No don Minutella? No 8 per mille!

alessandro_minutella-535x300

corrado

Il vescovo che apre le porte a tutte le religioni, sbatte fuori don Minutella

Corrado Lorefice è da poco tempo il nuovo arcivescovo di Palermo, dell’era Francesco-Galantino.

Al suo insediamento ha fatto discutere e sorridere il suo riferimeno alla Costituzione italiana come sua stella polare. Il suo nome è di quelli che dovrebbero contrassegnare la “nuova chiesa” della misericordia:

forse per questo ha deciso di dare un ultimatum ad un sacerdote cattolico della sua diocesi, don Minutella, reo di recitare il rosario, non gironzolare per la chiesa in bicicletta e predicare la dottrina di sempre. 15 giorni di tempo per lasciare la parrocchia!

Con don Minutella pugno duro, durissimo, dunque!

E va bene così, ormai è del tutto chiaro che il problema sono quelli che continuano a credere nella dottrina di sempre.

Non si capisce però perchè i laici cattolici che vogliono rimanere fedeli, debbano continuare a finanziare una Conferenza episcopale che non sa dire nulla per la difesa della vita e della famiglia, e colpisce prontamente e duramente i pastori fedeli (don Minutella, purtroppo, è l’ultimo di una lunga serie).

Monsignor Vincenzo Paglia tifa per i radicali e fa un buco di 25 milioni di euro, appianati per metà dalla Cei!

Promosso alla testa della Pontificia Academia della vita da Bergoglio!

Ma l’8 per mille, la Cei, da me non lo prenderà più.

Monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo, viene indagato per truffa dopo essere già stato indagato nel 2015 per appropriazione indebita, ovvero per aver utilizzato impropriamente i fondi dell’8 per mille e aver creato un buco di bilancio, in Curia, da 6 milioni di euro. Contro di lui nessun provvedimento e nessun richiamo. Neppure dopo le sue prese di posizione a favore del ddl Cirinnà, per le unioni civili.

Va bene, ma non voglio contribuire con l’8 per mille ad appianare i buchi di un pastore eretico e disonesto.

Non apprezzo una chiesa che condanna i sacerdoti fedeli, copre i vescovi infedeli nella dottrina e nella gestione dei soldi.

Come posso dirlo?

Negando anche quest’anno, per la seconda volta in vita mia, l’8 per mille alla Cei.

oreficeVox populi

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Salvini, Meloni e le sardine

      di Marcello Veneziani. La cultura di destra “Dovrebbe partire dalla realtà, dai temi che attengono la realtà. La tutela dei confini, la tutela di un modo di vivere naturale, la difesa della famiglia, la promozione di ciò che appartiene alla nostra civiltà e alla nostra tradizione. Sono elementi primari che non dovrebbero essere letti in chiave ideologica perché fanno parte della vita che viviamo ogni giorno e della cui assenza soffriamo ogni giorno. Io non la chiamerei più cultura di destra, che era una nobile ma minoritaria schiera di intellettuali e pensatori che non avevano velleità di diventare maggioranza nel Paese. Parlerei più di un idem sentire che va diffuso e trasformato in un idem pensare. Non basta solo sentire di essere da quella parte ma bisogna cercare di ragionare e pensare in quel modo altrimenti si rimane solo sulla base dell’istinto, delle emozioni e non si va lontano” Leggi il seguito…

    • “Idee e cultura per un centrodestra più forte”. Parla Francesco Giubilei

      Intervista di Federica Ciampa. “Ad oggi quello di cui c’è, senza dubbio, bisogno sono dei luoghi di elaborazione di idee, di contenuti e di pensieri, perché nel lungo termine, l’assenza di idee e di una piattaforma programmatica e valoriale può diventare un problema. Pertanto, si deve costruire una base culturale nelle persone ed un sentire culturale in linea con i valori che vengono proposti dai partiti politici di centro-destra” Dell’importanza della cultura nella politica – ma non solo – ne parla a L’Occidentale il giovane Francesco Giubilei, che, a soli 27 anni, è già scrittore, editore, e Presidente di associazioni culturali Leggi il seguito…

    • Super ex. Papa e Scalfari: birds of a feather flock together…

      di Marco Tosatti. Cari lettori di Stilum Curiae, più volte in passato ci siamo occupati di quegli strani compagni di interviste-non interviste che sono il pontefice regnante ed Eugenio Scalfari. Abbiamo parlato però, spesso, soprattutto del Pontefice, più che del suo interlocutore. Ecco, oggi Super Ex si dedica invece a dirci chi è Eugenio Scalfari; e così facendo mette in luce singolari (ma non tanto) affinità elettive fra i due dispotici personaggi. Buona lettura. (Birds of a feather flock together significa che uccelli dello stesso genere fanno stormo insieme…). Leggi il seguito…

    • In piazza per la Chiesa. Si prega a Milano il 7 dicembre, piazza Duomo

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, vi ricordate di sicuro l’appuntamento di preghiera per la Chiesa onorato da tantissime persone il 5 ottobre scorso, a largo Giovanni XXIII a Roma, davanti a San Pietro. Si era alla vigilia del Sinodo dell’Amazzonia, che ha causato sconcerto, polemiche e reazioni in tanti cattolici. Ora alcuni amici mi hanno mandato questo volantino, insieme con la notizia che questa iniziativa di preghiera, grazie alla buona volontà di persone credenti, verrà ripetuta, come era stato l’auspicio di molti, in diverse città italiane. La prima sarà Milano. Ecco il testo dell’annuncio: Leggi il seguito…