La festa dell’Assunzione della Beata Vergine Maria in cielo

Il 15 agosto, per i cattolici, prima che Ferragosto è la festa dell’Assunzione della Beata Vergine Maria in cielo.

Maria è la Madre di Dio in senso vero e proprio, secondo quanto definito al Concilio di Efeso del 431, tuttavia: “Dobbiamo assolutamente distinguere la Madre del Redentore dalla persona del Redentore, ma non separarla. Distinguerla, sia perché Maria è semplice creatura e Gesù è il Figlio di Dio fattosi uomo, sia perché Gesù è il Redentore e Maria è redenta. Non separarla, proprio perché Madre del Redentore e strettamente associata alla sua opera di salvezza” (Bernardo Bartmann, Teologia dogmatica, p. 702).

Il fatto di essere la Madre del Salvatore importa in Maria una pienezza di grazia; infatti – secondo il dogma dell’Immacolata Concezione, sancito ufficialmente da papa Pio IX l’8 dicembre del 1854 – “[…] nel primo istante della concezione, per grazia speciale, è stata preservata pura da ogni macchia di peccato originale” (Ibidem, p. 717). Inoltre, “in grazia di un privilegio divino, Maria fu esente durante tutta la sua vita dal peccato personale” (Ibidem, p. 724).

Maria, oltre che la piena di grazia, è anche la sempre Vergine, in quanto concepì e diede alla luce il Figlio di Dio e rimase vergine anche dopo il parto (cfr. Ibidem, p. 711).

La Madonna ricopre inoltre un ruolo fondamentale nel piano divino di salvezza, che si concretizza sotto due versanti: in primo luogo essa è “Mater Salvatoris”, come si è visto; in seconda istanza, essa ricopre anche il ruolo di “Mater salvandorum”, ossia madre di tutti gli uomini, in quanto Maria prende parte in prima persona all’opera redentrice del Figlio (cfr. Ibidem, pp. 728-738).

La grandezza e l’importanza di Maria sono un tassello riconosciuto e imprescindibile della dottrina cattolica, così come lo è l’assunto dogmatico pronunciato da papa Pio XII nel 1950, secondo il quale Maria, una volta giunta al termine della sua vita terrena, fu resa da Dio oggetto di un privilegio particolare, ossia fu assunta in Paradiso sia con l’anima che con il corpo.

Ed è proprio questa la festa che si celebra il 15 agosto, l’Assunzione della Beata Vergine Maria alla gloria celeste, in corpo ed anima.

PREGHIERA per l’ASSUNZIONE della B.V. MARIA

O Vergine Immacolata, Madre di Dio e Madre degli uomini,
noi crediamo nella tua assunzione in anima e corpo al cielo,
ove sei acclamata da tutti i cori degli angeli e da tutte le schiere dei santi.
E noi ad essi ci uniamo per lodare e benedire il Signore che ti ha esaltata sopra
tutte le creature e per offrirti l’anelito della nostra devozione e del nostro amore.
Noi confidiamo che i tuoi occhi misericordiosi si abbassino sulle nostre miserie
e sulle nostre sofferenze; che le tue labbra sorridano alle nostre gioie
e alle nostre vittorie; che tu senta la voce di Gesù ripeterti per ciascuno di noi:
Ecco tuo figlio.
E noi ti invochiamo nostra madre e ti prendiamo, come Giovanni, per guida,
forza e consolazione della nostra vita mortale.
Noi crediamo che nella gloria, dove regni vestita di sole e coronata di stelle,
sei la gioia e la letizia degli angeli e dei santi.
E noi in questa terra, ove passiamo pellegrini, guardiamo verso di te,
nostra speranza; attiraci con la soavità della tua voce per mostrarci un giorno,
dopo il nostro esilio, Gesù, frutto benedetto del tuo seno, o clemente,
o pia, o dolce Vergine Maria.
(Pio XII)

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Quel che resta dopo il massacro

      di Marcello Veneziani. Il governo che resta ha tre problemi enormi, oltre quello di una maggioranza stentata, variabile, raccogliticcia. Il primo problema si chiama Conte. Se la politica vuole riconquistare un po’ di decenza non può lasciare che resti al governo un megalomane vanitoso, mai votato dal popolo sovrano anche se si presentò in origine come populista e sovranista, che sconfessa ogni giorno le posizioni e gli alleati del giorno precedente, campa sulla pandemia e sul panico che ne deriva, finge di essere modello per il mondo intero mentre il paese sprofonda nella sua crisi più drammatica; annuncia, sceneggia, assume poteri inauditi, cerca di galleggiare a ogni prezzo, non ha altro dio all’infuori di sé. La politica tutta, da sinistra a destra, non può accettare di essere così mortificata e commissariata, deve rimandare Conte nel nulla da cui è venuto per riprendersi la dignità Leggi il seguito…

    • Obiettivi ONU 2030: la Santa Sede faccia attenzione

      di Stefano Fontana. La Chiesa cattolica sembra partecipare con convinzione al perseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU per il 2030, però in quegli Obiettivi molte cose non vanno né per la morale naturale né per quella cattolica. Nelle parole melliflue riportate al punto 3.7 troviamo l’aborto universalizzato, la contraccezione finanziata o imposta, la negazione della vita e della famiglia. Quest’ultima parola – famiglia – non appare mai in tutti i 169 Traguardi ONU. Come è possibile, allora, che la Santa Sede ne sia entusiasta e vi collabori? Leggi il seguito…

    • Inizia l’era di Biden, il presidente del compromesso. Mentre Trump già prepara il ritorno in scena: come, si vedrà

      di Vito De Luca. D’accordo, Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti, il 46°, e Donald Trump, il predecessore, è volato al caldo della Florida. Forse “The Donald” fonderà un suo partito, o un movimento, forse rimarrà all’interno del Gop, il Grand Old Party, forse darà vita ad un network tutto suo, forse si ricandiderà alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024, forse lo farà uno dei suoi figli. Di sicuro, però, si ha che da un lato Biden sarà, sin da oggi, a partire dalla raffica degli ordini esecutivi sparati immediatamente (tra l’altro, l’unico e autentico potere governativo che hanno i presidenti americani), un presidente anatra zoppa, e dall’altro che Trump non sparirà. Leggi il seguito…

    • Perché la Chiesa ormai fa politica diretta

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. I vertici ecclesiastici sia della Chiesa universale che di quella italiana ormai fanno politica diretta, appoggiano governi e uomini politici, ne condannano altri, sostengono formule politiche a danno di altre o addirittura collaborano a creare nuovi corsi politici. Gli esempi sono molteplici. L’appoggio a Biden, l’odio politico per Trump oppure per Salvini, l’appoggio a suo tempo al governo Monti e ora al governo Conte, il sostegno incondizionato per il governo dell’Unione Europea, la produzione di nuovi soggetti politici come per esempio il partito “Insieme” di Stefano Zamagni, l’invito ai parlamentari cattolici a sostenere un possibile nuovo partito di Conte in cui forse confluirebbe anche “Insieme”. Papa e Vescovi fanno i politicanti, non c’è dubbio. Leggi il seguito…