Un film per spiegare «l’inganno dell’eutanasia»

the-euthanasia-deception

La Coalizione per la prevenzione dell’eutanasia, gruppo che si batte a livello internazionale contro la legalizzazione della “buona morte”, ha prodotto e realizzato un documentario per fare un bilancio dei primi 15 anni di eutanasia legale in Belgio.

******************

La Coalizione per la prevenzione dell’eutanasia, gruppo che si batte a livello internazionale contro la legalizzazione della “buona morte” (qui la nostra intervista al direttore esecutivo), ha prodotto e realizzato un documentario per fare un bilancio dei primi 15 anni di eutanasia legale in Belgio.

Intervistando medici, esperti e familiari delle vittime, il documentario intitolato “Vulnerabili, l’inganno dell’eutanasia” smonta tutti i luoghi comuni sull’iniezione letale, dal rispetto dell’autonomia del paziente alla favola dei paletti legali.

Pubblichiamo la versione sottotitolata in italiano del trailer. Le parti salienti del documentario, sempre sottotitolate in italiano, si possono vedere su Youtube. In particolare, nel film viene raccontata tra le tante testimonianze la storia di Tom Mortier (la cui madre è stata uccisa senza che lui ne sapesse nulla) e si sottolinea come oltre il 30 per cento dei casi di eutanasia non viene più riportato alla Commissione che dovrebbe valutarne la legalità.

Fonte: Tempi

 

Articoli correlati

Eutanasia, Belgio: avanti veloce, ce n’è per tutti

Eutanasia e suicidio assistito in Olanda: vertiginoso “slippery slope”

Svizzera, suicidio assistito: una crepa è diventata una voragine

L’eutanasia negli Usa: 2 Stati su 50 in settant’anni

Il “male minore” porta Male (8° parte: eutanasia e suicidio assistito)

Il “male minore” porta Male (9° parte: eutanasia passiva e testamento biologico)

Rischi e abusi nei Paesi che hanno legalizzato l’eutanasia e/o il suicidio assistito

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Omogenitorialità, una causa contro gli abusi dei sindaci

      generazione-famiglia-senato di Marco Guerra. Generazione Famiglia e CitizenGo, presentano esposti ai tribunali di Milano, Torino, Firenze, Bologna e Pesaro e hanno tenuto ieri una conferenza stampa al Senato con i parlamentari di centrodestra, per rispondere ai sindaci che, aggirando la legge, hanno affidati minori a coppie gay Leggi il seguito… 

    • Gli Stati Uniti si ritirano dal Consiglio dei Diritti Umani dell’Onu

      ambasciatrice-usa-onu di Lorenzo Vita. Gli Stati Uniti scelgono, ancora una volta, la via della rottura con la comunità internazionale. L'ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite ha annunciato che il suo Paese si ritira dal Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, definito come "la fogna della faziosità politica". "Prendiamo questa decisione perché il nostro impegno non ci permette di continuare a far parte di un'organizzazione ipocrita e asservita ai propri interessi che ha fatto dei diritti umani una barzelletta", ha dichiarato la Haley. Leggi il seguito… 

    • Tanti interessi dietro le accuse di inumanità

      centro-di-accoglienza di Gianandrea Gaiani. L'Italia continua ad accogliere migranti irregolari, anzi sono aumentati negli ultimi giorni. Lo stop riguarda solo le navi delle Ong, ma potrebbe essere l'inizio di una nuova linea europea, che manderebbe in crisi il fiorente business dell'accoglienza. E guarda caso le accuse arrivano da chi sui clandestini ci sta guadagnando. Leggi il seguito… 

    • Quando Bergoglio telefonò a Enrico Letta, e partì l’operazione “Mare Nostrum”. Una rivelazione.

      papa_lampedusa_ansa di Marco Tosatti. L’operazione “Mare Nostrum”, che segnò l’inizio della straordinaria ondata di migrazione (alcuni parlando di invasione) dalle coste africane, e in particolare dalla Libia destabilizzata dall’aggressione anglo-franco-americana,  ha avuto uno sponsor eccezionale. Lo rivelano a Stilum Curiae fonti di alto livello del Ministero degli Interni, che all’epoca erano presenti e operative nella stanza dei bottoni. Leggi il seguito…