Un requiem per Alfano, Lupi, Castaldini…

castaldini

Dopo la vittoria del No,  Matteo Renzi ha dato le dimissioni. Ma non è l’unica notizia.

L’altra è che non vedremo più Angelino Alfano. Dopo essere stato il vice di Berlusconi, Alfano ha scelto di appiattirsi, sempre e comunque, su Renzi.

Tradendo così i suoi elettori, la sua promessa inziale (ricostruire un Nuovo Centro Destra), i suoi amici.

Alfano ha scelto il potere, e ha sbeffeggiato il popolo del Family day, che gli chiedeva un piccolo gesto.

Ha tradito i compagni di partito Gaetano Quagliariello, Eugenia Roccella, Alessandro Pagano, Carlo Giovanardi... e tutti quelli che gli chiedevano un po’ di coerenza sui valori della famiglia, della vita e della sicurezza.

Alfano ha dimostrato di essere cinico, e con lui altri deputati “cattolici” che hanno ormai finito la loro corsa: Maurizio Lupi e la banda dei ciellini volta gabbana (Chiavaroli, Castaldini…), passati dalle chiese alle sezioni del Pd, in qualche caso dalle Sentinelle in piedi (vedi Castaldini) all’alleanza con Luxuria, Scalfarotto, Bonino, Boschi…

referendum-unioni-755x515

Oggi si può dire: coloro che hanno lasciato il governo e la maggioranza in tempi non sospetti (i già citati Gaetano Quagliariello, Eugenia Roccella, Alessandro Pagano, Carlo Giovanardi…) meritano tutto il riconoscimento del popolo per la vita e la famiglia. Hanno lottato come leoni; hanno arenato la Scalfarotto; hanno fatto il possibile per rallentare la Cirinnà; hanno funto da freno a nuove leggi nichiliste come il ddl Giachetti…

Di Alfano, Lupi e compagnia non rimarrà nulla. Hanno fatto i servi del padrone ad oltranza, convinti che il padrone fosse invincibile… Ora il loro destino politico è l’oblio. Forse un po di sano nascondimento sarà salutare per le loro anime (se ci credono ancora), sinora svendute per un piatto di lenticchie.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’intervento dell’Arcivescovo Crepaldi su Noa Pothoven e il “coscienzialismo” totalitario

      di Silvio Brachetta. Il «principio di autodeterminazione assoluta», di cui scrive Crepaldi, è collegato al primato del soggetto sull’oggetto, sul quale è intessuta gran parte della filosofia e della teologia moderna. Si tratta di un soggettivismo assoluto, che rovescia i dati del mondo reale sul capriccio della volontà, spesso sganciata dalla ragione. La coscienza, in questo quadro distorto, diventa l’ultimo orizzonte di significato: da luogo metafisico nel quale l’uomo ascolta la voce di Dio e la realizza, essa è trasformata dal soggetto in tribunale esclusivo della volontà umana, che stabilisce cosa sia bene e male sulla base di un desiderio cieco, a prescindere da qualsiasi rivelazione o riferimento trascendente Leggi il seguito…

    • Radio Radicale, la solita truffa ideologica

      di Riccardo Cascioli. Come era prevedibile alla fine i fondi statali per Radio Radicale sono arrivati, grazie anche ai voti della Lega e con il plauso di molti cattolici che contano. Una scelta scriteriata che premia il parassitismo e la cultura della morte. Ed Emma Bonino presenta subito il conto alla Chiesa. Leggi il seguito…

    • Processo ai magistrati

      di Marcello Veneziani. Al di là dei singoli casi e delle specifiche responsabilità, quali sono i mali della magistratura? A parte i mali storici, la quantità impressionante di reati impuniti, le lungaggini dei processi, gli intrecci con la politica, il protagonismo malato dei magistrati e la loro sete di vetrina, non solo politica e mediatica ma anche letteraria e cinematografica, potremmo riassumerli in alcuni filoni Leggi il seguito…

    • Cari partiti, sveglia! Questa è l’occasione perfetta per una riforma della giustizia

      di Centro Studi Livatino. Parla Mantovano, magistrato ed ex parlamentare: “stupirsi è da ipocriti, ma adesso si può finalmente parlare di separazione delle carriere e del riordino di cui la categoria ha bisogno”. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.