Davide Faraone e Matteo Renzi vogliono l’educazione sessuale a scuola: cosa accadrà?

educazione

Quello che il governo Renzi, il Pd, M5S e il sottosegretario all’istruzione Davide Faraone, con il silenzio complice del ciellino nuovo corso Gabriele Toccafondi (che è nel posto che occupa pur non essendo stato eletto, ma in virtù della sua amicizia con Denis Verdini e Renzi) è l’educazione sessuale di stato.

Ci provò, molti anni fa, l’onorevole Cicciolina, allora in parlamento grazie ai radicali.

Oggi la scusa è la lotta al bullismo, al femminicidio ecc.

Ma la verità è un’altra: un governo che ha di fatto legalizzato il matrimonio omosessuale, che ha difeso la pratica dell’utero in affitto, che vuole l’adozione ai gay,  che schiera al suo interno pezzi da novanta del mondo gay-trans, vuole imporre la sua visione della vita: vuole che ai bambini, sin da piccoli, venga insegnato che i sessi non sono due, ma tre, o molti di più; che non è vero che si nasce maschi o femmine, ma che si può avere il pene, ed essere femmine, non averlo, e divenire maschi… che è giusto che due uomini ricorrano ad un utero in affitto per fare un figlio, e che due donne possono comperare il seme di un maschio e farsi un figlio, senza che l’assenza del padre significhi alcunchè…

Ma questo è ancora poco: immaginiamo per un attimo cosa può significare il fatto che da settembre la scuola, compreso l’asilo e le elementari, possono diventare il luogo in cui si parla di sesso, famiglia, transessualismo…

Non stiamo parlando soltanto di sottrazione ai genitori del loro compito educativo; stiamo parlando anche di questo: oggi ad essere protagoniste sono le associazioni di gay, di lesbiche e di transessuali, che quindi entreranno nelle scuole, con regolare pagamento del Ministero, a spiegare ai giovani il loro “punto di vista”; ma un domani anche altri vorranno dire la loro, e magari si accrediteranno per farlo: per esempio coloro  che sostengono che anche la pedofilia sia solo una variante del comportamento sessuale; oppure  i fautori della poligamia, quelli del libero amore, del poliamore, della pornografia

Cattura

Già oggi, senza nessuna legge che lo solleciti, abbiamo casi di scuole in cui sono state chiamate a fare lezioni sulla sessualità delle prostitute, o persone che sostengono la liceità del rapporto sessuale con animali; abbiamo persone disturbate che approfittano dei ragazzi per esporre le loro perversioni in ore di lezione… Cosa succederà domani?

Cattura

Ve li vedete, i ragazzi, sottoposti al fuoco di fila delle mille idee sul sesso che presunti educatori sottoporranno loro?

Altrove si fa, dicono. In Europa si fa già, affermano.

Sì, per esempio in Olanda. Come ricorda il Fatto quotidiano (http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/06/08/educazione-sessuale-in-olanda-si-inizia-a-4-anni-in-italia-non-ce-una-normativa/1008863/), che è favorevole: “Le best practices vengono attuate in Benelux, paesi scandinavi, Francia e Germania. E l’Italia? La Chiesa fa muro e la classe politica si adegua: decenni di proposte per introdurne l’insegnamento tra i banchi e neanche una legge in materia…”.

Cattura

Forse bisognerebbe ricordare il tasso di divorzi,  di violenze carnali, di suicidi, propri di questi paesi, o di altri paesi lodati dal suddetto giornale, come la Svezia e la Danimarca, dove non mancano “civilissime” “lezioni con prostitute e omosessuali”, non è certo inferiore a quello italiano, anzi!

 

Cattura

L’educazione all’affettività, onorevole Faraone (uno dei responsabili della “buona scuola”) non spetta allo Stato etico, che oggi vuole coppie gay e utero in affitto, domani, magari, con partiti islamici al potere, matrimoni combinati e poligamia… Spetta ai genitori!

CatturaPer Faraone: http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/12/11/chi-e-davide-faraone-il-renziano-accusato-da-m5s-di-avere-rapporti-con-la-mafia/809428/

http://espresso.repubblica.it/attualita/2016/07/08/news/un-faraone-a-palermo-come-si-costruisce-un-candidato-alla-presidenza-della-regione-1.276827

http://www.notizieprovita.it/notizie-dallitalia/gender-a-scuola-provita-chiama-e-il-miur-risponde/

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La croce intatta tra le macerie è il segno per salvare l’Europa

      croce-maria-gesu-notre-dame di Giacomo Susca. «Stat crux dum volvitur orbis», la croce resta salda mentre il mondo cambia. È la storia del Cristianesimo racchiusa in cinque parole. Il motto dei certosini non può essere ridotto a uno status da social network, però la comunità cristiana, che vive di simboli, si aggrappa al Simbolo per eccellenza. Quella croce perseguitata, offesa, osteggiata, dileggiata, mercificata, nonostante tutto rimane l'Alfa e l'Omega, il principio quando sembra arrivata l'Apocalisse. Se c'è stato un errore di valutazione nel commentare nell'immediatezza la catastrofe parigina, forse è stato quello di intravedere in un incidente la fine di una cultura o di un sistema di valori. Può crollare il tetto sopra le nostre teste, ma non il pavimento in cui affondano le radici della cristianità Leggi il seguito… 

    • L’eros anarchico e l’ideologia nichilista del Sessantotto. A proposito delle recenti “Note“ di Benedetto XVI

      1968 di Don Samuele Cecotti. Papa Benedetto XVI, nelle sue Note scritte a favore di papa Francesco e dei presidenti delle Conferenze Episcopali riuniti in Vaticano per affrontare lo scandalo pedofilia nella Chiesa e ora pubblicate, individua nella Contestazione Sessantottesca una vera e propria rivoluzione affermatasi tanto nel mondo (occidentale) quanto nella Chiesa. Come Osservatorio abbiamo dedicato al ’68 il numero 3 (2108) del “Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa” [leggi] partendo proprio dal riconoscimento della natura rivoluzionaria della Contestazione e sviluppando una attenta analisi circa gli esiti socio-politici di tale rivoluzione nichilista. Leggi il seguito… 

    • Cattolici e Radio Radicale: lo scandalo continua

      radio-radicale di Riccardo Cascioli. Ancora una volta, di fronte all'intenzione del governo di cancellare il truffaldino finanziamento pubblico a Radio Radicale, c'è una mobilitazione generale. E in prima fila come sempre ci sono fette importanti del mondo cattolico. Un gioco di favori e ricatti reciproci, a danno della fede dei semplici. Leggi il seguito… 

    • Se il mondo che disprezza il Medioevo piange per Notre Dame

      croce-maria-gesu-notre-dame di Luca Volontè. Dopo le fiamme a Notre Dame i fautori del politicamente corretto, gli stessi che tacciano di “oscurantismo medievale” coloro che difendono la vita del concepito e il matrimonio, hanno esternato lamenti per la cattedrale fondata nel Medioevo. C’è dell’ironia (e della menzogna) in questo. Ma c’è anche la speranza di una ricostruzione della società, che può avvenire solo tornando a Cristo, come ricordano i fedeli raccoltisi in preghiera a chiedere l’intercessione di Maria Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.