Un requiem per Alfano, Lupi, Castaldini…

castaldini

Dopo la vittoria del No,  Matteo Renzi ha dato le dimissioni. Ma non è l’unica notizia.

L’altra è che non vedremo più Angelino Alfano. Dopo essere stato il vice di Berlusconi, Alfano ha scelto di appiattirsi, sempre e comunque, su Renzi.

Tradendo così i suoi elettori, la sua promessa inziale (ricostruire un Nuovo Centro Destra), i suoi amici.

Alfano ha scelto il potere, e ha sbeffeggiato il popolo del Family day, che gli chiedeva un piccolo gesto.

Ha tradito i compagni di partito Gaetano Quagliariello, Eugenia Roccella, Alessandro Pagano, Carlo Giovanardi... e tutti quelli che gli chiedevano un po’ di coerenza sui valori della famiglia, della vita e della sicurezza.

Alfano ha dimostrato di essere cinico, e con lui altri deputati “cattolici” che hanno ormai finito la loro corsa: Maurizio Lupi e la banda dei ciellini volta gabbana (Chiavaroli, Castaldini…), passati dalle chiese alle sezioni del Pd, in qualche caso dalle Sentinelle in piedi (vedi Castaldini) all’alleanza con Luxuria, Scalfarotto, Bonino, Boschi…

referendum-unioni-755x515

Oggi si può dire: coloro che hanno lasciato il governo e la maggioranza in tempi non sospetti (i già citati Gaetano Quagliariello, Eugenia Roccella, Alessandro Pagano, Carlo Giovanardi…) meritano tutto il riconoscimento del popolo per la vita e la famiglia. Hanno lottato come leoni; hanno arenato la Scalfarotto; hanno fatto il possibile per rallentare la Cirinnà; hanno funto da freno a nuove leggi nichiliste come il ddl Giachetti…

Di Alfano, Lupi e compagnia non rimarrà nulla. Hanno fatto i servi del padrone ad oltranza, convinti che il padrone fosse invincibile… Ora il loro destino politico è l’oblio. Forse un po di sano nascondimento sarà salutare per le loro anime (se ci credono ancora), sinora svendute per un piatto di lenticchie.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Ripartire da Porta Pia. Le “due Rome”, la “nuova costituente” e la Commissione Glendon”

      di Stefano Fontana. Le due Rome Domenica scorsa 20 settembre si sono ricordati i 150 anni dalla breccia di Porta Pia e dalla presa di Roma da parte dello Stato italiano (20 settembre 1870). Tra le tante cose da dire a proposito, sia di tipo storico[1] che teoretico[2] vorrei soffermarmi sul rapporto tra la valutazione data dal professor Giovanni Turco (università di Udine) con la sua tesi delle “due Rome” di stampo decisamente anti-liberale, e l’interpretazione liberale fornita dal professor Carlo Lottieri (università di Verona) che parte da Porta Pia per lavorare ad una nuova costituente. Leggi il seguito…

    • Il comunismo restò in cielo e mandò i popoli all’inferno

      di Marcello Veneziani. Un lungo corteo di elogi funebri ha accompagnato la morte di Rossana Rossanda. Necrologi rosso antico, testimonianze affettuose, ricordi di militanze dell’altro millennio. Il rispetto che si deve in generale per chi muore e in particolare per un nemico intellettuale, e uso la parola nemico senza un filo di disprezzo, sapendo di rispettare le sue volontà, non deve però trattenere dal tracciare un bilancio onesto. Non della vita e l’opera di Rossana Rossanda, e nemmeno del suo Manifesto, ma un bilancio ideologico e politico di una passione chiamata comunismo. Pace all’anima sua, anche se lei rigettò la pace e l’anima. Leggi il seguito…

    • “Make Italy great again”. Il centrodestra deve ricominciare da una visione comune del futuro

      di Eugenio Capozzi. Il centrodestra è riuscito a non vincere elezioni che pure ha sostanzialmente vinto. Ha guadagnato il governo di una regione, quasi sicuramente due, ha aumentato i consensi per le sue liste, ma ancora una volta non è riuscito nella “spallata” che cerca da un anno, e cioè nel tentativo di destabilizzare il governo Conte bis, pur fragile e diviso, e pur gravato dai risultati disastrosi della gestione dell’emergenza Covid. Leggi il seguito…

    • Così Meloni e Salvini hanno regalato la vittoria a Di Maio

      di Gennaro Malgieri. Di Maio e compagnia cantante hanno potuto ottenere questo strepitoso risultato referendario grazie a vassalli e valvassori di destra e di sinistra, spiega Gennaro Malgieri. E la destra, rappresentata da Lega e FdI, non si capisce che cosa abbia ottenuto posto che ha regalato agli avversari pentastellati più che una vittoria, la resurrezione Leggi il seguito…