Gigi De Palo, Galantino: dove va il Forum delle famiglie?

de palo

Da poco eletto alla Presidenza del Forum delle Famiglie, Gigi De Palo ha ritenuto opportuno dire subito come la pensa; identificare il “nemico”, l’errore storico, da mai più ripetere. E sapete qual’è l’errore?
Forniamo un indizio. Chi è oggi alla guida, de facto, della Cei? Mons. Nunzio Galantino. E cosa vuole il monsignore dal Forum?
Che prenda le distanze dall’era Ruini, dall’era Benedetto XVI, dal Forum impegnato, come lo fu in passato, anche pubblicamente, a difesa della famiglia.
Galantino non lo ha mai nascosto: l’era Ruini va cancellata; il Family day del 2007 fu un errore; la manifestazione del 20 giugno sul gender non andava fatta.

Ebbene, se il capo vuole così, i laici obbedienti, devono adeguarsi.

Così, forse maliziosamente, viene da pensare, leggendo la dichiarazione di De Palo:

Il Family day è stato uno dei più grandi fallimenti che abbia visto. Due milioni di famiglie

in piazza e il quoziente familiare ancora non c’è…”

Due milioni di persone in piazza sarebbero un grande fallimento? E questo perchè ad oggi non c’è il quoziente familiare? Qualcuno ricorda perchè fu convocato il family day?
Per fermare i Dico. E i Dico furono fermati. Come si può parlare di fallimento, di una inziativa che ottiene l’obiettivo che si era posta?

Non si ottenne il quoziente familiare, certo, ma: 1) non era l’obiettivo primario; 2) se si ragiona così andrebbero messe sotto processo alcune decine di legislature democristiane e non, più che una manifestazione, che, come si sa, non possiede il potere di fare le leggi.

Tanto più che De Paolo, mentre stigmatizza il Family day, non può non ricordare: io allora c’ero.
Allora che senso ha, 8 anni dopo, rinnegare un fatto così lontano? Proprio nei giorni in cui che si discuta in parlamento la nuova versione, molto peggiorata, dei Dico.
E’ forse un segnale a Galantino, e, come a lui, così alla sua pupilla, Maria Elena Boschi?

Vorremmo aggiungere alcuni dettagli:

1) quando De Palo sostiene che si è trasformata la famiglia “in un concetto astratto, ideologico, identitario“, ripete la lezione di Galantino e compagnia (dimenticando non solo di aver partecipato al Family day, ma di aver a tal punto aderito al progetto ruiniano, da divenire presidente di Scienza & Vita Roma 1). Il problema però è mal posto; così mal posto che sino a poco tempo fa anche De Palo parlava diversamente. L’ideologia nopn è quella di coloro che difendono il matrimonio, ma quella di coloro che lo vogliono distruggere. De Palo non deve aver molto chiaro cosa è la famiglia, benchè faccia il presidente del Forum delle Famiglie.

2) Quando De Palo afferma che “il Forum non è l’ennesimo ente che scimmiotta la politica, ma uno strumento nuovo che vuole dare voce al paese reale. Fare lobbying non è il ruolo del forum“, vuole forse far dimenticare che sino a ieri le sue manifestazioni pubbliche erano strettamente collegate alla sua azione di politico, assessore con Alemanno e consigliere, nel comune di Roma?
3) Vuole far dimenticare di essere stato il principale promotore, negli stessi giorni della neonata Manif pour Tous Italia, cioè nel luglio 2013, di un flash mob davanti a Montecitorio, contro la legge Scalfarotto sull’omofobia?

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Guadagnerai il pane con il sudore della fronte. Dalla cultura della domanda alla cultura dell’impegno

      di Daniel Passaniti. Raggiungere la piena occupazione e un’equa distribuzione della ricchezza presuppone che l’economia cresca in termini reali, che vi sia produzione e aumento della ricchezza, dal momento che nulla può essere distribuito se non lo si è prima prodotto mediate lavoro e sforzo. Ed ecco uno dei problemi dell’Argentina: la successione di governi populisti e demagogici che hanno enfatizzato il paradigma distributivo, ingiustamente ingigantendo il bilancio statale per perpetuare programmi di aiuto sociale, soffocando il settore produttivo che genera ricchezza, hanno abituato gran parte della società a ricevere un reddito senza alcuna contropartita, a chiedere e rivendicare senza fare gli sforzi necessari per ottenere, con i propri mezzi, un discreto livello di sussistenza. In questo modo, la povertà è stata trasformata in miseria consentita, se non voluta dal governo di turno. La cultura della domanda ha sostituito la cultura dello sforzo e diverse generazioni di argentini ne sono state vittime Leggi il seguito…

    • Il pensiero greco è parte integrante della fede cristiana. La storia della filosofia greca di Stefano Fontana

      di Silvio Brachetta. È vero che «filosofia», per l’umile Pitagora, è l’«amore della sapienza». È anche vero che qualcuno si azzardò – il gruppo dei sofisti – ad omettere il «filo» e a indicare se stesso come sophistés, sapiente. Ma questi eccessi di umiltà o di orgoglio oscurano la verità forse più grande che il pensiero greco avrebbe voluto tramandare: l’uomo ha la dignità, la vocazione, di accostare e convivere abitualmente con nulla di meno della sapienza. La scienza è grande, così come l’arte o la tecnica, ma la sapienza è più grande di ogni disciplina ed è l’unico vero cibo spirituale con cui l’anima può sopravvivere. Leggi il seguito…

    • Ddl Zan: non si tratta solo di una minaccia alla libertà di opinione

      di Fabio Fuiano. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus. L’unico modo per vincere questa battaglia è adottare il principio dell’agere contra: per cui alla falsità si deve opporre la verità e al vizio la virtù. Senza una strategia del genere non metteremo mai in discussione le fondamenta su cui si basano certe proposte di legge e continueremo a subire cocenti sconfitte, come è già accaduto in passato. Se oggi siamo arrivati ad una tale dissoluzione morale e sociale, lo dobbiamo ad una rinuncia del mondo cattolico ad essere militante in virtù di una difesa incondizionata della libertà che però, senza la verità perde totalmente di significato e si tramuta in schiavitù Leggi il seguito…

    • Com’è buono (e inetto) il Comitato degli scienziatoni

      di Andrea Zambrano. Dai verbali desecretati del Cts emerge la volontà di imporre le norme del lockdown come esperimento di intruppamento sociologico. L'incredibie vademecum ai bambini: sveglia, bagno, colazione, igiene personale, attività domestiche e scolastiche. È l'insopportabile pretesa, tipica di uno Stato totalitario, di togliere la libertà insegnando a mamma e papà a fare i genitori. Questo daily plan andrebbe studiato nelle università di tutto il mondo perché è la prova che il Cts altro non era che una scusa per disporre della nostra libertà e intelligenza. È un insulto alla nostra pazienza, un’insopportabile e moralistica presa per il naso da parte di signorinessuno che hanno la grande responsabilità di aver dettato al governo l'azzoppamento di questo Paese Leggi il seguito…