Le droghe e il caso dell’Islanda

schema

Come evitare che i giovani cadano nel tunnel delle droghe e delle sostanze d’abuso? È una domanda difficile che trova risposte non univoche e spesso cozza contro preconcetti ideologici, ma in un piccolo paese d’Europa se la sono posta e hanno trovato una risposta. Si tratta dell’Islanda, paese con poco più di trecento mila abitanti nel quale, forse è più facile portare avanti esperimenti di “massa”, ma che, comunque, ha combattuto e vinto la battaglia contro le dipendenze. In venti anni

è riuscita dove nessun altro paese è riuscito, o, forse, neanche ha voluto provare ad uscire. L’agenzia Agi a firma di Sonia Montrella riporta uno studio pubblicato su Mosaic Science, un magazine britannico che si dedica all’esplorazione delle scienze della vita.

L’Islanda era il paese col maggior numero di adolescenti che, in percentuale, erano abituati allo sballo da alcool e da droghe. Dal 1998 al 2016 le percentuali sono crollate e il grafico qui sotto testimonia l’incredibile risultato.

Un miracolo? No, è stato applicato un programma, Youth in Iceland, caratterizzato da un mix di divieti, incremento di attività sportive e di rapporti tra genitori e scuole. In questo programma era inserito anche una sorta di coprifuoco: i ragazzi dai 13 ai 16 anni a casa entro le 22 d’inverno e mezzanotte d’estate. Programma che riconosce come suo ideatore Harvey B. Milkman, psicologo americano che adesso insegna all’Università di Reykjavik, che ha seguito per più di venti anni gli adolescenti dell’isola ed è testimone del successo ottenuto.

Il programma applicato è centrato su poche e semplici iniziative: promuovere attività ricreative alternative, rinforzare i legami familiari aumentando il tempo passato in famiglia, ampliare esperienze culturali e attività sotto la supervisione di adulti. Portando avanti queste iniziative si sono ottenuti grandi risultati.

Negli Stati Uniti, nonostante i programmi di prevenzione l’abuso di sostanze come alcool, tabacco e marijuana/hashish continua a crescere.

In Islanda si è cercato anche di allontanare il più possibile il primo “drink” vietando gli alcoolici fino a 18 anni.

È un programma ripetibile anche in altre nazioni? Milkman pensa di sì se si coinvolgono le comunità e la classe politica e se si comprende per quale motivo gli adolescenti cadono nel tunnel delle sostanze d’abuso. Dalla lezione islandese viene fuori prepotentemente l’importanza della centralità della famiglia che, se presente, è un forte antidoto contro lo sballo giovanile.

 

Fonti

http://www.agi.it/estero/2017/01/24/news/islanda_droghe_alcol_abuso_soluzione_sport-1404316/

http://www.huffingtonpost.com/harvey-b-milkman-phd/iceland-succeeds-at-rever_b_9892758.html

https://mosaicscience.com/story/iceland-prevent-teen-substance-abuse

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Liberalismo e cattolicesimo, un confronto per capire

      di Giulia Tanel. I princìpi del liberalismo sono diffusi e sostenuti da forze politiche ed economiche. Le origini di questo pensiero sono complesse, ma l’ultimo libro di Roberto Marchesini - Liberalismo e cattolicesimo - conclude che esso «è il padre di ogni altra rivoluzione: quella protestante, quella illuminista, quella marxista». E anche nel Magistero c’è prevalentemente un giudizio negativo. Leggi il seguito…

    • Canada così “liberale” che vieta anche il vin santo

      di Luca Volontè. La ‘Legge sul Secolarismo’ del Quebec, esempio malvagio del laicismo canadese contro tutte le religioni e i fedeli cristiani, rimane in vigore (per ora). Impossibile per chiunque sia un impiegato pubblico portare simboli di appartenenza religiosi. Un passo ulteriore nella guerra totale per sradicare la fede ed i suoi simboli dalla vita pubblica nell’intero paese. Ci si avvicina alla abolizione della libertà religiosa (che include la dimensione pubblica) e all’obbligo di privatizzare la fede ed il ritorno alle catacombe per le celebrazioni eucaristiche come Dio comanda. Infatti, con una operazione poliziesca dei giorni scorsi, si è persino confiscato e vietato l’uso del ‘vin santo’ per le celebrazioni eucaristiche. Questo è il Canada del liberale Trudeau. Leggi il seguito…

    • Perché l’aggiornamento del Compendio non si farà mai

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nel 2004, per volontà di Giovanni Paolo II, il Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace pubblicò il Compendio della Dottrina sociale della Chiesa, tradotto poi in moltissime lingue e diffuso in tutto il mondo. Dieci anni dopo, il vescovo Giampaolo Crepaldi, che firmò, assieme al Cardinale Martino, il Compendio in qualità di Segretario del Dicastero pontificio, rispose ad alcune mie domande in un libro-intervista che voleva fare il punto sulla “ricezione” del Compendio [vedi qui https://www.edizionicantagalli.com/shop/la-dottrina-sociale-della-chiesa/ ] nel primo decennio dalla sua pubblicazione. Leggi il seguito…

    • Il Mulino, trionfo del populismo illuminato

      di Stefano Fontana. Compie settant'anni la rivista bolognese punto di riferimento di una certa intelligentia progressista e si rilancia con un numero sulla crisi attuale che è la quintessenza del conformismo. Nell'ansia di combattere il populismo, nuovo cancro delle democrazie, divulga una concezione assolutamente populista del momento attuale. Leggi il seguito…