La donazione di Caffarra: milioni di euro per i poveri

url

Lo stile è l’uomo. Oggi che il cardinal Caffarra va in pensione si può dire: è stato per me un privilegio conoscerlo, apprezzarlo, godere della sua simpatia.
Ho conosciuto il cardinale così: un uomo schivo, di preghiera, prudente, innamorato di Cristo e della Chiesa. Lontano dai riflettori, semplice, difensore della famiglia.
Giovanni Paolo II lo aveva scelto anche per questo: per la sua grande competenza teologica in campo morale.
All’ultimo Sinodo Caffarra è stato uno dei firmatari della lettera al papa,

presentata dai media in modo totalmente falso.
E’ stato al fianco di Pell, Sarah… per resistere al tentativo dei vescovi del Nord Eurropa di buttare a mare il magistero della Chiesa sulla famiglia.

Per questo ha pagato in termini di immagine. Lo hanno dipinto come un uomo di poetre, un “moralista”, un uomo del vecchio “apparato”.

Ma non è cosa che importi, l’immmagine, ad un uomo come lui. Non ha mai reagito.

Oggi esce su Repubblica, in poche righe, una notizia su di lui: i soldi che ha donato in seguito all’eredità Faac. Non aveva detto nulla. Ha fatto tutto nel silenzio. Con lo stile suo, lo stile prudente, saggio, umile, dei grandi uomini di Chiesa:

 

caff

 

Il cardinale Carlo Caffarra ha donato cinque milioni dell’eredità Faac alle famiglie bolognesi in gravi situazioni di disagio per la perdita del lavoro. Le sue scelte, in particolare su una vicenda come quella della multinazionale dei cancelli che ha appannato l’immagine della Curia negli ultimi tempi, si fanno sentire in città a meno di un mese dall’arrivo del suo successore, il vescovo Matteo Zuppi.

È stata la Caritas diocesana, che gestirà la donazione, a rendere noto il gesto del cardinale che risale a settembre scorso… Fu Caffarra a istituire nel 2008 il Fondo di solidarietà per le famiglie, nel quale sono confluite offerte di privati e parrocchie e la maggior parte dei contributi che la Fondazioni cittadine destinano ogni anno all’Arcidiocesi…

Per gli scritti di Caffarra: http://www.caffarra.it/

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Bibbiano, come guarire dall’orrore

      di Silvana de Mari. Nel caso dei bambini strappati alle loro famiglie per darle in affido a persone non ideonee, assistenti sociali, psicologi, politici hanno provocato gravi danni, psicologici e fisici. Ma ora che i bambini sono stati liberati è importante che possano guarire in famiglia, dove genitori e bambini devono dirsi la verità su quanto accaduto. Leggi il seguito…

    • Gandolfini: “Legalizzare l’eutanasia? Meglio che cada il governo”

      di Marco Guerra. L’eutanasia e il suicidio assistito saranno il banco di prova dei pro life che sono in maggioranza. Meglio che cada il governo che una legge ingiusta”, parlando ad In Terris il leader del Family day Massimo Gandolfini chiede che la difesa della vita sia portata fino all’estrema conseguenza di un'eventuale caduta dell’esecutivo. Intanto prosegue il lavoro per portare in piazza tutte le sigle cattoliche italiane. Leggi il seguito…

    • Rinunciare agli effetti civili del matrimonio religioso

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Se, come accade oggi, lo Stato non riconosce nessun valore al matrimonio indissolubile tra uomo e donna e aperto alla vita, anzi contempla giuridicamente tutto il contrario, allora il Concordato non ha più ragione di essere. Un sacerdote unisce in matrimonio religioso due sposi, a ciò lo Stato riconosce gli effetti civili, ma in virtù di questi effetti civili il giorno dopo concede il divorzio ai due sposi … si tratta di una burla ai danni del matrimonio religioso. Se gli effetti civili sono contro il matrimonio non si vede perché debbano essere previsti dal matrimonio religioso. Per questo motivo, un modo oggi per far valere il principio della “Regalità sociale di Cristo” è di rifiutare il Concordato tra Stato e Chiesa laddove prevede gli effetti civili del matrimonio religioso. Leggi il seguito…

    • Quando la libertà uccide la vita

      di Marcello Veneziani. Ogni volta che qualcuno osa divergere dal Dogma Assoluto “l’Aborto non si tocca”, appena accenna a un pensiero  critico e divergente, o più semplicemente ad adottare linee favorevoli alla maternità e alla natalità, viene circondato e pestato “a sangue” dai mazzieri dell’ideologia abortista, che usano ogni genere d’intimidazione per impedire che si discuta, dico si discuta, intorno al tema. C’è una vera e propria istigazione a considerare la maternità come un incidente, una regressione primitiva, un evento che può essere giustificato solo dall’auto-determinazione della donna, dall’autogestione della sua sessualità, prescindendo totalmente da ogni contesto: la famiglia, la vita che continua, il futuro e le generazioni che verranno, il senso comunitario dell’esistenza… Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.