Gandolfini e la Leopolda della Lega, il Family day e la politica

Family-day-Gandolfini-portavoce-La-politica-ascolti-questa-piazza_articleimage

Tra quelche giorno, il 25, Massimo Gandolfini, portavoce del Family day, sarà ospite alla Leopolda della Lega, in quel di Parma. Così come in passato era stato ospite ad un convegno di Magna Carta, organizzato da Gaetano Quagliariello, Eugenia Roccella ed altri parlamentari di Idea.

La notizia, purtroppo, ha destato qualche polemica, quando averebbe dovuto accolta per quello che è:

un bellissimo segnale.

Se la politica si accorge del popolo del Family day, questo non può che essere positivo. Soprattutto perchè a chiedere un contributo al suo portavoce sono state due realtà, Idea e Lega, che davvero si sono battute contro la legge Scalfarotto e contro la legge Cirinnà. E che erano presenti in modo ufficiale allo stesso Family day (si ricordino i gonfaloni di Veneto, Liguria e Lombardia).

Nessuno strumentalismo, dunque, nè da parte di chi ha invitato, nè da parte di chi ha ricevuto l’invito.

Massimo Gandolfini, infatti, non è mai stato uomo di partito; ha tenuto ai margini, il più possibile i partiti dal Family day, con l’intento di farne un evento di tutti; epperò sa bene che con loro bisogna dialogare, perchè le leggi si fanno in parlamento.

Il suo ruolo di uomo super partes, che va dove viene invitato a spiegare le ragioni della famiglia, è importantissimo. Perchè così facendo dichiara esplicitamente che coloro che hanno a cuore certi valori possono avere un ruolo all’interno di realtà diverse (esclusi Pd e M5S, con cui ogni dialogo è impossibile).

Anche la scelta di tenere il Comitato Difendiamo i nostri figli schierato su una battaglia politica di scopo, come in tante occasioni hanno fatto, sul versante opposto, i radicali, è molto intelligente.

Serve infatti a mantenere mobilitato il popolo della famiglia, su un obiettivo potenzialmente comune, non divisivo, e nello stesso tempo essenziale.

no

Per ribadire un concetto: se vi sono scelte in cui si può marciare divisi, ve ne sono altre che vanno fatte tutti assieme. Si può difendere e promuovere la famiglia lavorando nei partiti in cui questo è possibile; si deve difendere e promuovere la famiglia impedendo che il rovesciamento della Costituzione affidi un potere dittatoriale a chi della famiglia e della vita è un nemico giurato.

Gli attacchi a Gandolfini, però, purtroppo, non vengono solo da Renzi. Anche personalità che hanno dato un indubbio contributo al Family day, lo hanno attaccato, in questi giorni, sia per la sua scelta riguardo al referendum, sia per la sua presenza alla Leopolda di Parma.

Questi attacchi vengono condotti in nome di un purismo e di un protagonismo, terribilmente nocivi.

Nessuna persona e nessun partito ha il monopolio del Family day; chi sino a ieri ha militato nel Pd o in altri partiti di centro, come il candidato sindaco del coraggioso PDF di Bologna, continui la sua meritoria battaglia e la strada intrapresa, ma senza ergersi a unico rappresentante dell’unica, presunta, scelta giusta possibile.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Bibbiano, come guarire dall’orrore

      di Silvana de Mari. Nel caso dei bambini strappati alle loro famiglie per darle in affido a persone non ideonee, assistenti sociali, psicologi, politici hanno provocato gravi danni, psicologici e fisici. Ma ora che i bambini sono stati liberati è importante che possano guarire in famiglia, dove genitori e bambini devono dirsi la verità su quanto accaduto. Leggi il seguito…

    • Gandolfini: “Legalizzare l’eutanasia? Meglio che cada il governo”

      di Marco Guerra. L’eutanasia e il suicidio assistito saranno il banco di prova dei pro life che sono in maggioranza. Meglio che cada il governo che una legge ingiusta”, parlando ad In Terris il leader del Family day Massimo Gandolfini chiede che la difesa della vita sia portata fino all’estrema conseguenza di un'eventuale caduta dell’esecutivo. Intanto prosegue il lavoro per portare in piazza tutte le sigle cattoliche italiane. Leggi il seguito…

    • Rinunciare agli effetti civili del matrimonio religioso

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Se, come accade oggi, lo Stato non riconosce nessun valore al matrimonio indissolubile tra uomo e donna e aperto alla vita, anzi contempla giuridicamente tutto il contrario, allora il Concordato non ha più ragione di essere. Un sacerdote unisce in matrimonio religioso due sposi, a ciò lo Stato riconosce gli effetti civili, ma in virtù di questi effetti civili il giorno dopo concede il divorzio ai due sposi … si tratta di una burla ai danni del matrimonio religioso. Se gli effetti civili sono contro il matrimonio non si vede perché debbano essere previsti dal matrimonio religioso. Per questo motivo, un modo oggi per far valere il principio della “Regalità sociale di Cristo” è di rifiutare il Concordato tra Stato e Chiesa laddove prevede gli effetti civili del matrimonio religioso. Leggi il seguito…

    • Quando la libertà uccide la vita

      di Marcello Veneziani. Ogni volta che qualcuno osa divergere dal Dogma Assoluto “l’Aborto non si tocca”, appena accenna a un pensiero  critico e divergente, o più semplicemente ad adottare linee favorevoli alla maternità e alla natalità, viene circondato e pestato “a sangue” dai mazzieri dell’ideologia abortista, che usano ogni genere d’intimidazione per impedire che si discuta, dico si discuta, intorno al tema. C’è una vera e propria istigazione a considerare la maternità come un incidente, una regressione primitiva, un evento che può essere giustificato solo dall’auto-determinazione della donna, dall’autogestione della sua sessualità, prescindendo totalmente da ogni contesto: la famiglia, la vita che continua, il futuro e le generazioni che verranno, il senso comunitario dell’esistenza… Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.