Le droghe e il caso dell’Islanda

schema

Come evitare che i giovani cadano nel tunnel delle droghe e delle sostanze d’abuso? È una domanda difficile che trova risposte non univoche e spesso cozza contro preconcetti ideologici, ma in un piccolo paese d’Europa se la sono posta e hanno trovato una risposta. Si tratta dell’Islanda, paese con poco più di trecento mila abitanti nel quale, forse è più facile portare avanti esperimenti di “massa”, ma che, comunque, ha combattuto e vinto la battaglia contro le dipendenze. In venti anni

è riuscita dove nessun altro paese è riuscito, o, forse, neanche ha voluto provare ad uscire. L’agenzia Agi a firma di Sonia Montrella riporta uno studio pubblicato su Mosaic Science, un magazine britannico che si dedica all’esplorazione delle scienze della vita.

L’Islanda era il paese col maggior numero di adolescenti che, in percentuale, erano abituati allo sballo da alcool e da droghe. Dal 1998 al 2016 le percentuali sono crollate e il grafico qui sotto testimonia l’incredibile risultato.

Un miracolo? No, è stato applicato un programma, Youth in Iceland, caratterizzato da un mix di divieti, incremento di attività sportive e di rapporti tra genitori e scuole. In questo programma era inserito anche una sorta di coprifuoco: i ragazzi dai 13 ai 16 anni a casa entro le 22 d’inverno e mezzanotte d’estate. Programma che riconosce come suo ideatore Harvey B. Milkman, psicologo americano che adesso insegna all’Università di Reykjavik, che ha seguito per più di venti anni gli adolescenti dell’isola ed è testimone del successo ottenuto.

Il programma applicato è centrato su poche e semplici iniziative: promuovere attività ricreative alternative, rinforzare i legami familiari aumentando il tempo passato in famiglia, ampliare esperienze culturali e attività sotto la supervisione di adulti. Portando avanti queste iniziative si sono ottenuti grandi risultati.

Negli Stati Uniti, nonostante i programmi di prevenzione l’abuso di sostanze come alcool, tabacco e marijuana/hashish continua a crescere.

In Islanda si è cercato anche di allontanare il più possibile il primo “drink” vietando gli alcoolici fino a 18 anni.

È un programma ripetibile anche in altre nazioni? Milkman pensa di sì se si coinvolgono le comunità e la classe politica e se si comprende per quale motivo gli adolescenti cadono nel tunnel delle sostanze d’abuso. Dalla lezione islandese viene fuori prepotentemente l’importanza della centralità della famiglia che, se presente, è un forte antidoto contro lo sballo giovanile.

 

Fonti

http://www.agi.it/estero/2017/01/24/news/islanda_droghe_alcol_abuso_soluzione_sport-1404316/

http://www.huffingtonpost.com/harvey-b-milkman-phd/iceland-succeeds-at-rever_b_9892758.html

https://mosaicscience.com/story/iceland-prevent-teen-substance-abuse

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il lento smottamento dell’Europa dei Trattati senza Costituzione, senza radici e senza classe dirigente

      di Giulio Sapelli. Tutto sta franando. È un movimento lento, uno smottamento che investe tutto il mondo e trasforma insediamenti umani stabili in grumi di aggregazioni a frattali, sottoposti a quella polverizzazione argillosa che divide, biforca e che di fatto innerva di nuovo il tragico (perché disperato e sempre incompiuto) sogno gollista di un’Europa politica e militare dall’Atlantico agli Urali. Del resto rimane l’unico disegno per costruire un’Europa potenza marittima, ossia talassocratica, e quindi potenza mondiale non soffocata tra l’incubo dell’accerchiamento tedesco e il pescar nel mortaio di medie potenze regionali costrette a politiche internazionali di mediazione che altro non fanno che indebolire le medie potenze così costantemente divise. Questo significa multiple alleanze in contemporanea: è una gerarchia tra vassalli di media potenza senza un impero e senza un imperatore. Leggi il seguito…

    • Con Francesco il rovesciamento della sussidiarietà

      di Paolo Bellavite. Da un confronto tra quattro encicliche sociali che hanno affrontato il tema della sussidiarietà e quindi del rapporto fra Stato e corpi intermedi, si ricava che la concezione espressa in Fratelli Tutti è diametralmente opposta a quella proposta da Leone XIII, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Leggi il seguito…

    • La Federazione e il Centrodestra che verrà

      di Giovanni Toti. Bene ha fatto l’amico Matteo Salvini a cogliere il suggerimento che gli avevamo dato all’indomani delle elezioni regionali e a lanciare un sasso nello stagno di un centrodestra che ha bisogno di essere ripensato. Il tempo è giusto: dopo la guerra al Covid, arriverà il dopoguerra, con tutta la sua voglia di ricostruire, di cambiare, di tornare a crescere e lavorare, di costruire un Paese migliore. Leggi il seguito…

    • Ambientalismo e globalismo, le ideologie più pericolose

      di Stefano Fontana. L’ambientalismo è una grande bolla ideologica, il globalismo è un’etica dell’umanità con pochi e generici principi morali per una religione universale senza dogmi e dottrine. A questo progetto inquietante sta dando il proprio appoggio anche la Chiesa cattolica. Il dodicesimo Rapporto dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a Ambientalismo e globalismo, le due ideologie più pericolose del momento, che puntano a convergere su un unico piano politico mondiale. Leggi il seguito…