Joseph de Maistre contro Jean-Jacques Rousseau

jean-jacques-rousseau-biografia_90d739616b97d59f72fad13142c40424

Oggi parlare di stato di natura risulta scorrettissimo politicamente. La legge naturale è scomparsa da qualsiasi ragionamento e tutto è relativizzato o orientato dalla società o dalla cultura. Perfino il genere sessuale non è più quello di…natura. Ecco allora che il pensiero di Joseph De Maistre viene ad illuminare questa fase storica nella quale viviamo come le “spade sguainate per dimostrare che le foglie sono verdi d’estate” che ricordava Chesterton.

Jean-Jacques Rousseau (1712-1778) nel suo Discorso sull’origine della disuguaglianza esprime un pensiero incentrato sulla casualità di eventi che sarebbero anche potuti non accadere. In queste affermazioni si ritrova buona parte del pensiero scientifico evoluzionista: la casualità ci ha portato fino a dove siamo, ma, sempre per caso, avremmo potuto prendere altre strade.

Per caso – dice ancora Rousseau – due selvaggi si incontrarono e decisero di vivere assieme; per caso un seme cadde in terra e un altro selvaggio si accorse

di questo e nacque l’agricoltura: “(…) vediamo un essere intelligente che era fatto (per volontà di Dio, a quanto pare) per la vita dei selvaggi e che un caso funesto ha fatto precipitare nella civilizzazione (malgrado Dio, a quanto pare). Questo caso funesto avrebbe certamente potuto non accadere, oppure Dio avrebbe certamente dovuto opporvisi: ma qui nessuno fa il suo dovere!” (pag. 31). Joseph de Maistre (1753-1821) così scrive tra il 1794 e il 1796 in un testo, rimasto incompiuto dal titolo De l’état de nature che solo oggi possiamo leggere grazie alla traduzione di Francesco Boccolari; Maistre demolisce in modo implacabile (definisce lo scritto di Rousseau un’idiozia), ma anche con molta ironia, il pensiero del ginevrino dimostrando la naturale socialità dell’uomo e l’inesistenza del buon selvaggio. Anzi “più si consulteranno la storia e le tradizioni antiche, più ci si convince che la condizione dei selvaggi costituisce una vera e propria anomalia, un’eccezione” (…) (pag.53), “Se i popoli antichi fossero vissuti per secoli in uno stato di abbrutimento, non avrebbero mai potuto immaginare il regno degli dei e le comunicazioni divine. (…) Avrebbero esaltato questo stato primitivo” (pag.52).

Infatti non si trova mai nessun riferimento ad un antenato che viveva sugli alberi o che era senza parola e non si vede perché qualcuno se ne dovesse vergognare ed evitare di raccontarlo! Proprio il capitolo sul linguaggio è di particolare interesse (pag.57): “La parola è tanto essenziale all’uomo quanto lo è il volo per l’uccello” e dimostra essa sola che è un essere sociale. “Le lingue non poterono essere inventate né da un uomo solo, che non avrebbe potuto farsi obbedire, né da molti che non avrebbero potuto accordarsi fra loro”. La parola resta un mistero, “ma se l’uomo è fatto per parlare, è evidente per parlare a qualcuno”.

Il filosofo ginevrino riteneva l’uomo naturalmente buono e che tutti i suoi problemi derivassero dalla società che è un qualche cosa contro natura: nello stato di natura non ci si sposa e quindi non ci sarà adulterio, non c’è la proprietà e non ci saranno i furti, le guerre, gli assassinii. Maistre dimostra il contrario e da questa dimostrazione ne deriva anche la necessità di un governo: “l’uomo ha dei capi perché non può farne a meno” (pag. 66) perché “la natura, diceva Socrate, ha riunito in questo essere i principi della socievolezza e del dissenso”. E Senofonte: “sono i miei sensi a testimoniare che posseggo due diverse anime, una che mi conduce al bene, e l’altra che mi trascina al male”. Anche Ovidio come san Paolo afferma le stesse cose portando alla conclusione che “conviene essere governati che non esserlo, e che ogni associazione di qualsiasi tipo sarà più duratura (…) se essa ha un capo” (pag.67) e se pertanto l’ordine sociale è qualcosa di naturale non c’è bisogno di nessun patto sociale.

L’uomo è intelligenza, ragione, volontà, tutte potenze indebolite, e specialmente quest’ultima – conclude Maistre – è particolarmente “storpia” ma riesce sempre a trovare le leggi “della giustizia e del bene morale (…) iscritte nel nostro cuore a caratteri indelebili”. È il trionfo della legge naturale grande assente nel terzo millennio.

Andrea Bartelloni

Joseph de Maistre, Stato di natura. Contro Jean-Jacques Rousseau

A cura di Francesco Boccolari

Mimesis, 2013, pagg. 67

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…