Lucetta Scaraffia e un articolo vergognoso

 

 

uindex

Alcuni anni orsono, all’epoca di Eluana Englaro, il direttore dell’Osservatore romano, Gian Maria Vian, prese le distanze dall’allora direttore di Avvenire, Dino Boffo, impegnato appieno nella battaglia. Vian voleva toni bassi. Toni che continua a mantenere: droga libera, eutanasia, utero in affitto, unioni civili… di qualunque cosa si parli l’Osservatore romano bisbiglia. Oppure molto peggio!

Come è accaduto questi giorni. Bisognava pur parlare di ciò di cui parlano tutti, tranne ormai gli organi di stampa cattolici, in preda a dubbi amletici: la vicenda dei tribunali che sdoganano l’utero in affitto.

Non sarebbe stato difficile dire quello che la biologia, la medicina, il buon senso indicano chiaramente: che per procreare un bambino, e per crescerlo, ci vogliono un uomo e una donna.

Che un figlio deve nascere dalla relazione, dall’alleanza tra l’uomo e la donna.

No, troppa parresia, oggi non ce la si può più fare.

E così il commento è stato lasciato a Lucetta Scaraffia, una studiosa che in un passato ormai lontano forniva contributi interessanti ed intelligenti.

Ebbe cosa ci ha raccontato la Scarraffia?

Anzitutto ha fatto una gradutoria: quanto sono discrete e brave le donne lesbiche che si fanno un figlio (comperando il seme maschile e negando un padre ai nascituri)!

Quanto sono pacchiani ed esibizionisti gli uomini gay che si producono un figlio cancellando le madri!

Dall’Osservatore romano ci aspetteremmo che qualcuno non faccia la graduatoria tra padre e madre. Che non si pieghi alla retorica femminista più becera. Sull’Osservatore romano ci aspetteremmo che venga ribadito l’ovvio: et pater et mater!

Ci aspetteremmo una battaglia  a favore dell’alleanza uomo-donna, e non della divisione, della contrapposizione, dello scontro!

E invece, come si è detto, no!

E non è finita, perchè la condanna non cade soltanto sui gay (che si fanno un figlio) e non sulle lesbiche.

Ricade su tutti gli uomini del mondo e della storia! Tutti segnati da un inconfessato odio per le donne!

Per Scaraffia infatti, “siamo di fronte a un ennesimo capitolo della lotta degli uomini per rimettere le donne al loro posto, per emarginarle, per escluderle. Arrivando a escluderle dalla cosa più importante di tutte: la procreazione di un essere umano. Forse il loro sogno di sempre”.

Siamo al delirio puro: per la “cattolica” Scaraffia “il sogno di sempre” degli uomini in quanto tali sarebbe escludere le donne dalla procreazione!

Neppure le femministe più agguerrite erano mai arrivate a tanto: anzi, le più radicali hanno sempre sostenuto che gli uomini avrebbero sempre avuto il desiderio di relegare le donne alla sola procreazione!

Gentile Scaraffia, e tutti gli uomini che amano le loro mogli? Tutti quelli che si battono contro la schiavitù dell’utero in affitto (sdoganata, in Italia, spesso da giudici donna)? Tutti quelli che credono nell’alleanza uomo-donna?

Non era più veroe più corretto dire che ad odiare le donne e a volerle “escludere dalla cosa più importante di tutte” sono i sostenitori del gender, maschi gay o femministe pro utero in affitto che siano?

 

 

Qui l’articolo di Scaraffia: http://27esimaora.corriere.it/17_marzo_14/padri-gay-sentenze-che-aggirano-legge-escludono-donne-d84ae1b2-08de-11e7-bef2-a86317918da3.shtml

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Grothendieck, matematico alla ricerca di Dio

      giulia Sono passati tre anni da quel 13 novembre 2014, giorno in cui moriva quello che è stato definito il più grande matematico del XX secolo, e tra i più importanti di sempre: Alexander Grothendieck. Nato nel 1928 a Berlino da famiglia ebrea, ebbe un'infanzia segnata dalle vicende storiche legate alla Seconda Guerra mondiale. Leggi il seguito… 

    • Paté di sinistra affumicata

      walter-veltroni di Marcello Veneziani. La sinistra presente mi ricorda il brodo alla griglia di Antonio Albanese. Una pietanza surreale, un’entità inconcepibile. Da giorni, che dico da giorni, da mesi, la sinistra si spacca e invoca l’unità, avvia trattative e miete scissioni, annuncia coalizioni e subisce defezioni, senza sosta. Ridotta all’osso è ricorsa a Fassino, nel vano tentativo di quadrare il cerchio o di cerchiare il quadro. Ma un mediatore così ossuto non bastava Leggi il seguito… 

    • Trump un anno dopo, in tredici Stati Usa è piena occupazione

      donald-trump di Roberto Santoro. L’America di Trump, un anno dopo. Dicevano che sarebbe stato un disastro, ma il numero degli occupati in tredici Stati americani al momento supera tutti i record tracciati nelle serie storiche da quarant’anni a questa parte, più o meno da quando il governo federale ha iniziato a fare queste rilevazioni in modo sistematico. Leggi il seguito… 

    • Canada: “Credi nel diritto naturale? Non puoi adottare”

      no_famiglia_cristiana di Benedetta Frigerio. Dicevano che non bisognava discriminare le persone dello stesso sesso che volevano adottare dei figli. Ma ora, come avevamo previsto, da quando gli Stati hanno fatto del cosiddetto matrimonio omoerotico, un bene da tutelare legalmente è ovvio che la discriminazione è verso coloro che ancora lo considerano un fatto contro natura. Perciò dalla non discriminazione di queste persone si è passati alla discriminazione di coloro che hanno una visione opposta a quella assunta dal potere. Leggi il seguito…