Il Fertility Day del presidente Erdogan (in Europa)

erdogan

di Elena de Giorgio.

“Fate figli…non tre, ma cinque, perché voi siete il futuro d’Europa”. E’ il fertility day di Erdogan, che invita i turchi che vivono nei paesi europei a investire sul proprio domani (“vivete nelle case migliori, nei quartieri migliori, mandate i bambini nelle scuole migliori”) perché il destino dell’Europa è nelle loro mani, nelle mani degli immigrati.

Sono milioni, i turchi che vivono fuori dal loro paese, due e mezzo possono votare in patria. Ma non è solo la scadenza elettorale vicina, e nemmeno le sentenze della Corte di Giustizia sul velo per le donne, a ispirare il discorso del leader-dittatore. Erdogan guarda a un orizzonte che gli europei, soprattutto i politici, cercano di ignorare, e che è assai più vicino di quanto sembri: perché i tedeschi, gli italiani, gli olandesi, gli svedesi, e persino i francesi, di figli non ne fanno più, i matrimoni sono in picchiata in parallelo alla natalità, e sembra che solo gli omosessuali, che i figli non li possono fare, reclamino le nozze come un diritto.

L’Europa è vecchia e priva di vitalità, e non servirà nemmeno riempirla oltre misura di migranti, quei migranti che Erdogan, profumatamente pagato dall’Europa, tiene a bada e usa come arma di ricatto. Basta continuare a fare figli: basta che il trend demografico dell’Occidente si mantenga sui livelli attuali, o, come è probabile, peggiori persino un po’, e tra pochi decenni l’Europa sarà popolata in prevalenza dai figli degli immigrati, turchi e non solo.

In Italia il fertility day ha sollevato scandalo, ma i motivi dichiarati (l’inadeguatezza delle immagini e degli slogan scelti) erano solo un pretesto.  Erano i contenuti, ad essere considerati inaccettabili, e della bassa natalità si parla solo nei convegni, ma nessuno davvero se ne preoccupa e se ne occupa sul pieno politico e progettuale. Intanto l’Europa ha ormai delegato il proprio equilibrio demografico ai migranti. Qui non si tratta più di accoglienza, ma di sostituzione.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Torino/Gandolfini: “Non esistono figli di due madri. Appendino viola la legge e il diritto ad avere un padre”

      appendino di Comitato Difendiamo i Nostri Figli. “Il Comune di Torino partecipa a pieno titolo alla distruzione del diritto di famiglia già operato dalla giurisprudenza creativa ma soprattutto contribuisce a picconare il sacrosanto diritto di ogni bambino ad avere un padre e una madre. Il sindaco Appendino ha tenuto fede alla promessa, fatta nei giorni scorsi, di forzare la mano per registrare un bambino come figlio di due madri. Ovviamente si tratta di un falso in atto pubblico perché qualsiasi essere umano ha una sola madre e un solo padre.  Leggi il seguito… 

    • Quella voglia degli italiani di cambiare davvero il Paese. E di non essere ancora una volta traditi

      salvini_dimaio di Marcello Foa. Il messaggio è forte e chiaro: gli italiani non sono disposti a farsi ingannare dalle lusinghe e soprattutto dalla propaganda dall’establishment. Hanno voglia di una vera svolta e sono sempre più attenti alla coerenza dei leader. Non è un caso che il gradimento di Di Maio sia sceso di 6 punti, mentre quello di Salvini continui a salire, fino a superare, per la prima volta, quello del capo del Movimento 5 Stelle. Gli elettori non gradiscono la disinvoltura con cui quest’ultimo si propone sia alla Lega sia al Pd e non amano chi antepone evidenti, incontrollabili ambizioni personali al perseguimento di un disegno più ampio e nell’interesse del Paese Leggi il seguito… 

    • Il bullo in classe figlio della cappa statalista

      bulli-di-lucca di Marco Lepore. Di fronte al caso dello studente di Lucca che ha preso a testate il professore, al di là delle banalità ministeriali, giova ricordare due cose. La prima: non tutti gli insegnanti preparati sulla materia sono adatti a insegnare. La seconda: anche questa violenza è figlia della logica statale, che non consente un'autonomia gestionale che servirebbe alla scuola statale per ripartire. Leggi il seguito… 

    • Da Riad e dal Cairo, segni di apertura al cristianesimo

      al-abrar-mecca di Stefano Magni. Una chiesa in Arabia Saudita? Il regno potrebbe consentire a una svolta storica, secondo voci che circolano dopo la visita del cardinal Tauran a Riad. Seguendo la stessa tendenza, anche l’Egitto cambia rotta e autorizza 166 luoghi di culto cristiani. Leggi il seguito…