Comprano tutto

arabias1r

L’ Arabia Saudita ha in programma di creare un nuovo fondo sovrano per gestire parte della sua ricchezza petrolifera e diversificare i propri investimenti. Secondo fonti vicine, il governo saudita avrebbe chiesto alle banche e alle società di consulenza di presentare proposte per il progetto.

Con il crollo record del prezzo del greggio, sui 30 dollari al barile, le finanze saudite sono allo stremo. Il nuovo fondo potrebbe cambiare il modo in cui decine di miliardi di dollari sono investiti, influenzando così alcuni dei principali gestori al mondo, in particolare negli Stati Uniti, dove sono gestite la maggior parte delle attività estere dell’Arabia Saudita. Il nuovo fondo sovrano dovrebbe idealmente essere creato dai 12 a 24 mesi. Nessun commento da parte del governo”.

La notizia, riportata da Wall Street Italia (15 gennaio 2016) e rimbalzata sul Sole 24 Ore di domenica 3 aprile, occupa piccoli spazi nella stampa specializzata, ma la dice lunga sui silenzi che circondano la monarchia saudita quando si parla di diritti umani. Unica notizia che fa breccia è quella delle pene capitali dove lo stato arabo entra tra i primi al mondo come numero di condanne eseguite.

I sauditi stanno continuando la loro diversificazione finanziaria acquistando mezzo mondo con i loro petrodollari e,vedendo, come è ovvio, che questi non potranno crescere all’infinito, cercano di farli fruttare diversificando, acquistando aziende, ma anche università (ultimi in ordine di tempo i finanziamenti all’Università di Yale) o terreni per far pascolare le loro mucche visto che i prati scarseggiano nel deserto e scarseggia ancora di più l’acqua. Quest’ultima notizia viene dagli Usa dove un’azienda araba del settore lattiero-caseario ha acquistato 4000 ettari nello stato dell’ Arizona, regione arida, ma che vende l’acqua ancora a buon mercato scontentando, magari, i propri cittadini.

Anche l’Africa è nel mirino dei sauditi. Di recente hanno stretto rapporti economici con la Somalia sembra, in funzione anti iraniana, ma i sauditi si stanno riavvicinando anche al loro nemico di sempre, l’Iran sciita, per cercare di mantenere alti i prezzi del petrolio visto il calo della domanda. Apparenti contraddizioni del mondo arabo che rendono difficile capire cosa stanno facendo e pensando le elité di quei paesi, ma una cosa è sicura, il fondo sovrano saudita, con oltre due miliardi di dollari da gestire, continuerà a mettere la sordina a qualsiasi tentativo di portare il dibattito su diritti umani, libertà religiosa o pena di morte. Più o meno come accade per la Cina, altro colosso che ha enormi disponibilità economiche e che investe nel mondo ancora libero. Chi pensava che con la fine del petrolio o la sua sostituzione con combustibili alternativi si sarebbe esaurita la ricchezza delle monarchie arabe resterà deluso.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…