La Società Italiana di Farmacologia chiede prudenza nell’uso della Cannabis terapeutica

index

Anche la Società Italiana di Farmacologia chiede prudenza nell’uso della Cannabis terapeutica. Sono i farmacologi italiani

che ritengono ancora scarse le evidenze scientifiche per poter usare con sicurezza la cannabis a fronte di informazioni “non sempre corrette e potenzialmente pericolose per la salute”. Tra i pericoli principali l’elevato rischio di abuso associato al suo utilizzo e la mancanza di conoscenze adeguate relative a trattamenti prolungati.

La Società Italiana di Farmacologia raccomanda di valutare i dosaggi, verificare la possibilità di utilizzare farmaci alternativi e di rispettare “in maniera rigorosa i principi di appropriatezza diagnostica e prescrittiva”.
Come risulta anche da una vasta revisione della letteratura internazionale, oltre 10000 pubblicazioni, le evidenze terapeutiche sono abbastanza ristrette e sono le stesse che ricorda il prof. Silvio Garattini dell’Istituto Farmacologica “Mario Negri”: «Di conclamato non c’è niente perché nulla di esaustivo è stato stabilito dall’autorità regolatoria, ma al momento i campi con possibili benefici sembrano tre. La cura nella spasticità della sclerosi multipla, che però è una parte minore della sclerosi. Quindi nella terapia del dolore, ma in questo caso non ci sono confronti con i farmaci già esistenti che giustifichino la preferenza della cannabis. Si ipotizza infine un uso per attenuare la nausea provocata dalla chemioterapia».

L’analisi dei 10000 reports ha anche sottolineato l’aumento di sinistri stradali negli stati dove la marijuana è stata legalizzata, l’aumentato rischio di sviluppo di schizofrenia, ansietà, depressione e tumori ai polmoni. Inoltre si è evidenziato che quanto l’uso è precoce tanto maggiore la probabilità di incorrere in un abuso.
Può bastare per sfatare un mito che sembra duro a morire anche perché ammantato del fascino del farmaco, che se è tale, vuol dire che “fa bene”.

http://www.sifweb.org/docs/lettere/sif_comunicato_uso_terapeutico_cannabis_gen2017.pdf
https://www.theguardian.com/society/2017/jan/12/marijuana-study-benefits-chemotherapy-pain-multiple-sclerosis

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Vittoria dei Sì e pareggio nelle regioni congelano la politica

      di Ruben Razzante. Con la vittoria schiacciante dei Sì e sinistra che perde "solo" le Marche, Di Maio e Zingaretti cantano vittoria. Ma il voto non è rassicurante neanche per i partiti al governo. E soprattutto il voto referendario significa che il Parlamento è ora delegittimato e sarebbe coerente chiederne lo scioglimento approvando velocemente una nuova legge elettorale. Ma è invece più probabile che, data la situazione, sia nel centrosinistra che nel centrodestra prevalgano le spinte stabilizzatrici. Leggi il seguito…

    • La filosofia greca secondo Stefano Fontana

      di Fabio Trevisan. Dal 10 settembre scorso è in libreria “LA SAPIENZA DEI GRECI. LA FILOSOFIA CLASSICA DA TALETE A PLOTINO” di Stefano Fontana (edizioni Fede & Cultura).In questo prezioso volume, nell’affrontare i grandi pensatori greci, Fontana non dà nulla per scontato ma valuta in modo oggettivo e critico le conseguenze reali del loro pensiero. In questo senso, il testo offre l’opportunità di riflettere maggiormente non solo sull’attualità del pensiero dei greci ma anche sugli scenari aperti e sulle possibilità enormi (dal punto di vista logico-metafisico e anche etico-politico) da loro prospettate Leggi il seguito…

    • I diritti si fondano sul diritto

      di Giovanni Formicola. Tavolo di Lavoro sulla Commissione Glendon Con un articolo introduttivo di Don Samuele Cecotti [leggi qui] abbiamo lanciato la proposta di una riflessione a partire dalle conclusioni della Commissione Glendon sui veri diritti umani. Il diritto, secondo la lezione di Paolo Grossi, preesiste alla legge positiva – che tutt’al più lo riflette, lo recepisce, lo esplicita, lo «mette in chiaro», lo munisce di sanzione in caso di trasgressione –, allo stesso modo in cui la società precede quello che i moderni chiamano Stato. Prima, infatti, vi sono gli uomini, le famiglie, i gruppi, e la loro fitta trama di relazioni – tra loro e con la realtà materiale (anzitutto il suolo sul quale vivono, che ne costituisce patria e territorio), ma anche con la Divinità –, che istituiscono appunto una società. Leggi il seguito…

    • Il voto disgiunto e la tempesta perfetta

      di Marcello Veneziani. Se domenica la tempesta sarà perfetta, la sinistra perderà le regionali con l’aiuto dei grillini e i grillini perderanno il referendum con l’aiuto della sinistra. Nel frattempo è andato in scena il solito copione: le inchieste giudiziarie sulla Lega, l’ombra della Russia che riciccia in vista del voto, i fascisti che ammazzano i migranti o si travestono da migranti per ammazzare i preti, il Conte Ventosa che si para le chiappe dicendo che qualunque sarà l’esito del voto lui resta lì attaccato al trono. Leggi il seguito…