Tecnologia e giovani generazioni: il ruolo dell’educazione

tecnologia_bambino_nativi-digitaliLe giovani generazioni fanno largo uso della tecnologia: la maggior parte dei bambini e dei ragazzi sono infatti attivi su internet e sui social network e possiedono uno smartphone con il quale comunicano e si connettono alla rete. Insomma, l’allegro tempo delle chiamate a casa per darsi appuntamento al campetto e delle corse per citofonare a vedere se il vicino di casa poteva scendere in strada a giocare sembra essere ormai definitivamente tramontato.

Sono queste le conclusioni che si possono trarre leggendo i dati di una ricerca coordinata da Giovanna Mascheroni, docente di sociologia all’Università Cattolica di Milano, della quale si è recentemente parlato a Roma nell’ambito di un incontro promosso dal Family Online Safety Institute.

Ma vediamo alcuni numeri: circa l’83% dei giovani (la percentuale ‘scende’ al 64% sotto i dieci anni) possiede un account su un social network oppure è proprietario di uno smartphone.

Il 60% dei bambini tra i nove e i dieci anni usa WhatsApp, mentre tra i teenager ad andare per la maggiore (nel 66% dei casi) è Facebook.

I dati più preoccupanti interessano tuttavia i contatti intessuti con persone che non si conoscono realmente: per il 21% dei ragazzi e per il 16% delle ragazze chattare con estranei pare essere un’abitudine.

La lettura di questi dati stimola alcune riflessioni sotto il profilo educativo.

Oggi viviamo in un mondo che pare non poter più fare a meno della tecnologia. La questione quindi non sembra tanto essere se e come tenerne i bambini e i ragazzi lontani dagli strumenti 2.0, quanto piuttosto interrogarsi su quale sia il metodo per insegnare ai cosiddetti “nativi digitali” – secondo una fortunata definizione coniata dallo sviluppatore di videogiochi Marc Prensky nel 2001 – a incanalare la loro indubbia destrezza digitale, dovuta più a una velocità di adattamento al contesto che a un mutamento a livello neurologico, per trasformarla in saggezza digitale.

In poche parole significa che la grande sfida di questo particolare frangente socio-culturale è primariamente quella di insegnare ai bambini e ai ragazzi a fare un buon uso degli strumenti tecnologici di cui dispongono.

La tecnologia in quanto tale, infatti, non va demonizzata. I diversi mezzi a nostra disposizione non sono infatti altro che dei contenitori “vuoti”, degli strumenti “neutri”, in grado di assumere una valenza positiva o negativa a seconda dell’uso che ne viene fatto.

Per esempio, un computer può essere utilissimo per scrivere dei testi o per comunicare con persone lontane, così come internet può essere considerato una vera e propria fonte di conoscenze sempre a portata di mano, o il promemoria del telefonino può venire in soccorso della memoria… Di contro, è altresì vero che un uso eccessivo di tali mezzi può portare all’isolamento (il che è quasi paradossale: siamo sempre connessi, ma siamo sempre più soli), ma anche a un depotenziamento delle capacità di concentrazione o di elaborazione di pensieri complessi… e l’elenco potrebbe continuare.

La vera urgenza di oggi è quindi proprio quella di aiutare le giovani generazioni – ma forse anche tanti adulti – a comprendere che i diversi dispositivi tecnologici sono strumenti da usare a proprio vantaggio, e non dei quali rimanere vittime. Tra la persone e il mezzo tecnologico esiste uno scarto qualitativo, determinato dalla razionalità, che è infatti importante non dimenticare.

Nel concludere vi invitiamo a vedere un video controcorrente, che dimostra come la tecnologia – nella fattispecie, uno smartphone – possa favorire le relazioni, a patto che a questo segua una risposta attiva del soggetto che ne fa uso.

Fonte: Notizie ProVita – http://www.notizieprovita.it/economia-e-vita/tecnologia-e-giovani-generazioni-il-ruolo-delleducazione/

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La riserva indiana dei non garantiti

      di Claudio Togna. Del genocidio dei nativi americani conosciamo attraverso film e libri che hanno alimentato un’epopea dai tratti mitici la descrizione fattane dai vincitori ma poco conosciamo, se non da qualche tempo e grazie alle opere di qualche intellettuale coraggioso, della stessa storia vista dalla parte delle vittime così come loro l’hanno vissuta. Il dualismo, che ha portato ad un sostanziale genocidio, è stato tra due strutture archetipiche: l’uomo bianco civilizzato e con “garanzia di diritti” da un lato ed il nativo selvaggio e “non garantito” dall’altro. Leggi il seguito…

    • Sanità, vaccini e finalismo della natura

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Chi desidera assumere la visione della Dottrina sociale della Chiesa per vedere la realtà e intervenire in modo adeguato su di essa, non può assumere la visione oggi prevalente del determinismo, ma quella propria della filosofia cristiana del finalismo. Leggi il seguito…

    • Aiuto, si è ristretta l’intelligenza

      di Marcello Veneziani. Ragazzi, si sta accorciando il Quoziente Intellettivo. L’intelligenza si restringe, il regresso colpisce le menti. E non si tratta di una tesi avanzata da reazionari antimoderni. Una denuncia di Cristophe Clavé ci ha messo la pulce nel cervello. “Il QI medio della popolazione mondiale era sempre aumentato – scrive lo studioso di strategie d’impresa- nell’ultimo ventennio è invece in diminuzione, a partire dai paesi più sviluppati”. Leggi il seguito…

    • Una fede senza compromessi. Appunti per la Chiesa

      di Alberto Maria Careggio*. «Se si pensasse di rivitalizzare la Chiesa italiana ispirandosi a quella tedesca sempre più attratta dal modello protestante, s’importerebbe un virus mortifero. Facinorosi avventurieri del "nuovo ad ogni costo" hanno distrutto tutto: Dio e l’uomo». In vista del Sinodo della Chiesa italiana, la Bussola ospita la riflessione del vescovo emerito di Sanremo, Alberto Maria Careggio. «La nostra epoca è tornata pagana, dovremmo riprendere la predicazione di San Paolo, che non faceva sconti a nessuno e non ha tradito Gesù con compromessi». Leggi il seguito…