Le droghe e il caso dell’Islanda

schema

Come evitare che i giovani cadano nel tunnel delle droghe e delle sostanze d’abuso? È una domanda difficile che trova risposte non univoche e spesso cozza contro preconcetti ideologici, ma in un piccolo paese d’Europa se la sono posta e hanno trovato una risposta. Si tratta dell’Islanda, paese con poco più di trecento mila abitanti nel quale, forse è più facile portare avanti esperimenti di “massa”, ma che, comunque, ha combattuto e vinto la battaglia contro le dipendenze. In venti anni

è riuscita dove nessun altro paese è riuscito, o, forse, neanche ha voluto provare ad uscire. L’agenzia Agi a firma di Sonia Montrella riporta uno studio pubblicato su Mosaic Science, un magazine britannico che si dedica all’esplorazione delle scienze della vita.

L’Islanda era il paese col maggior numero di adolescenti che, in percentuale, erano abituati allo sballo da alcool e da droghe. Dal 1998 al 2016 le percentuali sono crollate e il grafico qui sotto testimonia l’incredibile risultato.

Un miracolo? No, è stato applicato un programma, Youth in Iceland, caratterizzato da un mix di divieti, incremento di attività sportive e di rapporti tra genitori e scuole. In questo programma era inserito anche una sorta di coprifuoco: i ragazzi dai 13 ai 16 anni a casa entro le 22 d’inverno e mezzanotte d’estate. Programma che riconosce come suo ideatore Harvey B. Milkman, psicologo americano che adesso insegna all’Università di Reykjavik, che ha seguito per più di venti anni gli adolescenti dell’isola ed è testimone del successo ottenuto.

Il programma applicato è centrato su poche e semplici iniziative: promuovere attività ricreative alternative, rinforzare i legami familiari aumentando il tempo passato in famiglia, ampliare esperienze culturali e attività sotto la supervisione di adulti. Portando avanti queste iniziative si sono ottenuti grandi risultati.

Negli Stati Uniti, nonostante i programmi di prevenzione l’abuso di sostanze come alcool, tabacco e marijuana/hashish continua a crescere.

In Islanda si è cercato anche di allontanare il più possibile il primo “drink” vietando gli alcoolici fino a 18 anni.

È un programma ripetibile anche in altre nazioni? Milkman pensa di sì se si coinvolgono le comunità e la classe politica e se si comprende per quale motivo gli adolescenti cadono nel tunnel delle sostanze d’abuso. Dalla lezione islandese viene fuori prepotentemente l’importanza della centralità della famiglia che, se presente, è un forte antidoto contro lo sballo giovanile.

 

Fonti

http://www.agi.it/estero/2017/01/24/news/islanda_droghe_alcol_abuso_soluzione_sport-1404316/

http://www.huffingtonpost.com/harvey-b-milkman-phd/iceland-succeeds-at-rever_b_9892758.html

https://mosaicscience.com/story/iceland-prevent-teen-substance-abuse

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Vittoria dei Sì e pareggio nelle regioni congelano la politica

      di Ruben Razzante. Con la vittoria schiacciante dei Sì e sinistra che perde "solo" le Marche, Di Maio e Zingaretti cantano vittoria. Ma il voto non è rassicurante neanche per i partiti al governo. E soprattutto il voto referendario significa che il Parlamento è ora delegittimato e sarebbe coerente chiederne lo scioglimento approvando velocemente una nuova legge elettorale. Ma è invece più probabile che, data la situazione, sia nel centrosinistra che nel centrodestra prevalgano le spinte stabilizzatrici. Leggi il seguito…

    • La filosofia greca secondo Stefano Fontana

      di Fabio Trevisan. Dal 10 settembre scorso è in libreria “LA SAPIENZA DEI GRECI. LA FILOSOFIA CLASSICA DA TALETE A PLOTINO” di Stefano Fontana (edizioni Fede & Cultura).In questo prezioso volume, nell’affrontare i grandi pensatori greci, Fontana non dà nulla per scontato ma valuta in modo oggettivo e critico le conseguenze reali del loro pensiero. In questo senso, il testo offre l’opportunità di riflettere maggiormente non solo sull’attualità del pensiero dei greci ma anche sugli scenari aperti e sulle possibilità enormi (dal punto di vista logico-metafisico e anche etico-politico) da loro prospettate Leggi il seguito…

    • I diritti si fondano sul diritto

      di Giovanni Formicola. Tavolo di Lavoro sulla Commissione Glendon Con un articolo introduttivo di Don Samuele Cecotti [leggi qui] abbiamo lanciato la proposta di una riflessione a partire dalle conclusioni della Commissione Glendon sui veri diritti umani. Il diritto, secondo la lezione di Paolo Grossi, preesiste alla legge positiva – che tutt’al più lo riflette, lo recepisce, lo esplicita, lo «mette in chiaro», lo munisce di sanzione in caso di trasgressione –, allo stesso modo in cui la società precede quello che i moderni chiamano Stato. Prima, infatti, vi sono gli uomini, le famiglie, i gruppi, e la loro fitta trama di relazioni – tra loro e con la realtà materiale (anzitutto il suolo sul quale vivono, che ne costituisce patria e territorio), ma anche con la Divinità –, che istituiscono appunto una società. Leggi il seguito…

    • Il voto disgiunto e la tempesta perfetta

      di Marcello Veneziani. Se domenica la tempesta sarà perfetta, la sinistra perderà le regionali con l’aiuto dei grillini e i grillini perderanno il referendum con l’aiuto della sinistra. Nel frattempo è andato in scena il solito copione: le inchieste giudiziarie sulla Lega, l’ombra della Russia che riciccia in vista del voto, i fascisti che ammazzano i migranti o si travestono da migranti per ammazzare i preti, il Conte Ventosa che si para le chiappe dicendo che qualunque sarà l’esito del voto lui resta lì attaccato al trono. Leggi il seguito…