Sat 2000 e l’8 per mille

sat

Mi scuseranno i lettori cui l’argomento non interessa, ma la mia convinzione, espressa più volte nei mesi scorsi, di negare l’8 per mille alla Cei di Mons. Nunzio Galantino ha trovato moltissimi sostenitori (l’articolo è stato letto da migliaia e migliaia di persone), ma anche obiezioni: “così togliamo alle parrocchie e a tanti bravi sacerdoti i soldi per andare avanti”.

Non è possibile qui dimostrare che questa obiezione è falsa, se non con qualche esempio: un gettito minore sarà un chiaro segnale dei fedeli contro quella linea Galantino che sta sterilizzando Forum delle Famiglie, Movimento per la Vita (qualcuno si è accorto che non ha mai aderito al family day?) e Scienza & Vita (commissariata e ridotta al silenzio, all’inconsistenza)..

Queste associazioni prendono centinaia di migliaia di euro dall’8 per mille. E’ ancora utile e necessario?

Facciamo pure di sì. Perchè, nonostante la ormai evidente irrilevanza, vi sono dentro anche tante persone che meritano un aiuto ai loro sforzi.

Ma SAT 2000, la tv della Cei diretta da Paolo Ruffini e Lucio Brunelli?

Quanti soldi dell’8 per mille finiscono in una televisione in mano all’ex direttore di Rai 3 (Ruffini è stato l’ideatore di moltissimi dei programmi più schierati politicamente e non certo favorevoli al mondo cattolici) e a quel Brunelli che, all’indomani del Family day, derideva pubblicamente la manifestaizone, dichiarando che ad essa avevano aderito, in realtà, pochissime persone?

Galantino non avrà il mio 8 per mille: vedremo se  toglierà i soldi ai parroci, o al giornale (Avvenire) che fa ormai da megafono a Renzi, o alla televisione in cui, defenestrando dall’oggi al domani Dino Boffo ( come mai, in questo caso, nessuno ha alzato la voce, come ai tempi dello sgarbo a Boffo di Feltri?), o se risparmiera qualche centinaio di milioni di euro togliendoli ad una emittente che, come denuncia la Nuova Bussola di oggi, dà spazio ai cosidetti «cristiani Lgbt» (l’ennesima sigla fasulla, per sdoganadre il mondo LGBT anche nella Chiesa)?

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Adozioni e utero in affitto: la nostra battaglia condivisa anche da omosessuali

      matera-tavola-rotonda di Alessandro Santini. Sabato, a Matera, ho iniziato da qui il mio intervento al dibattito “Nuovi diritti o nuove pretese?”, uno degli appuntamenti della festa nazionale di “IDEA – Popolo e Libertà” al quale sono stato invitato dal senatore Carlo Giovanardi, che ringrazio. Con lui, Francesco Agnoli, Assuntina Morresi e Marina Terragni ho avuto l'opportunità di confrontarmi su un tema di cui il centrodestra non ha mai parlato più di tanto. Leggi il seguito… 

    • “Avvenire”, ormai è solo ideologia

      avvenire-ius-soli di Stefano Fontana. Lo "strano" caso di Avvenire e della legge sullo IUS SOLI spinta dal quotidiano con ogni mezzo. Ma perché ad Avvenire non hanno fatto una copertina simile quando il Parlamento ha approvato la legge Cirinnà che di principi assoluti della morale naturale e della Dottrina sociale della Chiesa ne negava almeno un centinaio? E perché non ha fatto lo stesso quando è stata staccata la spina del ventilatore al piccolo CharlieGard? Oppure ogni anno, nella ricorrenza dell’approvazione della legge 194 sull’aborto legale? Leggi il seguito… 

    • Perché mai San Francesco avrebbe dovuto camminare alla cieca?

      the_parable_of_the_blind di Silvio Brachetta. Si è aperta ad Assisi l’edizione 2017 de “Il Cortile di Francesco”. Il problema però sta soprattutto nelle parole degli organizzatori. Il Cardinale Gianfranco Ravasi prospetta un “Cammino” fine a se stesso e fa parlare Montaigne: «A chi mi domanda ragione dei miei viaggi, rispondo che so bene quello che sfuggo, ma non quello che cerco». Dovrebbe, invece, essere ben chiaro cosa cerca il pellegrino cristiano… Leggi il seguito… 

    • Don Carlo Caffarra, incatenato alla verità come a una roccia

      di Stanislaw Grygiel - Il Foglio, 17 Settembre 2017 “So che le batoste che si prende sono destinate a me”, disse un giorno Giovanni Paolo II.Un’amicizia durata quarant’anni. Leggi il seguito…