Un film per spiegare «l’inganno dell’eutanasia»

the-euthanasia-deception

La Coalizione per la prevenzione dell’eutanasia, gruppo che si batte a livello internazionale contro la legalizzazione della “buona morte”, ha prodotto e realizzato un documentario per fare un bilancio dei primi 15 anni di eutanasia legale in Belgio.

******************

La Coalizione per la prevenzione dell’eutanasia, gruppo che si batte a livello internazionale contro la legalizzazione della “buona morte” (qui la nostra intervista al direttore esecutivo), ha prodotto e realizzato un documentario per fare un bilancio dei primi 15 anni di eutanasia legale in Belgio.

Intervistando medici, esperti e familiari delle vittime, il documentario intitolato “Vulnerabili, l’inganno dell’eutanasia” smonta tutti i luoghi comuni sull’iniezione letale, dal rispetto dell’autonomia del paziente alla favola dei paletti legali.

Pubblichiamo la versione sottotitolata in italiano del trailer. Le parti salienti del documentario, sempre sottotitolate in italiano, si possono vedere su Youtube. In particolare, nel film viene raccontata tra le tante testimonianze la storia di Tom Mortier (la cui madre è stata uccisa senza che lui ne sapesse nulla) e si sottolinea come oltre il 30 per cento dei casi di eutanasia non viene più riportato alla Commissione che dovrebbe valutarne la legalità.

Fonte: Tempi

 

Articoli correlati

Eutanasia, Belgio: avanti veloce, ce n’è per tutti

Eutanasia e suicidio assistito in Olanda: vertiginoso “slippery slope”

Svizzera, suicidio assistito: una crepa è diventata una voragine

L’eutanasia negli Usa: 2 Stati su 50 in settant’anni

Il “male minore” porta Male (8° parte: eutanasia e suicidio assistito)

Il “male minore” porta Male (9° parte: eutanasia passiva e testamento biologico)

Rischi e abusi nei Paesi che hanno legalizzato l’eutanasia e/o il suicidio assistito

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I giovani galantiniani non esistono

      08 Mons Nunzio Galantino di Camillo Langone. “I nostri giovani sono increduli davanti alle motivazioni date per rimandare lo ius soli”, dice Galantino. Non ho ben capito chi siano questi giovani: i giovani italiani? I giovani cattolici? I giovani dell’Azione Cattolica? Se riuscissi a identificarli direi loro: se non credete nella politica, credete nella realtà, credete nel raccapricciante resoconto di Stefano Montefiori (Corriere) sugli ebrei residenti in Francia e in particolare nelle periferie islamizzate Leggi il seguito… 

    • Il patriarca ortodosso vede i segni dell’Apocalisse

      kirill di Marco Tosatti. Il patriarca Kirill ha detto nei giorni scorsi in un discorso pubblico che i segni del Libro dell’Apocalisse sono ormai evidenti. Ha anche chiesto ai politici, agli artisti, agli scienziati e ai comuni cittadini di unirsi, per fermare il movimento verso l’abisso: “Stiamo entrando in un periodo critico nello sviluppo della civiltà umana”. Leggi il seguito… 

    • Grothendieck, matematico alla ricerca di Dio

      giulia Sono passati tre anni da quel 13 novembre 2014, giorno in cui moriva quello che è stato definito il più grande matematico del XX secolo, e tra i più importanti di sempre: Alexander Grothendieck. Nato nel 1928 a Berlino da famiglia ebrea, ebbe un'infanzia segnata dalle vicende storiche legate alla Seconda Guerra mondiale. Leggi il seguito… 

    • Ddl “omofobia”: l’appoggio di Maroni, il silenzio della Chiesa

      ddl-omofobia di Benedetta Frigerio. Sconfitta in Parlamento, la legge sull’“omofobia” (Ddl Scalfarotto presentato alla Camera nel 2013), la prima e la più necessaria a rendere la follia del gender una dittatura vera e propria, sta passando tramite una strategia molto più raffinata, attraverso cui i politici riescono a nascondere più facilmente il loro doppiogiochismo. Leggi il seguito…