La Società Italiana di Farmacologia chiede prudenza nell’uso della Cannabis terapeutica

index

Anche la Società Italiana di Farmacologia chiede prudenza nell’uso della Cannabis terapeutica. Sono i farmacologi italiani

che ritengono ancora scarse le evidenze scientifiche per poter usare con sicurezza la cannabis a fronte di informazioni “non sempre corrette e potenzialmente pericolose per la salute”. Tra i pericoli principali l’elevato rischio di abuso associato al suo utilizzo e la mancanza di conoscenze adeguate relative a trattamenti prolungati.

La Società Italiana di Farmacologia raccomanda di valutare i dosaggi, verificare la possibilità di utilizzare farmaci alternativi e di rispettare “in maniera rigorosa i principi di appropriatezza diagnostica e prescrittiva”.
Come risulta anche da una vasta revisione della letteratura internazionale, oltre 10000 pubblicazioni, le evidenze terapeutiche sono abbastanza ristrette e sono le stesse che ricorda il prof. Silvio Garattini dell’Istituto Farmacologica “Mario Negri”: «Di conclamato non c’è niente perché nulla di esaustivo è stato stabilito dall’autorità regolatoria, ma al momento i campi con possibili benefici sembrano tre. La cura nella spasticità della sclerosi multipla, che però è una parte minore della sclerosi. Quindi nella terapia del dolore, ma in questo caso non ci sono confronti con i farmaci già esistenti che giustifichino la preferenza della cannabis. Si ipotizza infine un uso per attenuare la nausea provocata dalla chemioterapia».

L’analisi dei 10000 reports ha anche sottolineato l’aumento di sinistri stradali negli stati dove la marijuana è stata legalizzata, l’aumentato rischio di sviluppo di schizofrenia, ansietà, depressione e tumori ai polmoni. Inoltre si è evidenziato che quanto l’uso è precoce tanto maggiore la probabilità di incorrere in un abuso.
Può bastare per sfatare un mito che sembra duro a morire anche perché ammantato del fascino del farmaco, che se è tale, vuol dire che “fa bene”.

http://www.sifweb.org/docs/lettere/sif_comunicato_uso_terapeutico_cannabis_gen2017.pdf
https://www.theguardian.com/society/2017/jan/12/marijuana-study-benefits-chemotherapy-pain-multiple-sclerosis

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…