Padre Roberto Busa, padre della linguistica informatica

Cattura

Martedì 9 agosto 2011 fa moriva Roberto Busa, SJ, un grande scienziato in tonaca, padre della linguistica informatica e grazie al quale scriviamo email e leggiamo addirittura questo testo.

Nato a Vicenza nel 1911, entrò in seminario a Belluno nel 1928 in compagnia di Albino Luciani, il futuro papa Giovanni Paolo I. Dal 1933 nella Compagnia di Gesù, fu ordinato sacerdote nel 1940, ma il suo desiderio di diventare missionario e recarsi nelle Indie fu subito bloccato dall’ordine di diventare professore e di filosofia: libera docenza su San Tommaso D’Aquino alla Gregoriana.

Gli fu ordinato di studiare San Tommaso, “il riassunto della civiltà cristiana”, come lo ha definito lui stesso, e lo ha fatto per tutta la vita. Si mise a lavorare su 20 milioni di parole, prima con le schede perforate, poi con i nastri magnetici coinvolgendo niente meno che Thomas Watson. Trovandosi negli Stati Uniti riuscì a contattare Watson, fondatore dell’Ibm e a convincerlo che avrebbe trasformato una macchina nata per computare, calcolare, il computer, in una macchina che avrebbe scritto e letto le parole.

Busa diventò così il pioniere dell’informatica linguistica e grazie al suo amore per San Tommaso applicò l’informatica al mondo delle parole.

Cattura

Nacque così l’ipertesto, quindici anni prima che T. Nelson coniasse il termine (1965) e l’Index Tomisticus che, secondo quanto scrisse lo stesso Busa per la Civiltà Cattolica (1974) divenne “il primo e indispensabile documento per lo studio scientifico del vocabolario tomistico. Per studio scientifico del vocabolario intendo l’analisi diretta – filologica o grammaticale o linguistica o lessicale, che dir si voglia – di tutta l’apparecchiatura espressiva. Si parte cioè dal presupposto che prima di occuparsi del pensiero di san Tommaso, di ciò che egli vuol dire, sia necessario anzitutto definire ciò con cui dice quanto dice. L’analisi lessicale deve precedere l’interpretazione filosofica. Ovvero, se preferite, prima di tradurre le opere di un autore, bisogna averne tradotto il vocabolario”.

A San Tommaso capitò di “essere il pioniere dell’impiego dell’automazione nell’elaborazione del linguaggio scritto” con “ l’inizio dell’era dell’alfabeto elettronico”.

P. Busa fondò il GIRCSE (Gruppo Interdisciplinare di Ricerche per la Computerizzazione dei Segni dell’Espressione) che adesso è diventato CIRCSE, un centro di ricerca pluri e interdisciplinare dell’Università Cattolica del S. Cuore di Milano che coinvolge numerose discipline: la linguistica computazionale, le scienze linguistiche e del linguaggio, la filosofia del linguaggio e i saperi pertinenti alle testualità indagate, al presente soprattutto di ambito filosofico, tutto nel solco dell’eredità di Busa, pioniere in questo settore della scienza

di Andrea Bartelloni, autore di Scienziati in tonaca, da http://www.storiaechiesa.it/

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…