Le bugie di Andrea Tornielli

Cattura

Prima o poi doveva succedere, ed è successo. Riccardo Cascioli, direttore de La nuova Bussola quotidiana, ha raccontato un episodio ignoto ai più, cioè il tentativo di Andrea Tornielli di  “di estorcere dichiarazioni al cardinale Brandmuller contro Burke”. In altri termini di pilotare un’ intervista nella direzione voluta dall’intervistatore, per un fine voluto dall’intervistatore.

Era un fatto di cui era a conoscenza anche il sottoscritto, tramite amici del cardinale, ma Tornielli ha negato, e attaccato “le bugie” e l’ “Inquisizione” bussolana.

Senza ora affrontare temi inquisitori (lo feci già in passato sul Foglio, smentendo l’inquisizione torniellesca sui Francescani dell’Immacolata; a proposito: il padre Alfonso Bruno, cui Tornielli dava grande ascolto nell’epoca dello spargimento di fango su padre Manelli, è stato defenestrato da tempo dai nuovi commissari, ma difficilmente Tornielli ne darà conto… ), sarebbe utile capire chi tra l’attuale direttore della Bussola (Cascioli) e il vecchio direttore (Tornielli) dice le bugie.

Chi scrive, conoscendo la vita camaleontica del secondo*, sarebbe portato a rispondere di impulso; o a rivelare quanto ambienti vicini al cardinale tedesco, intimo amico di Benedetto, mi hanno raccontato nei giorni passati…

Ma non serve, la risposta ce la dà Tornielli stesso, riportando la mail ricevuta da Brandmuller stesso. Per Tornielli si tratterebbe di una prova a suo favore. La realtà è all’esatto opposto.

Vediamo l’incipit della lettera:

Cattura

“Caro Dottore, ecco qui il mio pensiero autentico e completo. La pregherei di riportarlo in una Sua eventuale pubblicazione…”

 

Ora, perchè un intervistato, dopo una intervista a voce, si sente in dovere di mandare per iscritto una simile ingiunzione?

Evidente teme. Se si fidasse non aggiungerebbe, alle parole già pronunciate, parole scritte.

Teme, semplicemente, che il suo pensiero sia riportato in modo non autentico e non completo.

Cioè falsamente; cioè per qualche scopo, e non semplicemente per informare…

O sbaglio?

Certe cose a certi giornalisti accadono spessissimo, soprattutto se li troviamo passare da un fronte all’altro (è una regola elementare: per farsi accettare dal nuovo mondo che si sta frequentando, bisogna prendere massime distanze da quello, ben diverso, che si è frequentato sino a poco prima).

*http://www.libertaepersona.org/wordpress/2016/01/andrea-tornielli-il-vaticanista-di-successo/

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Gente seria, tornerà di moda!

      Alcide De Gasperi è una figura gigantesca della storia italiana. Tanto centrale da risultare "utile" per leggere ed interpretare la contemporaneità.… Leggi il seguito…

    • Il Papa, il Conclave. Ogni dittatore ha bisogno di un complotto, prima o poi…

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, vorrei tornare sulle straordinarie esternazioni fatte dal Pontefice regnante durante il suo incontro con i gesuiti in Slovacchia, e di cui ha già scritto benissimo Americo Mascarucci su queste pagine. Vorrei farlo riportando il lavoro di due persone che certamente non sono sospettabili di non amare il Vaticano, la Chiesa e il Pontefice regnante: Vik van Brantegem e Luis Badilla. Ed entrambi sono rimasti colpiti, per non dire sbalorditi (giustamente….), dalle frasi di papa Bergoglio. D’altronde quando mai nella storia di un dittatore non c’è un momento in cui si grida, più o meno strumentalmente, al complotto? Prologo di chiamata alle armi dei fedelissimi, e di inevitabili purghe…Ma lasciamo direttamente la parola a loro. Buona lettura Leggi il seguito…

    • La Cei tratta (poi ritratta), ma la Messa non è negoziabile

      di Stefano Fontana. L’allineamento della Chiesa italiana continua. Il presidente della Cei Bassetti parla di trattativa con lo Stato a proposito del Green pass a Messa. Poi cerca di correggersi e dice di intendere il protocollo di un anno e mezzo fa. Ma i riferimenti al lasciapassare e al coinvolgimento dei vescovi sono indizi chiari. Però l’uso del pass per partecipare alla Messa non può essere oggetto di “trattativa”. Sarebbe intollerabile e preoccupa che Bassetti abbia usato la parola “trattativa” e abbia dato la disponibilità della Cei ad una contrattazione che sarebbe scandalosa. Leggi il seguito…

    • Riflessioni (amare) sul green pass

      di Iustitia in Veritate. Una serie di articoli, redatti dai collaboratori di Iustitia in Veritate, per approfondire la virulenza liberticida del marchio verde, così come è stato concepito e applicato in Italia.

      1. CONSEGUENZE E PRESUPPOSTI NEFASTI
      L’introduzione e l’estensione ormai indiscriminata del cosiddetto green pass costringe ad alcune considerazioni sulla sua caratura morale, sulle sue implicazioni politiche e giuridiche, sui suoi effetti sulla convivenza civile. Leggi il seguito…