Lettera sulla Russia

Ho trascorso l’ inverno a San Pietroburgo, e altri due mesi in precedenza, studiando il russo e vivendo ben inserito nella realtà della Russia. Ho imparato e capito tante cose, anche sulla situazione politica internazionale, come pure sulle informazioni – vere o false – che vengono diffuse dai media.
E’ dunque in atto a livello internazionale una campagna di stampa ben strutturata contro la Russia. Non di rado sui nostri media vengono presentate notizie distorte, quando non menzogne, allo scopo di screditare la Russia e Putin, e cercare lo scontro. E’ incredibile notare come quasi tutti i giornalisti dicano le stesse cose, e abbiano le stesse vedute. Se chiediamo cosa pensano sulla legge elettorale o sulle pensioni ognuno ha la sua idea. Sulla Russia e Putin, invece, sono tutti d’accordo che sono cattivi.

Una delle menzogne che vengono messe in giro è che la Russia progetterebbe di invadere le repubbliche baltiche o l’Europa dell’Est. La NATO sta ammassando forze e facendo esercitazioni militari in quelle zone per un pericolo che però non c’è. E’ stato inventato solo per creare tensione, perché la Russia non pensa neppure lontanamente di fare mosse di questo tipo. Nessuno ne parla, e non c’è neanche nell’aria. E’ vero il contrario: la NATO sta tentando di accerchiare la Russia ed erodere la sua zona d’influenza (Ucraina, Serbia, Montenegro….) e sta quindi facendo ciò di cui l’accusa. La stessa guerra in Siria è stata provocata da fuori, cioè da una serie di paesi capeggiati dagli Stati Uniti, allo scopo di cacciare Assad – che è in buoni rapporti con Putin – e mettere al suo posto un uomo a lui ostile. E per raggiungere lo scopo – e in ultima analisi nuocere alla Russia – hanno anche messo in piedi la tremenda realtà dell’ISIS… Una cosa molto simile sta succedendo in Ucraina, dove i disordini, gli scontri e quindi la guerra sono stati suscitati da fuori, da lontano. Molti politici locali sono la longa manus degli Stati Uniti e della CIA, che è lorda di sangue.
Alcuni altri elementi di questa propaganda anti-russa: se viene pizzicato un atleta russo drogato è “doping di stato”; se qualche persona vicina a Putin ha dei conti a Panama, sono in realtà di Putin; se viene commesso qualche oscuro omicidio politico anche quello è “omicidio di stato”, e così via. Si potrebbe dirne ancora molte.
La Russia non si è prostrata davanti all’ideologia gender, e non ha intenzione di farlo. Sta anche cercando di restringere la legge sull’aborto. Questo deve dare molto fastidio ad Obama e i suoi, e potrebbe anzi essere una delle cause per le quali hanno concepito questo scellerato progetto, cioè far fuori la Russia, che potrebbe portare alla III Guerra Mondiale. Si parla spesso della presunta omofobia della Russia, ma pure non la si dice tutta fino in fondo. Questo paese sterminato, che si sta rimettendo in sesto, ha rifiutato la dittatura mondiale dell’omosessualismo, e questo è inaccettabile.
Si dice che in Russia c’è un regime e che Putin è un dittatore. Io non ho mai avuto questa sensazione. Anzi, Putin è molto popolare, e non piace solo a una minoranza della gente. Vero è, invece, che la Russia si sta faticosamente risollevando dal disastro del comunismo, e sta andando nella giusta direzione. Vengono ricostruite molte chiese demolite dal passato regime, o riaperte e ristrutturate se erano adibite a magazzini, cinema, palestre, ecc. Anche questo è in controtendenza con l’Europa e l’America di Obama. In Russia il cristianesimo viene rispettato anche da chi non crede. Nessuno alla TV si permetterebbe di sbeffeggiare i cristiani (ortodossi o cattolici).
Anche questo regime di sanzioni economiche imposto da Obama (e puntellato dalla Merkel) è assurdo, e nuoce profondamente all’Italia. I russi amano gli italiani, la loro cultura, la loro musica, il loro cinema e la loro cucina. Un italiano in Russia ha una carta in più perché è italiano. Il mercato russo sbava per comprare i nostri prodotti alimentari, ma non può farlo. Noi tuttavia, per non dispiacere ad Obama, seguiamo il regime delle sanzioni. La Russia è un’opportunità immensa per vendere i nostri prodotti e diffondere la nostra cultura, e piange il cuore vedere come noi la sciupiamo. Seguire questo andazzo internazionale che ci vuole nemici è assurdo e autolesionistico. Si dice che Berlusconi sia stato affondato da un complotto internazionale perché è amico di Putin. Non mi pare un’idea campata per aria.
Come è stata costruita San Pietroburgo? Lo zar Pietro il Grande venne a Venezia e ne rimase estasiato. Disse: voglio anch’io così! Chiamò quindi una squadra di architetti italiani – tutti ricordati ancora oggi da vie e monumenti – e gli commissionò di costruire una città dal nulla che assomigliasse a Venezia (con molti canali).
La Russia è anche odiata dalla Turchia, perché ha smascherato la sua connivenza con l’ISIS. Pertanto i turchi, insofferenti, hanno abbattuto un jet russo dopo 17 secondi di sconfinamento accidentale. La “cattivissima” Russia, per ritorsione, non ha risposto al fuoco ma, in assenza di scuse turche, si è limitata a contromisure commerciali. Ho sentito dire che le procedure militari prevedono in un caso del genere l’affiancamento del jet dall’aviazione del paese violato, con l’obbligo di atterraggio. Tra l’altro, la campagna anti-Russia ha subito un’impennata nei mesi scorsi, quando Putin ha iniziato a combattere l’ISIS in Siria e a sostenere Assad. A differenza di Obama, Putin ha combattuto veramente l’ISIS e questo non è andato giù a molti. Assad avrà anche tanti difetti, ma ha sempre rispettato i cristiani in Siria (cosa che non si può dire dei tagliateste dell’ISIS). In questo caso la menzogna è stata ripetuta come un mantra da quasi tutti i notiziari: Putin non bombarda l’ISIS ma la popolazione civile e i ribelli “moderati”. Sarebbe solo un caso, quindi, che l’ISIS abbia dovuto abbandonare vasti territori proprio in concomitanza delle azioni russe.
Per finire: quando sentite parlar male della Russia prendete la notizia con le pinze, perché la campagna di stampa è un fatto reale. La Russia non è omofoba, non è un paese dove mancano libertà e democrazia, dove ecc. ecc.. Non mi pare che l’Europa, con il suo pensiero unico che si vuole obbligatorio per tutti, possa dare lezioni di democrazia e pluralismo al paese di Puškin e Dostoevskij.
Un lettore
Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Ddl Zan: non si tratta solo di una minaccia alla libertà di opinione

      di Fabio Fuiano. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus. L’unico modo per vincere questa battaglia è adottare il principio dell’agere contra: per cui alla falsità si deve opporre la verità e al vizio la virtù. Senza una strategia del genere non metteremo mai in discussione le fondamenta su cui si basano certe proposte di legge e continueremo a subire cocenti sconfitte, come è già accaduto in passato. Se oggi siamo arrivati ad una tale dissoluzione morale e sociale, lo dobbiamo ad una rinuncia del mondo cattolico ad essere militante in virtù di una difesa incondizionata della libertà che però, senza la verità perde totalmente di significato e si tramuta in schiavitù Leggi il seguito…

    • Com’è buono (e inetto) il Comitato degli scienziatoni

      di Andrea Zambrano. Dai verbali desecretati del Cts emerge la volontà di imporre le norme del lockdown come esperimento di intruppamento sociologico. L'incredibie vademecum ai bambini: sveglia, bagno, colazione, igiene personale, attività domestiche e scolastiche. È l'insopportabile pretesa, tipica di uno Stato totalitario, di togliere la libertà insegnando a mamma e papà a fare i genitori. Questo daily plan andrebbe studiato nelle università di tutto il mondo perché è la prova che il Cts altro non era che una scusa per disporre della nostra libertà e intelligenza. È un insulto alla nostra pazienza, un’insopportabile e moralistica presa per il naso da parte di signorinessuno che hanno la grande responsabilità di aver dettato al governo l'azzoppamento di questo Paese Leggi il seguito…

    • Il Covid-19 è nato in laboratorio, le responsabilità cinesi e dell’OMS. Cantagalli pubblica il libro del prof. Joseph Tritto

      di Tiziano Fonte. È uscito ieri in libreria per le Edizioni Cantagalli il libro di Joseph Tritto “Cina Covid-19: la chimera che ha cambiato il mondo” (272 pp., 20 euro). La fama dell’autore, presidente del WABT (World Academy of Biomedical Sciences and Thecnologies di Parigi) e il fatto che il libro prova che il covid-19 non è di origine naturale ma è stato prodotto in laboratorio a Wuhan, mostrando le enormi difficoltà che un sistema politico totalitario come quello della Cina comunista pone alla ricerca e alla sanità, ci si sarebbe aspettati una mobilitazione dei media di particolare vigore. Invece, purtroppo, dobbiamo constatare che è prevalso il silenzio da parte delle grandi testate. Leggi il seguito…

    • Ecco perché sul Ponte di Genova la “retorica dell’arcobaleno” non regge

      di Corrado Ocone. L’impresa, che sarebbe normale in un Paese normale, è stata realizzata, ma il merito è soprattutto di chi ha voluto un commissario straordinario con potere speciali e del commissario stesso, il sindaco di centrodestra di Genova Marco Bucci, che li ha saputi utilizzare. E’ merito poi del governatore della regione Giovanni Toti che ha agevolato e collaborato al risultato e che, sotto l’insegna del buon governo, vola tranquillo verso la rielezione. Ed è anche in parte merito del governo di Giuseppe Conte, ma del precedente non di questo, quello con l’odiato nemico leghista. Insomma, la vittoria politica è tutta del centrodestra, se proprio dovessimo scendere sul terreno volgare della “stampa di regime” Leggi il seguito…