Le ragioni della lettera al papa.

pell

In epoca di parresia e sinodalità sarà bene che spiegare un po’ meglio donde nascono le preoccupazioni dei cardinali che hanno scritto la famosa lettera al papa (ricordando che tra di loro si trovano non pochi suoi elettori, ed anche uno dei suoi collaboratori più stretti, il cardinal George Pell, proprio oggi pubblicamente irriso dall’arrogante cardinale Marx).
Evitando così l’atteggiamento di chi da una parte suona la campana della sinodalità e della democrazia nella Chiesa, e dall’altra, con totale incoerenza, interpreta come delitto di lesa maestà l’espressione filiale di una ben motivata preoccupazione.

La lettera dei cardinali, quasle che sia la sua forma corretta, ha una prima giustificazione,

diciamo così storica: dall’epoca in cui san Paolo resistette in faccia al I papa, scelto direttamente da Gesù, san Pietro, sappiamo bene che il dovere dell’obbedienza non cancella totalmente coscienza e libertà degli individui. Questo non solo per quanto riguarda i cardinali, che hanno il dovere di affiancare il papa nel governo della Chiesa, e non sono semplicemente degli elettori eventuali una tantum, ma anche per quanto riguarda il ruolo dei laici, che come ricordava il beato cardinale Newman, in vari momenti della storia hanno aiutato i pastori a non smarrire il sensus fidei.

Ebbene, da dove nasce la preoccupazione dei firmatari? Da quello che il vaticanista Gianfranco Svidercoschi, in una trasmissione di domenica mattina su radio 1, ha definito un paradosso: il fatto che papa Francesco, nel suo tentativo di ampliare il ruolo della collegialità e sinodalità, trova davanti a sè una certa opposizione, rispetto a cui deve reagire con un atteggiamento decisionista. Lo stesso “decisionismo”, continuava Svidercoschi, che del papa è un grande ammiratore, da lui dimostrato in passato, nel ruolo di provinciale dei gesuiti.
Ma in cosa consisterebbe questo possibile decisionismo del papa della collegialità e del decentramento?

Ad esempio nel mondo con cui in questi anni è stato trattato l’episcopato degli Stati Uniti.

Una delle prime mosse di papa Francesco è stata rimuovere dal ruolo di prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura apostolica il cardinal Raymond Burke, nominato vescovo da Giovanni Paolo II e cardinale da Benedetto XVI, che nutriva per lui una particolare stima.
A questa rimozione, piuttosto clamorosa, che permise ai giornali abortisti di tutto il mondo di dichiarare che il papa aveva messo all’angolo il cardinale pro life per eccellenza, è seguita l’esclusione di Burke dal Sinodo del 2015.

 

Cardinal Raymond Leo Burke, the former bishop of La Crosse who now serves as chief justice of the Vatican supreme court, visits the second grade classroom of teacher Kris Baudek (right) Thursday, December 4, 2014 at Trinity Academy in Pewaukee, Wis. The 150 student student school espouses a traditional Roman Catholic education. Thursday evening he will speak on education as a means of cultural transformation at the Country Springs Hotel in Waukesha. As part of the event, Burke will sign copies of a new book he co-authored, titled, "Remaining in the Truth of Christ." A Wisconsin native, Burke served as bishop of St. Louis before going to the Vatican in 2008. He was made a cardinal two years later. Burke confirmed in October that Pope Francis plans to remove him as prefect of the Vatican's Supreme Tribunal of the Apostolic Signatura, and install him in the largely ceremonial role as patron to the Sovereign Military Order of Malta.  MARK HOFFMAN/MHOFFFMAN@JOURNALSENTINEL.COM

Cardinal Raymond Leo Burke

 

All’incirca nello stesso tempo papa Francesco ha designato come vescovo nella diocesi di Chicago mons. Cupich, noto per le sue simpatie kasperiane e per le sue aperture ai gay. Inevitabile che questa nomina, calata dall’alto, ignorando i desiderata dei vescovi americani e, probabilmente, anche quello della Congregazione dei vescovi, abbia generato dei malumori, e sia stato percepito come una imposizione.

Intanto, in preparazione al Sinodo 2015, si sono svolte le elezioni all’interno della Conferenza episcopale degli Usa. I vescovi americani hanno eletto democraticamente 4 delegati: Mons. Joseph Kurtz, presidente dei vescovi USA, Daniel Di Nardo, Charles Chaput e Jose Gomez.
Due i delegati supplenti indicati dalla Conferenza episcopale americana: monsignor Cordileone, presidente del comitato per la famiglia della conferenza episcopale statunitense, e monsignor Cupich. Quale dei due è stato poi scelto dal pontefice nella quota dei padri di sua elezione personale? Ancora una volta Cupich, mentre mons. Cordileone, conosciuto per le sue posizioni pro family, è stato lasciato a casa.
Oltre a Cupich, accanto ai 4 delegati, tutti su posizioni tradizionali, il papa ha nominato, per sua scelta, accanto al cardinal Dolan, un altro “progressista” vicino alle posizini di Kasper: il cardinal Donald Wuerl. In questo modo, tramite la scelta di Cupich e Wuerl, la posizione maggioritaria dei vescovi americani è stata fortemente sminuita e annacquata.
Ma non è finita: tra i delegati eletti e quelli designati, quale è stato scelto nella importante commissione chiamata a redigere la Relatio finale? Non il presidente della Conferenza episcopale Kurtz; non uno degli eletti dalla stessa, ma Wuerl. Anche qui non è difficile immaginare che gli americani si siano sentiti “umiliati” e scavalcati, e che qualcuno si sia chiesto: è qui la valorizzazione della sinodalità e della collegialità nella Chiesa? Perchè nulla di analogo, a parti invertite, è accaduto per la schieratissima conferenza episcopale tedesca? O per quella belga, per la quale all’ultra kasperiano Johan Jozef Bonny, è stato affiancato, dal papa, il cardinale anti-Benedetto XVI e favorevole ai matrimoni gay, Godfried Danneels?

Visto che tra i firmatari della famosa lettera al papa c’è anche il cardinal australiano George Pell, rimaniamo nel mondo anglosassone. Il delegato della conferenza episcopale della Nuova Zelanda è il vescovo Charles Edward Drennan; per la Nuova Zelanda il papa ha nominato, ripescandolo, anche il Cardinal John Atcherley Dew, su posizioni kasperiane e “avversario” di Pell. Oltre a ciò, lo ha anche messo nella già citata commissione.

La quale risulta così composta da una maggioranza di padri sinodali nominati, non eletti, e su posizioni, idealmente, kasperiane.

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e scuola: alle radici del problema

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Alla Dottrina sociale della Chiesa è sempre appartenuta la dottrina della “Regalità sociale di Cristo”. Questa è stata direttamente enunciata in molte encicliche preconciliari. In quelle postconciliari non è più stata affermata con chiarezza, quanto piuttosto presupposta indirettamente, quindi non obliata ma oscurata. In ogni caso non è mai stata formalmente negata. Leggi il seguito…

    • «Sinodo Amazzonia, un pretesto per cambiare la Chiesa»

      di Riccardo Cascioli. Il cardinale Gerhard Müller, già prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, boccia senza appello l'Instrumentum Laboris del Sinodo per l'Amazzonia: «Nasce da una visione ideologica che nulla ha a che fare con il cattolicesimo». «Trattano il nostro Credo come se fosse una nostra opinione europea, ma il Credo è la Rivelazione di Dio in Gesù Cristo, che vive nella Chiesa. Non ci sono altri credo».«Dobbiamo rifiutare in modo assoluto espressioni come “conversione ecologica”. C’è solo la conversione al Signore, e come conseguenza c’è anche il bene della natura». «I sacramenti non sono riti che ci piacciono e il sacerdozio non è una categoria sociologica». «La Rivelazione di Dio in Cristo si fa presente nei sacramenti, e la Chiesa non ha alcuna autorità per cambiare la sostanza dei sacramenti». Leggi il seguito…

    • I cattolici, il suicidio assistito e l’Ordinanza della Corte costituzionale

      di Silvio Brachetta. Assuntina Morresi, su Tempi, critica le posizioni dell’Osservatorio Van Thuân – espresse da Stefano Fontana – circa la necessità di non scendere a compromessi sull’eutanasia. Il compromesso in questione – che un gruppo di parlamentari cattolici ha richiesto alla Conferenza episcopale italiana di sostenere – prevede, tra l’altro, l’attenuazione delle pene regolate dall’articolo 580 del Codice penale, nella speranza di mantenerlo in essere. Se, infatti, l’articolo 580 non sarà abrogato, costituirà almeno un argine all’eutanasia, che potrebbe essere introdotta da future legislazioni in materia Leggi il seguito…

    • Ma oltre i migranti ci sono i restanti

      di Marcello Veneziani. Ero l’altro giorno a Otranto nella piazza dedicata “all’umanità migrante”, dove campeggia un monumento in forma di barca dedicato ai migranti. E mi sono detto: ma all’umanità restante nessuno dedica niente, piazze, monumenti, prediche, premure? Non c’è settimana che Papa Bergoglio non si preoccupi dei migranti che ritiene un’umanità speciale; a loro dà priorità e dedica l’evangelico “Prima gli ultimi”. E non c’è dem, progressista, radicale, cattosinistro, ogni santo giorno, che non consideri bestie, razzisti, subumani e disumani coloro che non ritengono assoluto e illimitato il diritto di migrare e il dovere di essere accolti. Al Papa e ai promigranti vorrei dire: i veri ultimi non sono i migranti. Sono i restanti. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.