Sat 2000 e l’8 per mille

sat

Mi scuseranno i lettori cui l’argomento non interessa, ma la mia convinzione, espressa più volte nei mesi scorsi, di negare l’8 per mille alla Cei di Mons. Nunzio Galantino ha trovato moltissimi sostenitori (l’articolo è stato letto da migliaia e migliaia di persone), ma anche obiezioni: “così togliamo alle parrocchie e a tanti bravi sacerdoti i soldi per andare avanti”.

Non è possibile qui dimostrare che questa obiezione è falsa, se non con qualche esempio: un gettito minore sarà un chiaro segnale dei fedeli contro quella linea Galantino che sta sterilizzando Forum delle Famiglie, Movimento per la Vita (qualcuno si è accorto che non ha mai aderito al family day?) e Scienza & Vita (commissariata e ridotta al silenzio, all’inconsistenza)..

Queste associazioni prendono centinaia di migliaia di euro dall’8 per mille. E’ ancora utile e necessario?

Facciamo pure di sì. Perchè, nonostante la ormai evidente irrilevanza, vi sono dentro anche tante persone che meritano un aiuto ai loro sforzi.

Ma SAT 2000, la tv della Cei diretta da Paolo Ruffini e Lucio Brunelli?

Quanti soldi dell’8 per mille finiscono in una televisione in mano all’ex direttore di Rai 3 (Ruffini è stato l’ideatore di moltissimi dei programmi più schierati politicamente e non certo favorevoli al mondo cattolici) e a quel Brunelli che, all’indomani del Family day, derideva pubblicamente la manifestaizone, dichiarando che ad essa avevano aderito, in realtà, pochissime persone?

Galantino non avrà il mio 8 per mille: vedremo se  toglierà i soldi ai parroci, o al giornale (Avvenire) che fa ormai da megafono a Renzi, o alla televisione in cui, defenestrando dall’oggi al domani Dino Boffo ( come mai, in questo caso, nessuno ha alzato la voce, come ai tempi dello sgarbo a Boffo di Feltri?), o se risparmiera qualche centinaio di milioni di euro togliendoli ad una emittente che, come denuncia la Nuova Bussola di oggi, dà spazio ai cosidetti «cristiani Lgbt» (l’ennesima sigla fasulla, per sdoganadre il mondo LGBT anche nella Chiesa)?

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Germania è davvero più morale dell’Italia?

      saggio-cesaratto di Marcello Foa. Il saggio “Chi non rispetta le regole? Italia e Germania, le doppie morali dell’euro” (Imprimatur), non piacerà agli economisti e agli osservatori che, da oltre un decennio, sono vittime di un complesso di inferiorità nei confronti dei partner europei e soprattutto dei tedeschi; complesso che, nei casi più acuti, sfocia in un inguaribile e per me incomprensibile autorazzismo Leggi il seguito… 

    • Rimosso il funzionario che registrò la figlia di due padri

      figlia-2-padri da Interris. Ad aprile aveva registrato una bambina, nata in Canada con l'utero in affitto, come figlia di due padri. Oggi, quel funzionario del Comune di Roma dovrà preparare gli scatoloni perché è stato rimosso dal suo incarico di capo dell'ufficio Atti esteri. Sen. Pillon: "L'aria sta cambiando" Leggi il seguito… 

    • Tele-Razza

      telerazza di Marcello Veneziani. Va in onda TeleRazza, il telegiornale monografico a reti unificate che ogni giorno invade le case degli italiani. Razzismo è la parola chiave più ricorrente, anzi ossessiva, che apre e chiude i servizi sugli sbarchi, sui migranti, sulle reazioni a Salvini, che sono sempre dieci volte più ampie delle dichiarazioni proSalvini. Uno a dieci è la regola della rappresaglia sancita dai nazisti. Leggi il seguito… 

    • Vescovi e immigrazione, quanta incompetenza

      sbarchi2 di Riccardo Cascioli. Luoghi comuni, equivoci, ipocrisia. Un altro comunicato della presidenza CEI sulla questione dei migranti ripropone il solito appello ad accoglienza e solidarietà che ignora totalmente i fatti. Leggi il seguito…