Le bugie di Andrea Tornielli

Cattura

Prima o poi doveva succedere, ed è successo. Riccardo Cascioli, direttore de La nuova Bussola quotidiana, ha raccontato un episodio ignoto ai più, cioè il tentativo di Andrea Tornielli di  “di estorcere dichiarazioni al cardinale Brandmuller contro Burke”. In altri termini di pilotare un’ intervista nella direzione voluta dall’intervistatore, per un fine voluto dall’intervistatore.

Era un fatto di cui era a conoscenza anche il sottoscritto, tramite amici del cardinale, ma Tornielli ha negato, e attaccato “le bugie” e l’ “Inquisizione” bussolana.

Senza ora affrontare temi inquisitori (lo feci già in passato sul Foglio, smentendo l’inquisizione torniellesca sui Francescani dell’Immacolata; a proposito: il padre Alfonso Bruno, cui Tornielli dava grande ascolto nell’epoca dello spargimento di fango su padre Manelli, è stato defenestrato da tempo dai nuovi commissari, ma difficilmente Tornielli ne darà conto… ), sarebbe utile capire chi tra l’attuale direttore della Bussola (Cascioli) e il vecchio direttore (Tornielli) dice le bugie.

Chi scrive, conoscendo la vita camaleontica del secondo*, sarebbe portato a rispondere di impulso; o a rivelare quanto ambienti vicini al cardinale tedesco, intimo amico di Benedetto, mi hanno raccontato nei giorni passati…

Ma non serve, la risposta ce la dà Tornielli stesso, riportando la mail ricevuta da Brandmuller stesso. Per Tornielli si tratterebbe di una prova a suo favore. La realtà è all’esatto opposto.

Vediamo l’incipit della lettera:

Cattura

“Caro Dottore, ecco qui il mio pensiero autentico e completo. La pregherei di riportarlo in una Sua eventuale pubblicazione…”

 

Ora, perchè un intervistato, dopo una intervista a voce, si sente in dovere di mandare per iscritto una simile ingiunzione?

Evidente teme. Se si fidasse non aggiungerebbe, alle parole già pronunciate, parole scritte.

Teme, semplicemente, che il suo pensiero sia riportato in modo non autentico e non completo.

Cioè falsamente; cioè per qualche scopo, e non semplicemente per informare…

O sbaglio?

Certe cose a certi giornalisti accadono spessissimo, soprattutto se li troviamo passare da un fronte all’altro (è una regola elementare: per farsi accettare dal nuovo mondo che si sta frequentando, bisogna prendere massime distanze da quello, ben diverso, che si è frequentato sino a poco prima).

*http://www.libertaepersona.org/wordpress/2016/01/andrea-tornielli-il-vaticanista-di-successo/

 

 

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I giovani galantiniani non esistono

      08 Mons Nunzio Galantino di Camillo Langone. “I nostri giovani sono increduli davanti alle motivazioni date per rimandare lo ius soli”, dice Galantino. Non ho ben capito chi siano questi giovani: i giovani italiani? I giovani cattolici? I giovani dell’Azione Cattolica? Se riuscissi a identificarli direi loro: se non credete nella politica, credete nella realtà, credete nel raccapricciante resoconto di Stefano Montefiori (Corriere) sugli ebrei residenti in Francia e in particolare nelle periferie islamizzate Leggi il seguito… 

    • Il patriarca ortodosso vede i segni dell’Apocalisse

      kirill di Marco Tosatti. Il patriarca Kirill ha detto nei giorni scorsi in un discorso pubblico che i segni del Libro dell’Apocalisse sono ormai evidenti. Ha anche chiesto ai politici, agli artisti, agli scienziati e ai comuni cittadini di unirsi, per fermare il movimento verso l’abisso: “Stiamo entrando in un periodo critico nello sviluppo della civiltà umana”. Leggi il seguito… 

    • Grothendieck, matematico alla ricerca di Dio

      giulia Sono passati tre anni da quel 13 novembre 2014, giorno in cui moriva quello che è stato definito il più grande matematico del XX secolo, e tra i più importanti di sempre: Alexander Grothendieck. Nato nel 1928 a Berlino da famiglia ebrea, ebbe un'infanzia segnata dalle vicende storiche legate alla Seconda Guerra mondiale. Leggi il seguito… 

    • Ddl “omofobia”: l’appoggio di Maroni, il silenzio della Chiesa

      ddl-omofobia di Benedetta Frigerio. Sconfitta in Parlamento, la legge sull’“omofobia” (Ddl Scalfarotto presentato alla Camera nel 2013), la prima e la più necessaria a rendere la follia del gender una dittatura vera e propria, sta passando tramite una strategia molto più raffinata, attraverso cui i politici riescono a nascondere più facilmente il loro doppiogiochismo. Leggi il seguito…