Sat 2000 e l’8 per mille

sat

Mi scuseranno i lettori cui l’argomento non interessa, ma la mia convinzione, espressa più volte nei mesi scorsi, di negare l’8 per mille alla Cei di Mons. Nunzio Galantino ha trovato moltissimi sostenitori (l’articolo è stato letto da migliaia e migliaia di persone), ma anche obiezioni: “così togliamo alle parrocchie e a tanti bravi sacerdoti i soldi per andare avanti”.

Non è possibile qui dimostrare che questa obiezione è falsa, se non con qualche esempio: un gettito minore sarà un chiaro segnale dei fedeli contro quella linea Galantino che sta sterilizzando Forum delle Famiglie, Movimento per la Vita (qualcuno si è accorto che non ha mai aderito al family day?) e Scienza & Vita (commissariata e ridotta al silenzio, all’inconsistenza)..

Queste associazioni prendono centinaia di migliaia di euro dall’8 per mille. E’ ancora utile e necessario?

Facciamo pure di sì. Perchè, nonostante la ormai evidente irrilevanza, vi sono dentro anche tante persone che meritano un aiuto ai loro sforzi.

Ma SAT 2000, la tv della Cei diretta da Paolo Ruffini e Lucio Brunelli?

Quanti soldi dell’8 per mille finiscono in una televisione in mano all’ex direttore di Rai 3 (Ruffini è stato l’ideatore di moltissimi dei programmi più schierati politicamente e non certo favorevoli al mondo cattolici) e a quel Brunelli che, all’indomani del Family day, derideva pubblicamente la manifestaizone, dichiarando che ad essa avevano aderito, in realtà, pochissime persone?

Galantino non avrà il mio 8 per mille: vedremo se  toglierà i soldi ai parroci, o al giornale (Avvenire) che fa ormai da megafono a Renzi, o alla televisione in cui, defenestrando dall’oggi al domani Dino Boffo ( come mai, in questo caso, nessuno ha alzato la voce, come ai tempi dello sgarbo a Boffo di Feltri?), o se risparmiera qualche centinaio di milioni di euro togliendoli ad una emittente che, come denuncia la Nuova Bussola di oggi, dà spazio ai cosidetti «cristiani Lgbt» (l’ennesima sigla fasulla, per sdoganadre il mondo LGBT anche nella Chiesa)?

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Legge sul biotestamento, è giusto fare resistenza

      mons-negri di Luigi Negri. Di fronte all’approvazione definitiva della legge sul testamento biologico, la prima osservazione, amara, è che la Chiesa italiana ha perso una battaglia che peraltro non ha neanche combattuto. Più in generale non si può evitare un confronto con quanto accadde solo pochi anni fa quando Eluana Englaro è stata uccisa dallo Stato con una operazione infame: allora la realtà popolare cattolica aveva accompagnato questo martirio con una presenza viva e attiva, cercando di impedirlo. Leggi il seguito… 

    • La politica si è arresa

      alfredo-mantovano di Alfredo Mantovano. Non è detto che il totalitarismo si manifesti solo coi carri armati: quando vi è una sostanza di selezione eugenetica, di soppressione del più debole, di frantumazione della famiglia, la circostanza che tutto questo sia espresso da maggioranze o da sentenze non elimina sinistre similitudini con i più oppressivi regimi del XX secolo Leggi il seguito… 

    • Biotestamento. Don Arice, “il Cottolengo farà obiezione di coscienza, non applicherà le DAT”

      don-arice Nelle sue strutture, il Cottolengo non applicherà le Dat. Lo ha comunicato all’AGI il superiore generale don Carmine Arice. “Noi – ha affermato il sacerdote – non possiamo eseguire pratiche che vadano contro il Vangelo, pazienza se la possibilità dell’obiezione di coscienza non è prevista dalla legge: è andato sotto processo Marco Cappato che accompagna le persone a fare il suicidio assisitito, possiamo andarci anche noi che in un possibile conflitto tra la legge e il Vangelo siamo tenuti a scegliere il Vangelo”. Leggi il seguito… 

    • Approvata la legge che apre all’eutanasia. Crepaldi: I ponti senza verità non reggono

      Giampaolo Crepaldi di Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân. Giovedì scorso 14 dicembre il Parlamento italiano ha approvato la legge cosiddetta sulle DAT che apre all’eutanasia, persino in forme più accentuate che in altri Paesi. Durante la fase della discussione in Parlamento e nel Paese anche io, come vescovo e come presidente dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân, ero intervenuto, insieme ad altri, come per esempio il Centro Studi Rosario Livatino, per mettere in evidenza la gravità del contenuto di questo testo di legge. Purtroppo ha prevalso un’ideologia libertaria e, in definitiva, nichilista, espressa in coscienza da tanti parlamentari. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.