Un film per spiegare «l’inganno dell’eutanasia»

the-euthanasia-deception

La Coalizione per la prevenzione dell’eutanasia, gruppo che si batte a livello internazionale contro la legalizzazione della “buona morte”, ha prodotto e realizzato un documentario per fare un bilancio dei primi 15 anni di eutanasia legale in Belgio.

******************

La Coalizione per la prevenzione dell’eutanasia, gruppo che si batte a livello internazionale contro la legalizzazione della “buona morte” (qui la nostra intervista al direttore esecutivo), ha prodotto e realizzato un documentario per fare un bilancio dei primi 15 anni di eutanasia legale in Belgio.

Intervistando medici, esperti e familiari delle vittime, il documentario intitolato “Vulnerabili, l’inganno dell’eutanasia” smonta tutti i luoghi comuni sull’iniezione letale, dal rispetto dell’autonomia del paziente alla favola dei paletti legali.

Pubblichiamo la versione sottotitolata in italiano del trailer. Le parti salienti del documentario, sempre sottotitolate in italiano, si possono vedere su Youtube. In particolare, nel film viene raccontata tra le tante testimonianze la storia di Tom Mortier (la cui madre è stata uccisa senza che lui ne sapesse nulla) e si sottolinea come oltre il 30 per cento dei casi di eutanasia non viene più riportato alla Commissione che dovrebbe valutarne la legalità.

Fonte: Tempi

 

Articoli correlati

Eutanasia, Belgio: avanti veloce, ce n’è per tutti

Eutanasia e suicidio assistito in Olanda: vertiginoso “slippery slope”

Svizzera, suicidio assistito: una crepa è diventata una voragine

L’eutanasia negli Usa: 2 Stati su 50 in settant’anni

Il “male minore” porta Male (8° parte: eutanasia e suicidio assistito)

Il “male minore” porta Male (9° parte: eutanasia passiva e testamento biologico)

Rischi e abusi nei Paesi che hanno legalizzato l’eutanasia e/o il suicidio assistito

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Adozioni e utero in affitto: la nostra battaglia condivisa anche da omosessuali

      matera-tavola-rotonda di Alessandro Santini. Sabato, a Matera, ho iniziato da qui il mio intervento al dibattito “Nuovi diritti o nuove pretese?”, uno degli appuntamenti della festa nazionale di “IDEA – Popolo e Libertà” al quale sono stato invitato dal senatore Carlo Giovanardi, che ringrazio. Con lui, Francesco Agnoli, Assuntina Morresi e Marina Terragni ho avuto l'opportunità di confrontarmi su un tema di cui il centrodestra non ha mai parlato più di tanto. Leggi il seguito… 

    • “Avvenire”, ormai è solo ideologia

      avvenire-ius-soli di Stefano Fontana. Lo "strano" caso di Avvenire e della legge sullo IUS SOLI spinta dal quotidiano con ogni mezzo. Ma perché ad Avvenire non hanno fatto una copertina simile quando il Parlamento ha approvato la legge Cirinnà che di principi assoluti della morale naturale e della Dottrina sociale della Chiesa ne negava almeno un centinaio? E perché non ha fatto lo stesso quando è stata staccata la spina del ventilatore al piccolo CharlieGard? Oppure ogni anno, nella ricorrenza dell’approvazione della legge 194 sull’aborto legale? Leggi il seguito… 

    • Perché mai San Francesco avrebbe dovuto camminare alla cieca?

      the_parable_of_the_blind di Silvio Brachetta. Si è aperta ad Assisi l’edizione 2017 de “Il Cortile di Francesco”. Il problema però sta soprattutto nelle parole degli organizzatori. Il Cardinale Gianfranco Ravasi prospetta un “Cammino” fine a se stesso e fa parlare Montaigne: «A chi mi domanda ragione dei miei viaggi, rispondo che so bene quello che sfuggo, ma non quello che cerco». Dovrebbe, invece, essere ben chiaro cosa cerca il pellegrino cristiano… Leggi il seguito… 

    • Don Carlo Caffarra, incatenato alla verità come a una roccia

      di Stanislaw Grygiel - Il Foglio, 17 Settembre 2017 “So che le batoste che si prende sono destinate a me”, disse un giorno Giovanni Paolo II.Un’amicizia durata quarant’anni. Leggi il seguito…