Le nuove lettere di Berlicche

copertinaA distanza di settantatré anni dalla pubblicazione de Le lettere di Berlicche per opera di Clive Staples Lewis, si può avvertire un certo bisogno di aggiornare i modi con cui assicurare la dannazione dell’anima delle persone. I tempi sono cambiati: in mezzo ci sono stati una Guerra Mondiale, il Sessantotto, il boom economico, una miriade di conquiste sul piano scientifico, una rivoluzione copernicana sul piano delle relazioni e della comunicazione… e molto altro ancora.

Ed è stato così che Emiliano Fumaneri, noto anche sotto lo pseudonimo Andreas Hofer, ha pensato bene di dare alle stampe – per i tipi di Berica Editrice, nella neonata collana “UOMOVIVO” – Le nuove lettere di Berlicche.
Un testo accattivante, denso di contenuti pur nella leggerezza e volutamente debitore a Lewis nell’impostazione stilistica, nell’uso dell’ironia e nella chiave di lettura antifrastica.

Berlicche, funzionario di Satana, torna dunque a istruire il giovane diavolo e apprendista tentatore Malacoda, ovviamente applicando una strategia diabolica. “Ricorda: l’attacco frontale alla Roccia del Nemico – scrive in una lettera al nipote – di rado ripaga gli sforzi. La cortina di ferro ha fatto il suo tempo. È stata l’esperienza a insegnarcelo: il lavorio ai fianchi è di gran lunga il più proficuo. Cercare di scalfire direttamente la dura e impenetrabile Roccia è improduttivo. Meglio allora celarne i lineamenti sollevandole attorno una cortina di fumo. Sfumare i contorni, capisci? Se non possiamo abbattere possiamo sempre corrompere. Al posto della realtà, la favola, il sogno, il miraggio! Sostituisci alla Roccia il Palcoscenico, fa’ che la Pietra diventi Idolo, lancia Pietro come Pope Star!”.

Certo, perché il Diavolo sa bene che “i servitori del Nemico nulla temono più della confusione”. E, a ben vedere, cosa c’è nel mondo moderno di più idoneo a corrompere le anime e a creare confusione del mass-media system? Mass-media che rendono le persone isolate, scollegate dagli altri; mass-media che, mentendo, insegnano alle persone a mentire, e le rendono incapaci di riconoscere la verità; mass-media che hanno ben chiaro come fare per sedurre le persone, sfruttando le fragilità e le debolezze tipicamente umane…
Accanto a questa azione, naturalmente, è altresì necessario sferzare altri attacchi. Ma, come si diceva, sempre lateralmente, in maniera subdola e il meno identificabile possibile.

Ecco quindi gli attacchi alla famiglia e all’identità personale, attuati con tutte le sfumature del caso. “La vita degli uomini – spiega ancora Berlicche a Malacoda – attecchisce là dove è oggetto di cure. Per diventare carne e sangue l’amore abbisogna di cibo, riparo, calore, ombra. In una parola, la loro esistenza si nutre di fedeltà (che orrenda parola).
 Un altro trofeo di cui andiamo particolarmente fieri, Malacoda, è quello che ci spetta di diritto per aver istillato l’idea che il matrimonio è la «tomba dell’amore». […] Bisogna operare affinché tutta la fraseologia degli affetti familiari sia investita di un marchio d’infamia, di modo che una sdegnosa ripulsa arrivi a gravare su parole come madre, padre, marito, moglie, prole, parto, gravidanza, figlio, figlia, fratello, sorella, matrimonio, monogamia, esclusivismo, e via discorrendo”.

Un altro pilastro che è necessario abbattere è la Chiesa cattolica. Su questo punto Berlicche deve – suo malgrado – riconoscere che “disgraziatamente non abbiamo ancora scoperto come estirpare la Verità dalla faccia della terra”. Tuttavia, il “trionfo pieno e definitivo” non appare lontano: in fondo è sufficiente “vagheggiare una Chiesa senza Croce, esentata per decreto divino dell’amaro calice della sconfitta” e fare in modo che i fedeli si disperdano in tanti piccoli e innocui rigagnoli.
Naturalmente tutti questi attacchi saranno conditi dal dilagare di molteplici vizi e da una sempre maggiore insofferenza verso tutto quanto c’è, ancora, di buono e di bello nel mondo.

Insomma, Le nuove lettere di Berlicche è un libro tristemente realistico per lo scenario che delinea, ma comunque carico di speranza e profondamente utile, in quanto aiuta a mettere a fuoco le strategie del Nemico: il che è un buon modo per poterle contrastare.

Fonte: Tempi.it

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Aborto e Polonia, i vescovi contro il bullismo targato UE

      di Ermes Dovico. Con una lettera al presidente dell’Europarlamento, David Maria Sassoli, i vescovi della Comece hanno criticato la Risoluzione del 26 novembre 2020 che prende di mira la Polonia per le sue decisioni pro vita. La missiva smonta, Trattati alla mano, le falsità contenute nel documento approvato da 455 eurodeputati. E ricorda che l’aborto non rientra nelle competenze dell’UE e che la vita dei nascituri va protetta sempre. Leggi il seguito…

    • La prevalenza del vigliacco

      di Marcello Veneziani. Come definire quei magistrati che erano al corrente del “sistema” denunciato Luca Palamara nel suo libro intervista con Alessandro Sallusti, conoscevano quei metodi, quei veti, quelle omissioni, quei killeraggi e quelle disparità di trattamento tra compagni da salvare e nemici da sfasciare, avevano la possibilità di fermarli, di denunciarli o almeno dissociarsi ma non lo hanno fatto? Le definizioni possono essere tante, ma si riassumono in una che non si presta a equivoci: vigliacchi. Sono vigliacchi. Leggi il seguito…

    • Covid e oblio della Dottrina sociale della Chiesa sulla rivista “Communio”

      di Stefano Fontana. La rivista cattolica internazionale “Communio” [www.Communio-ICR.com], edizione americana, ha pubblicato nel suo ultimo numero un articolo di Stefano Fontana: “Forgetting the Social Doctrine of the Church in the Epoch of Coronavirus” – “L’oblio della Dottrina sociale della Chiesa nell’epoca del Coronavirus” – XLVII (2020) 3, pp. 634-648. Nell’articolo si sostiene che in questo periodo di Pandemia la Chiesa ha dimenticato di adoperare nell’analisi della situazione e nelle prospettive di soluzione la propria Dottrina sociale. Leggi il seguito…

    • L’arca di Noè e il riscaldamento globale: Bergoglio fra Greta e l’ira di Dio

      di Idefix. Giusto ieri, su questo giornale, veniva rivolto un appello ai conservatori a non regalare la questione dell’ambiente alla sinistra. A contrapporre, cioè, all’ambientalismo ideologico di quanti poi sul fronte antropologico negano il diritto naturale, non il negazionismo ambientale ma un sano ambientalismo antropocentrico. Un approccio ecologico, insomma, che va alla radice del termine e si propone di tutelare l’òikos in quanto casa dell’uomo, non di prostrarsi a un nuovo feticcio in stile vitello d’oro o “pachamama”. Leggi il seguito…