La donazione di Caffarra: milioni di euro per i poveri

url

Lo stile è l’uomo. Oggi che il cardinal Caffarra va in pensione si può dire: è stato per me un privilegio conoscerlo, apprezzarlo, godere della sua simpatia.
Ho conosciuto il cardinale così: un uomo schivo, di preghiera, prudente, innamorato di Cristo e della Chiesa. Lontano dai riflettori, semplice, difensore della famiglia.
Giovanni Paolo II lo aveva scelto anche per questo: per la sua grande competenza teologica in campo morale.
All’ultimo Sinodo Caffarra è stato uno dei firmatari della lettera al papa,

presentata dai media in modo totalmente falso.
E’ stato al fianco di Pell, Sarah… per resistere al tentativo dei vescovi del Nord Eurropa di buttare a mare il magistero della Chiesa sulla famiglia.

Per questo ha pagato in termini di immagine. Lo hanno dipinto come un uomo di poetre, un “moralista”, un uomo del vecchio “apparato”.

Ma non è cosa che importi, l’immmagine, ad un uomo come lui. Non ha mai reagito.

Oggi esce su Repubblica, in poche righe, una notizia su di lui: i soldi che ha donato in seguito all’eredità Faac. Non aveva detto nulla. Ha fatto tutto nel silenzio. Con lo stile suo, lo stile prudente, saggio, umile, dei grandi uomini di Chiesa:

 

caff

 

Il cardinale Carlo Caffarra ha donato cinque milioni dell’eredità Faac alle famiglie bolognesi in gravi situazioni di disagio per la perdita del lavoro. Le sue scelte, in particolare su una vicenda come quella della multinazionale dei cancelli che ha appannato l’immagine della Curia negli ultimi tempi, si fanno sentire in città a meno di un mese dall’arrivo del suo successore, il vescovo Matteo Zuppi.

È stata la Caritas diocesana, che gestirà la donazione, a rendere noto il gesto del cardinale che risale a settembre scorso… Fu Caffarra a istituire nel 2008 il Fondo di solidarietà per le famiglie, nel quale sono confluite offerte di privati e parrocchie e la maggior parte dei contributi che la Fondazioni cittadine destinano ogni anno all’Arcidiocesi…

Per gli scritti di Caffarra: http://www.caffarra.it/

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Corte Europea dei diritti umani… e di Soros

      di Luca Volontè. Il centro studi ECLJ smaschera il conflitto di interessi della CEDU con le fondazioni di Soros. 22 giudici nel 2019 hanno o avevano avuto legami con sette ONG legate al magnate filantropo. Il Commissario dei diritti umani difenderà la giustizia europea?  Leggi il seguito…

    • I vescovi e il Dio che sostiene, ma non può fare miracoli

      di Stefano Fontana. I vescovi invitano a pregare perché Dio sostenga i malati e i medici, pochi di loro chiedono di pregare perché il Cielo sconfigga il contagio. Sembra che non si riconosca a Dio la possibilità di operare al di fuori dell’ordine del creato, come invece in San Tommaso, ma solo rispettando le leggi di questo ordine. Ecco il frutto della teologia di Rahner, dove Dio è intramondano.  Leggi il seguito…

    • Prudenza sì, panico no

      di Riccardo Cascioli. Strade semideserte, locali chiusi, supermercati presi d'assalto, incontri pubblici e privati annullati: in Italia c'è ormai il panico da Coronavirus. Ma la realtà dei fatti non giustifica questa isteria. L'epidemia è molto circoscritta e al momento non è prevedibile una diffusione a tappeto. Essere prudenti ed evitare rischi inutili è doveroso, ma il panico diffuso è segno anche di una fragilità personale diffusa. Leggi il seguito…

    • Stati Uniti-Ungheria, l’asse in difesa della famiglia

      di Federico Cenci. Sono 7.330 i chilometri che separano Washington da Budapest. Eppure le due capitali non sono mai state così vicine. I governi di Stati Uniti e Ungheria, infatti, lavorano fianco a fianco per sostenere le comunità cristiane nel mondo, e per realizzare politiche in favore della famiglia e della vita. Lo ha sottolineato nei giorni scorsi Katalin Novak, segretario di Stato ungherese per la Famiglia e la Gioventù, tornata di recente da una visita diplomatica Oltreoceano durante la quale ha incontrato il deputato Repubblicano Jeff Fortenberry e membri del centro studi conservatore American Enterprise Institute. Tra l’altro la Novak intervenne al Congresso mondiale delle famiglie di Verona in marzo. Leggi il seguito…