francescani

Proponiamo la recita di una Novena per l’Istituto dei Francescani dell’Immacolata: dal 29 novembre al 7 dicembre. 

Offriamo questa novena all’Immacolata chiedendoLe di liberarci presto dalla persecuzione che si è scatenata sull’Istituto dei Frati e Suore Francescani dell’Immacolata. Preghiamo per la fazione dei frati che hanno tentato di cambiare il governo dell’Istituto, aprendo, in tal modo, la strada della divisione interna, piuttosto che decidere dignitosamente di uscire dall’Istituto religioso cui appartenevano e del quale non condividevano più lo spirito.

Novena all’Immacolata

Dal 29 novembre al 7 dicembre

  1. Eccoci ai tuoi santissimi piedi, o Vergine Immacolata. Ci rallegriamo grandemente con Te, che fin dall’eternità fosti eletta Madre del Verbo Eterno e preservata dalla colpa originale. Ringraziamo e benediciamo la Santissima Trinità che Ti ha arricchita di questi privilegi nella tua Concezione. Ti supplichiamo umilmente di impetrarci la grazia di vincere quei tristi effetti che in noi ha prodotto il peccato originale. Fa’ che noi li superiamo e mai lasciamo di amare il nostro Dio.

Ave Maria…
Vergine Immacolata, prega per noi!

  1. O Giglio immacolato di purità, Vergine Maria, ci congratuliamo con Te che sin dal primo istante della tua Concezione sei stata arricchita di grazia e dell’uso perfetto di ragione. Ringraziamo ed adoriamo la Santissima Trinità che Ti ha elargito doni sublimi. Ci confondiamo dinanzi a Te nel vederci così poveri di virtù. Tu che così pienamente fosti ricolma di celeste grazia fanne partecipe anche l’anima nostra e facci ricchi di tesori del tuo Immacolato Concepimento.

Ave Maria…
Vergine Immacolata, prega per noi!

  1. O mistica Rosa di purità, Immacolata Maria, ci rallegriamo con Te che hai gloriosamente trionfato sul demonio e che sei stata concepita senza peccato originale. Ringraziamo e lodiamo con tutto il cuore la Santissima Trinità che Ti ha concesso tale privilegio; Ti supplichiamo di ottenerci la forza di superare ogni insidia del maligno e non macchiare col peccato l’anima nostra. Aiutaci sempre e fa che con la tua protezione portiamo vittoria sui comuni nemici dell’eterna nostra salvezza.

Ave Maria…
Vergine Immacolata, prega per noi!

  1. O Specchio di Santità, Immacolata Maria Vergine, noi godiamo nel vedere che sono state infuse in Te, sin dalla tua Concezione, le più sublimi virtù e tutti i doni dello Spirito Santo. Ringraziamo e lodiamo la Santissima Trinità che Ti ha favorito con questi privilegi e Ti supplichiamo, o Madre benigna, di ottenerci la pratica delle virtù e renderci così degni di ricevere i doni e la grazia dello Spirito Santo.

Ave Maria…
Vergine Immacolata, prega per noi!

  1. O Aurora rilucente di bellezza, Vergine Maria, ci congratuliamo con Te del mistero del tuo Immacolato Concepimento che è stato principio di salvezza di tutto il genere umano e il giubilo di tutto il mondo. Ringraziamo e benediciamo la Santissima Trinità che ha così magnificato e glorificato la tua persona. Ti supplichiamo di ottenerci la grazia di saper trovare profitto dalla Passione e Morte del tuo Gesù, perché non sia per noi inutile il Sangue sparso sulla Croce, ma viviamo santamente e ci salviamo.

Ave Maria…
Vergine Immacolata, prega per noi!

  1. O Stella splendidissima di luce, Immacolata Maria, ci rallegriamo con Te perché il tuo Immacolato Concepimento ha recato un gaudio grandissimo a tutti gli Angeli del Paradiso. Ringraziamo e benediciamo la Santissima Trinità che Ti ha arricchito di così bel privilegio. Fa’ che noi entriamo un giorno a prendere parte a questa gioia, e possiamo in compagnia degli Angeli lodarti e benedirti in eterno.

Ave Maria…
Vergine Immacolata, prega per noi!

  1. O Tempio santo di Dio, Immacolata Maria, ci rallegriamo con Te e Ti ammiriamo perché nel momento della tua Concezione sei stata confermata in grazia e resa impeccabile. Ringraziamo ed esaltiamo la Santissima Trinità che ha contraddistinto solo Te con questo particolare privilegio. Impetraci, o Vergine Santa, un totale e continuo odio al peccato. Fa’ che piuttosto moriamo, anziché commetterlo nuovamente.

Ave Maria…
Vergine Immacolata, prega per noi!

  1. O Sole senza macchia, Vergine Maria, ci congratuliamo con Te e godiamo perché nella tua Concezione Ti è stata conferita da Dio una grazia maggiore e più abbondante che non ebbero insieme tutti gli Angeli e tutti i Santi. Ringraziamo ed ammiriamo la somma liberalità della Santissima Trinità che Ti ha elargito questo privilegio. Fa’ che corrispondiamo alla grazia divina e mai ne abusiamo; cambiaci il cuore e fa che fin d’ora incominci il nostro ravvedimento.

Ave Maria…
Vergine Immacolata, prega per noi!

  1. O Luce viva di santità ed esempio di purità, Immacolata Vergine e Madre Maria, Tu appena concepita adorasti profondamente Iddio e Lo ringraziasti perché per mezzo tuo, sciolta la maledizione antica, veniva la piena benedizione sopra i figli di Adamo. Fa’ che questa benedizione accenda nel nostro cuore l’amor di Dio. Tu infiammalo perché Lo amiamo costantemente per poi goderLo eternamente in Paradiso.

Ave Maria…
Vergine Immacolata, prega per noi!

Nel giorno della Solennità (8 dicembre):

Vergine Immacolata, che piacesti al Signore e ne diventasti la Madre, riguarda benigna noi miseri che imploriamo il tuo potente patrocinio. Il maligno serpente, contro cui fu scagliata la prima maledizione, continua purtroppo a combattere e insidiare i miseri figli di Eva. O benedetta Madre nostra, nostra Regina e Avvocata che fin dal primo istante del tuo concepimento schiacciasti il capo del nemico, accogli le preghiere che, uniti con Te in un cuor solo, Ti raccomandiamo di presentare al Trono di Dio, perché non cediamo mai alle insidie che ci vengono tese, così che tutti arriviamo al Porto della Salvezza e fra tanti pericoli, la Chiesa e la Società cristiana, cantino ancora una volta l’inno della liberazione, della vittoria e della pace. Amen!
(San Pio X)

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Da “assembramento” a risposta di governo, il percorso del centrodestra per non morire

      di Carlo Mascio. Il centrodestra è tornato in piazza. Unito. È questa di per sé è già una notizia. Dopo mesi di tentennamenti e silenzi sulle strategie anti Covid messe in atto dalla macchina orwelliana del governo Conte e dopo continue divisioni sul piano di aiuti economici per la ripresa post pandemia, ora i leader del centrodestra tornano a battere un colpo. Leggi il seguito…

    • Scuola, così il Governo crea una generazione di bimbi-robot

      di Giuseppe Leonelli. La questione economica è enorme, ma ancora più grave appaiono le modalità fuori dalla realtà con cui si è pensato di affrontare il problema. Il tema è la riapertura delle scuole a settembre e, in particolare, le regole annunciate due giorni fa dalla ministro Azzolina, annuncio frutto di un copia e incolla pedissequo – come sempre è avvenuto in questi mesi – di quanto suggerito dal famoso Comitato tecnico-scientifico del Ministero della Salute. Leggi il seguito…

    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…