.

******************

La Coalizione per la prevenzione dell’eutanasia, gruppo che si batte a livello internazionale contro la legalizzazione della “buona morte” (qui la nostra intervista al direttore esecutivo), ha prodotto e realizzato un documentario per fare un bilancio dei primi 15 anni di eutanasia legale in Belgio.

Intervistando medici, esperti e familiari delle vittime, il documentario intitolato “Vulnerabili, l’inganno dell’eutanasia” smonta tutti i luoghi comuni sull’iniezione letale, dal rispetto dell’autonomia del paziente alla favola dei paletti legali.

Pubblichiamo la versione sottotitolata in italiano del trailer. Le parti salienti del documentario, sempre sottotitolate in italiano, si possono vedere su Youtube. In particolare, nel film viene raccontata tra le tante testimonianze la storia di Tom Mortier (la cui madre è stata uccisa senza che lui ne sapesse nulla) e si sottolinea come oltre il 30 per cento dei casi di eutanasia non viene più riportato alla Commissione che dovrebbe valutarne la legalità.

Fonte: Tempi

 

Articoli correlati

Eutanasia, Belgio: avanti veloce, ce n’è per tutti

Eutanasia e suicidio assistito in Olanda: vertiginoso “slippery slope”

Svizzera, suicidio assistito: una crepa è diventata una voragine

L’eutanasia negli Usa: 2 Stati su 50 in settant’anni

Il “male minore” porta Male (8° parte: eutanasia e suicidio assistito)

Il “male minore” porta Male (9° parte: eutanasia passiva e testamento biologico)

Rischi e abusi nei Paesi che hanno legalizzato l’eutanasia e/o il suicidio assistito

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete