Le “unioni civili” problema non di diritto ma antropologico

gay nozze foto.jpg.aspx
1) La questione del riconoscimento delle “unioni civili” non è un problema primariamente di diritto ma antropologico.
2) Due sono le prospettiva antropologiche in campo: da una parte chi ritiene che la ragione umana possa riconoscere un ordine che non è lei ad aver posto ed attraverso la cultura sviluppare la capacità di adattarsi al meglio alla dimensione naturale; dall’altra l’idea che l’uomo sia solo cultura, ovvero figlio della sua mutevole e evolutiva dimensione soggettiva e che la stessa natura sia, di fatto, un suo prodotto: un uomo che non riconosce più la realtà adattandosi ad essa, ma che pretende di fondarla e crearla.
3) Se la ragione diventa, come dire, uno strumento obsoleto per guardare alla natura antropologica non rimangono che i sentimenti,

assunti ad unico ed indistinto criterio di giudizio e di azione.
4) Questa visione antropologica fa sì che si possa pensare che ad ogni sentimento debba essere garantito un diritto.
5) Nella sua prospettiva antropologica tradizionale il matrimonio è un istituto giuridico fondato sul diritto naturale (e che precede ogni società costituita), ovvero su qualcosa che l’uomo e la donna hanno scoperto e non inventato: la possibilità che la loro unione sia feconda, ovvero necessaria alla sopravvivenza della specie.
6) Inteso in questo senso le leggi sul matrimonio hanno per lo più garantito nella storia il riconoscimento di questo fondamentale stato della natura. Per dirla come le parole del filosofo del diritto De Goytisolo, il legislatore va inteso come un “legere”, ossia come colui che “legge” la realtà e attraverso il “diritto positivo” la rispetta e la tutela.
7) Se invece, come accade oggi, il legislatore diventa un “facere”, ovvero colui che “crea” il diritto, sulla base non del riconoscimento di uno stato di natura ma su base “sentimentalistica”, accade che ogni sentimento, qualunque esso sia ha necessità di essere normato.
8) Ma il sentimento è un “bene indisponibile” sulla base del quale è impossibile stabilire limiti e validità. Nessuno può pretendere da un altro o imporre ad un altro nessun sentimento.
9) Venendo riconosciuto il sentimento come unico criterio fondante una famiglia diventa oggettivamente impossibile stabilire i limiti e il senso della famiglia stessa. Famiglia, con tutti i diritti e i doveri, diventa qualsiasi unione tra due o più persone che dichiarino di manifestare un sentimento reciproco.
10) Nel campo del riconoscimento del “diritto naturale” è la stessa Natura che pone dei limiti e sta all’uomo saperli riconoscere ed adeguarsi ad essi, mentre nel campo del “sentimentalismo” ogni limite diventa fastidioso moralismo. Ogni relazione, qualunque sia la sua prospettiva e la sua dimensione affettiva, ha il diritto di essere riconosciuta come famiglia, con tutto ciò che ne consegue.
11) Così facendo io potrei (non per assurdo, ma realisticamente!) “sposare” mio padre o mia figlia, o generare un nuovo nucleo familiare di più individui (magari con due padri e due madri o con tre padri, ecc). Se è vero che “famiglia è dove c’è amore” nessuno si potrà permettere di giudicare le scelte altrui.
12) Venendo meno il concetto di “Legge Naturale” e di “Diritto Naturale”, tutto diventa coerentemente permesso.
13) È per questo che un conto è il riconoscimento pubblico di una convivenza come il matrimonio fra un uomo ed una donna, basato sulla dimensione affettiva (elemento soggettivo) e sulla possibilità della procreazione (elemento oggettivo), mentre altro è il riconoscimento di diritti personali per individui, che differentemente dal matrimonio (così come è inteso anche nella nostra Costituzione), basano la loro unione esclusivamente sul sentimento (elemento soggettivo).

Postilla
Lo stato ha sempre cercato (anche se ultimamente latita pesantemente su questo aspetto) di tutelare la famiglia attraverso sgravi fiscali, benefici e quant’altro per il semplice fatto che dall’idea di famiglia naturale, ovvero dalla possibilità della procreazione che sola essa garantisce, dipende la vita stessa dello Stato e del destino del mondo. Se un domani (che per molti aspetti è già un oggi) lo Stato si troverà a dover contribuire per il sostentamento di famiglie che per la loro conformazione sono di fatto infeconde, dovrà suddividere la spesa per la famiglia anche per quei nuclei che non possono contribuire al benessere primario di un Paese: fare figli.

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Gervasoni in esclusiva: “Ecco il destino del Governo, del M5S e dei moderati”

      Intervista di Federica Ciampa. “Il sovranismo è soprattutto un fenomeno di reazione culturale alla globalizzazione e a questa forma di progressismo, molto diversa da quella della vecchia sinistra: si tratta di un progressismo che difende le minoranze. Ne è un esempio la politica del PD, la quale è sostanzialmente tesa a favorire immigrati, gli LGBT e così via, alienandosi completamente rispetto alle simpatie delle classi popolari ed incarnando delle battaglie volte a cambiare la natura umana e la società: genitore 1, genitore 2, la famiglia arcobaleno. Si tratta di aspetti sociali che i vecchi comunisti non volevano assolutamente cambiare, perché anche loro credevano nella famiglia naturale, nel padre, nella madre, nei figli. In passato, quindi, la sinistra tendeva a voler almeno rappresentare la maggioranza ed il proletariato, il quale, ormai, vota stabilmente a destra” Leggi il seguito…

    • Omosessualità, la scuola dei teologi che cambia la dottrina

      di Stefano Fontana. Alla Facoltà teologica dell’Italia settentrionale non si insegna la dottrina tradizionale della Chiesa sull’omosessualità. È il caso del corso di Morale speciale del prof Fumagalli dove quello omosessuale è chiamato “amore”. Emerge così che niente è peccato, tutto è "grazia". Con questi corsi si formano i preti che diventeranno parroci e, alcuni di loro, vescovi. E la nuova morale della nuova Chiesa entrerà nelle diocesi dalla porta principale. Leggi il seguito…

    • Emilia Romagna. Spallone: Cattolici, mandate a casa il Governo più anticristiano della storia recente

      di Marco Tosatti. Il 26 Gennaio 2020, in Emilia Romagna si voterà per le elezioni politiche. No, nessun lapsus: quelle per il rinnovo del Consiglio Regionale e la scelta del Governatore sono, esattamente, elezioni politiche. La valenza politica di questa consultazione sopravanza di gran lunga il carattere locale, già di per sé di grande importanza. Ciò, per la sufficiente ragione data dall’inevitabile caduta dal governo nazionale in caso di prevalenza della candidata del centrodestra, sul governatore uscente, candidato della sinistra. Di questa realtà, oltre al mondo politico nazionale, sono perfettamente consapevoli le gerarchie ecclesiastico-politiche, in servizio permanente effettivo. Esempio di questo agitarsi è l’attivismo del Cardinale del capoluogo di questa Regione, la cui agenda è fitta di impegni per presentazioni libri, dibattiti di natura politica, interviste televisive in prima serata; insomma, tutto quello che un buon politico deve fare per sostenere le proprie idee politiche e la propria parte politica attualmente al governo regionale e nazionale. Leggi il seguito…

    • Dal Pci alla Casa d’Intolleranza

      di Marcello Veneziani. Dal vecchio Pci sorse una Casa d’Intolleranza. Benché sconfitta nelle urne e minoritaria nel Paese, esercita la sua intolleranza sui vivi e sui morti, sugli eletti e sui non allineati al politically correct, usa il passato come un’arma per colpire il presente, pone veti e divieti, presenta come reati le opinioni difformi, grazie a leggi ad hoc dei suoi governi. Si serve delle truppe d’assalto dei media e delle forze corazzate dei magistrati, per mettere sotto scacco e fuori legge i suoi nemici Leggi il seguito…