Le bugie di Andrea Tornielli

Cattura

Prima o poi doveva succedere, ed è successo. Riccardo Cascioli, direttore de La nuova Bussola quotidiana, ha raccontato un episodio ignoto ai più, cioè il tentativo di Andrea Tornielli di  “di estorcere dichiarazioni al cardinale Brandmuller contro Burke”. In altri termini di pilotare un’ intervista nella direzione voluta dall’intervistatore, per un fine voluto dall’intervistatore.

Era un fatto di cui era a conoscenza anche il sottoscritto, tramite amici del cardinale, ma Tornielli ha negato, e attaccato “le bugie” e l’ “Inquisizione” bussolana.

Senza ora affrontare temi inquisitori (lo feci già in passato sul Foglio, smentendo l’inquisizione torniellesca sui Francescani dell’Immacolata; a proposito: il padre Alfonso Bruno, cui Tornielli dava grande ascolto nell’epoca dello spargimento di fango su padre Manelli, è stato defenestrato da tempo dai nuovi commissari, ma difficilmente Tornielli ne darà conto… ), sarebbe utile capire chi tra l’attuale direttore della Bussola (Cascioli) e il vecchio direttore (Tornielli) dice le bugie.

Chi scrive, conoscendo la vita camaleontica del secondo*, sarebbe portato a rispondere di impulso; o a rivelare quanto ambienti vicini al cardinale tedesco, intimo amico di Benedetto, mi hanno raccontato nei giorni passati…

Ma non serve, la risposta ce la dà Tornielli stesso, riportando la mail ricevuta da Brandmuller stesso. Per Tornielli si tratterebbe di una prova a suo favore. La realtà è all’esatto opposto.

Vediamo l’incipit della lettera:

Cattura

“Caro Dottore, ecco qui il mio pensiero autentico e completo. La pregherei di riportarlo in una Sua eventuale pubblicazione…”

 

Ora, perchè un intervistato, dopo una intervista a voce, si sente in dovere di mandare per iscritto una simile ingiunzione?

Evidente teme. Se si fidasse non aggiungerebbe, alle parole già pronunciate, parole scritte.

Teme, semplicemente, che il suo pensiero sia riportato in modo non autentico e non completo.

Cioè falsamente; cioè per qualche scopo, e non semplicemente per informare…

O sbaglio?

Certe cose a certi giornalisti accadono spessissimo, soprattutto se li troviamo passare da un fronte all’altro (è una regola elementare: per farsi accettare dal nuovo mondo che si sta frequentando, bisogna prendere massime distanze da quello, ben diverso, che si è frequentato sino a poco prima).

*http://www.libertaepersona.org/wordpress/2016/01/andrea-tornielli-il-vaticanista-di-successo/

 

 

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Omogenitorialità, una causa contro gli abusi dei sindaci

      generazione-famiglia-senato di Marco Guerra. Generazione Famiglia e CitizenGo, presentano esposti ai tribunali di Milano, Torino, Firenze, Bologna e Pesaro e hanno tenuto ieri una conferenza stampa al Senato con i parlamentari di centrodestra, per rispondere ai sindaci che, aggirando la legge, hanno affidati minori a coppie gay Leggi il seguito… 

    • Gli Stati Uniti si ritirano dal Consiglio dei Diritti Umani dell’Onu

      ambasciatrice-usa-onu di Lorenzo Vita. Gli Stati Uniti scelgono, ancora una volta, la via della rottura con la comunità internazionale. L'ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite ha annunciato che il suo Paese si ritira dal Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, definito come "la fogna della faziosità politica". "Prendiamo questa decisione perché il nostro impegno non ci permette di continuare a far parte di un'organizzazione ipocrita e asservita ai propri interessi che ha fatto dei diritti umani una barzelletta", ha dichiarato la Haley. Leggi il seguito… 

    • Tanti interessi dietro le accuse di inumanità

      centro-di-accoglienza di Gianandrea Gaiani. L'Italia continua ad accogliere migranti irregolari, anzi sono aumentati negli ultimi giorni. Lo stop riguarda solo le navi delle Ong, ma potrebbe essere l'inizio di una nuova linea europea, che manderebbe in crisi il fiorente business dell'accoglienza. E guarda caso le accuse arrivano da chi sui clandestini ci sta guadagnando. Leggi il seguito… 

    • Quando Bergoglio telefonò a Enrico Letta, e partì l’operazione “Mare Nostrum”. Una rivelazione.

      papa_lampedusa_ansa di Marco Tosatti. L’operazione “Mare Nostrum”, che segnò l’inizio della straordinaria ondata di migrazione (alcuni parlando di invasione) dalle coste africane, e in particolare dalla Libia destabilizzata dall’aggressione anglo-franco-americana,  ha avuto uno sponsor eccezionale. Lo rivelano a Stilum Curiae fonti di alto livello del Ministero degli Interni, che all’epoca erano presenti e operative nella stanza dei bottoni. Leggi il seguito…