Padre Roberto Busa, padre della linguistica informatica

Cattura

Martedì 9 agosto 2011 fa moriva Roberto Busa, SJ, un grande scienziato in tonaca, padre della linguistica informatica e grazie al quale scriviamo email e leggiamo addirittura questo testo.

Nato a Vicenza nel 1911, entrò in seminario a Belluno nel 1928 in compagnia di Albino Luciani, il futuro papa Giovanni Paolo I. Dal 1933 nella Compagnia di Gesù, fu ordinato sacerdote nel 1940, ma il suo desiderio di diventare missionario e recarsi nelle Indie fu subito bloccato dall’ordine di diventare professore e di filosofia: libera docenza su San Tommaso D’Aquino alla Gregoriana.

Gli fu ordinato di studiare San Tommaso, “il riassunto della civiltà cristiana”, come lo ha definito lui stesso, e lo ha fatto per tutta la vita. Si mise a lavorare su 20 milioni di parole, prima con le schede perforate, poi con i nastri magnetici coinvolgendo niente meno che Thomas Watson. Trovandosi negli Stati Uniti riuscì a contattare Watson, fondatore dell’Ibm e a convincerlo che avrebbe trasformato una macchina nata per computare, calcolare, il computer, in una macchina che avrebbe scritto e letto le parole.

Busa diventò così il pioniere dell’informatica linguistica e grazie al suo amore per San Tommaso applicò l’informatica al mondo delle parole.

Cattura

Nacque così l’ipertesto, quindici anni prima che T. Nelson coniasse il termine (1965) e l’Index Tomisticus che, secondo quanto scrisse lo stesso Busa per la Civiltà Cattolica (1974) divenne “il primo e indispensabile documento per lo studio scientifico del vocabolario tomistico. Per studio scientifico del vocabolario intendo l’analisi diretta – filologica o grammaticale o linguistica o lessicale, che dir si voglia – di tutta l’apparecchiatura espressiva. Si parte cioè dal presupposto che prima di occuparsi del pensiero di san Tommaso, di ciò che egli vuol dire, sia necessario anzitutto definire ciò con cui dice quanto dice. L’analisi lessicale deve precedere l’interpretazione filosofica. Ovvero, se preferite, prima di tradurre le opere di un autore, bisogna averne tradotto il vocabolario”.

A San Tommaso capitò di “essere il pioniere dell’impiego dell’automazione nell’elaborazione del linguaggio scritto” con “ l’inizio dell’era dell’alfabeto elettronico”.

P. Busa fondò il GIRCSE (Gruppo Interdisciplinare di Ricerche per la Computerizzazione dei Segni dell’Espressione) che adesso è diventato CIRCSE, un centro di ricerca pluri e interdisciplinare dell’Università Cattolica del S. Cuore di Milano che coinvolge numerose discipline: la linguistica computazionale, le scienze linguistiche e del linguaggio, la filosofia del linguaggio e i saperi pertinenti alle testualità indagate, al presente soprattutto di ambito filosofico, tutto nel solco dell’eredità di Busa, pioniere in questo settore della scienza

di Andrea Bartelloni, autore di Scienziati in tonaca, da http://www.storiaechiesa.it/

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Vittoria dei Sì e pareggio nelle regioni congelano la politica

      di Ruben Razzante. Con la vittoria schiacciante dei Sì e sinistra che perde "solo" le Marche, Di Maio e Zingaretti cantano vittoria. Ma il voto non è rassicurante neanche per i partiti al governo. E soprattutto il voto referendario significa che il Parlamento è ora delegittimato e sarebbe coerente chiederne lo scioglimento approvando velocemente una nuova legge elettorale. Ma è invece più probabile che, data la situazione, sia nel centrosinistra che nel centrodestra prevalgano le spinte stabilizzatrici. Leggi il seguito…

    • La filosofia greca secondo Stefano Fontana

      di Fabio Trevisan. Dal 10 settembre scorso è in libreria “LA SAPIENZA DEI GRECI. LA FILOSOFIA CLASSICA DA TALETE A PLOTINO” di Stefano Fontana (edizioni Fede & Cultura).In questo prezioso volume, nell’affrontare i grandi pensatori greci, Fontana non dà nulla per scontato ma valuta in modo oggettivo e critico le conseguenze reali del loro pensiero. In questo senso, il testo offre l’opportunità di riflettere maggiormente non solo sull’attualità del pensiero dei greci ma anche sugli scenari aperti e sulle possibilità enormi (dal punto di vista logico-metafisico e anche etico-politico) da loro prospettate Leggi il seguito…

    • I diritti si fondano sul diritto

      di Giovanni Formicola. Tavolo di Lavoro sulla Commissione Glendon Con un articolo introduttivo di Don Samuele Cecotti [leggi qui] abbiamo lanciato la proposta di una riflessione a partire dalle conclusioni della Commissione Glendon sui veri diritti umani. Il diritto, secondo la lezione di Paolo Grossi, preesiste alla legge positiva – che tutt’al più lo riflette, lo recepisce, lo esplicita, lo «mette in chiaro», lo munisce di sanzione in caso di trasgressione –, allo stesso modo in cui la società precede quello che i moderni chiamano Stato. Prima, infatti, vi sono gli uomini, le famiglie, i gruppi, e la loro fitta trama di relazioni – tra loro e con la realtà materiale (anzitutto il suolo sul quale vivono, che ne costituisce patria e territorio), ma anche con la Divinità –, che istituiscono appunto una società. Leggi il seguito…

    • Il voto disgiunto e la tempesta perfetta

      di Marcello Veneziani. Se domenica la tempesta sarà perfetta, la sinistra perderà le regionali con l’aiuto dei grillini e i grillini perderanno il referendum con l’aiuto della sinistra. Nel frattempo è andato in scena il solito copione: le inchieste giudiziarie sulla Lega, l’ombra della Russia che riciccia in vista del voto, i fascisti che ammazzano i migranti o si travestono da migranti per ammazzare i preti, il Conte Ventosa che si para le chiappe dicendo che qualunque sarà l’esito del voto lui resta lì attaccato al trono. Leggi il seguito…