METODO BILLINGS: metodo naturale di gestione della… felicità di coppia

Billings immagine iniziale

di Maria Dolores Agostini*

È proprio vero, a tutto c’è rimedio, in particolar modo voglio proporre l’antidoto naturale che risolve ogni problema di coppia, la panacea, stop surrogati ad effetto placebo: il metodo Billings. La magia non c’entra nulla, al massimo scintille e saette di luce illumineranno il vostro sguardo rinnovato dopo aver provato. Si, l’unica clausola infatti è provare per credere. 

Tutto comincia con la decisione di volersi bene in senso assoluto, inteso come affetto per la nostra stessa persona e “affetto condiviso” per il nostro giardino privato. La scelta del metodo Billings mette d’accordo tutti: chi ha a cuore il proprio credo religioso non dovrà scendere a compromessi compromettenti eterodossi; gli uomini e donne di scienza si compiaceranno di sperimentare la perfezione dell’anatomia e della fisiologia umana; vegetariani e vegani saranno al sicuro: l’unica carne con cui avranno contatto sarà quella del partner (sapevate che nei profilattici c’è la caseina?); chi è guidato da fervore ecologista accenderà il semaforo verde.

Dir che se ne voglia, protagonista è la coppia, attraverso la donna, in ogni fase della vita fertile e in ogni situazione: cicli irregolari, stress, allattamento, premenopausa etc… L’innovazione sta nella cosa più vecchia del mondo: nella società odierna 2.0 c’è urgente bisogno di ritornare alla realtà, al rapporto sessuale carnale. Quale antidoto migliore dunque per le coppie in crisi? In un mondo dal divorzio facile la soluzione è qui? Sfido il metodo Billings, sì, in parte sicuramente.

Il libertinismo sessuale, la pornografia, ma per prima la contraccezione, hanno portato a snaturare l’atto sotto più aspetti: in primis a livello concettuale ponendo un setto tra unione e procreazione, con conseguenze sulla qualità del rapporto e sull’empatia generata oltre al discorso etico, e San Giovanni Paolo II affermava con autorevolezza che quando l’amplesso è aperto alla vita vi è “comunione sessuale”, quando esso non lo è, c’è solo “unione sessuale”.

Il metodo Billings ricuce lo squarcio, restaura la profondità degli incontri. Dal punto di vista pratico il profilattico esclude la spontaneità e penalizza il piacere, la pillola e i contraccettivi ormonali abbassano notevolmente la libido, appiattendo il desiderio femminile, oltre ad avere effetti collaterali a breve e rischi a lungo termine, la spirale contraccettiva-abortiva atrofizza l’endometrio, si rischiano gravidanze extrauterine, infiammazione pelvica etc… tutte caratteristiche che concorrono a rendere macchinoso e artificioso l’incontro. Coloro che sono adusi alla pratica del coito interrotto ad esempio, si ritrovano, consenzienti, inconsapevolmente divisi dopo l’unione dei sessi.

Billings - talamo

Con il metodo Billings il talamo torna in auge a beneficio dell’armonia di coppia, i due si ritrovano nella vera comunione sessuale, si rinnova lo slancio amoroso, si rinsalda l’unione, cose non immaginabili da chi non ha mai vissuto il dono della sessualità in questo modo, in piena libertà!

Il metodo dell’ovulazione Billings infatti permette di riconoscere il periodo fertile femminile attraverso l’osservazione quotidiana del sintomo del muco prodotto naturalmente dalla cervice e relativa annotazione. Tutto qui. Il muco infatti è un amico fedele, un indicatore di fertilità preciso e puntuale, perchè tale secrezione è in stretta relazione con gli eventi ormonali e da essi è condizionata la sua produzione, motivo per cui costituisce anche un tassello fondamentale nell’autodiagnostica e prevenzione.

Per evitare il concepimento dunque si dovrà rispettare qualche giorno di astinenza, occasione per la coppia per dialogare ad altro livello, e usare invece tutti i giorni infertili perchè i loro abbracci possano “raccogliere il dramma dell’esistenza e lasciarsi aprire da questa passione forte come l’abisso” come scrive Hadjhadj, senza dividere il significato unitivo-procreativo che è il significato e significante del rapporto stesso.

Il duplice uso del metodo permette, a chi lo desidera, di prendere di mira il giorno di massima fertilità e scoccare con cognizione di causa la freccia al fine di avere il massimo delle probabilità di concepire, così da riempiere la casa: la donna è abitabile! In questi termini è difficile “fare un figlio per sbaglio”, come si suol dire, perchè ogni giorno so se il rapporto può aprire alla vita e, dalle parole di John Billings che ha studiato il metodo dandogli il nome, “il grado di successo di un qualsiasi metodo naturale per la regolazione della fertilità dipende dalla misura in cui consente ai coniugi di essere felici, sia nel rapporto di coppia sia con i figli”.

__________________________

*La Dott. Ing. Maria Dolores Agostini

è insegnante di metodo Billings a Urbino (PU)

e gestisce la pagina facebook promozionale dei metodi naturali “Il Mirabile Periodo“.

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Dopo elezioni, per i cattolici una strada dal basso

      di Stefano Fontana. Anche dopo le elezioni in Emilia Romagna, molti cattolici-che-intendono-distinguersi-dai-cattolici-democratici si chiedono cosa fare. Bisogna essere realisticamente scettici verso la politica da cui non è mai lecito attendersi troppo rispetto al poco che sa dare. Però non si può nemmeno abbandonarla a se stessa, dato che molti aspetti importanti della vita comunitaria passano ancora da lì, nonostante i limiti dei suoi protagonisti. Per tentare una risposta al “che fare?” bisogna da un lato dare una valutazione della recente vicenda elettorale emiliano-romagnola e dall’altro tornare ai fondamenti. Proviamo a farlo. Leggi il seguito…

    • Il naturalismo politico e la crisi del diritto in Matteo Liberatore

      di Silvio Brachetta. Questo ampio intervento di Silvio Brachetta si aggiunge a quelli di Stefano Fontana [leggi qui]e di Riccardo Zenobi [leggi qui], già pubblicati nel nostro sito. Continua così la nostra riflessione sulle conseguenze, anche attuali, del naturalismo politico. Leggi il seguito…

    • Il Pd è sempre più marginale e localistico, ma la destra ha bisogno di una nuova spinta liberale

      di Eugenio Capozzi. Per interpretare correttamente il significato delle elezioni regionali in Emilia-Romagna e in Calabria occorre subito sgombrare il campo da due letture assolutamente fuorvianti: dalla tesi, cioè, secondo cui il risultato  emiliano-romagnolo rappresenti una vittoria del Partito democratico, e da quella secondo cui esso sia una sconfitta personale di Salvini. Leggi il seguito…

    • Il Sistema ha retto ma l’Emilia Romagna ormai è “rosa”

      di Giuseppe Leonelli. La grande sfida in Emilia Romagna finisce con una vittoria inequivocabile e personale per Stefano Bonaccini. Perché degli otto punti di distacco che segnano il suo trionfo, con il 51,41%, sulla candidata di centrodestra Lucia Borgonzoni (ferma al 43,65%), ben 5 sono dovuti al suo valore aggiunto, dato sia dal voto disgiunto sia dai voti dati direttamente al governatore uscente. Leggi il seguito…