Cosa è successo al Sinodo? L’informazione (Sussidiario e Ansa i peggiori)

magister

 

Al Sinodo non si è deciso nulla sulla comunione ai divorziati risposati. Lo dice bene e chiaramente il vaticanista Sandro Magister.

Il Sussidiario, che abbiamo visto esprimersi a favore dei matrimoni gay, se decisi dalla maggioranza, titola invece così:

sussidiario

Che significa: “passa con un voto il sì ai divorziati”? Nulla: una frase più sciocca e maldestra, era difficile trovarla. Purtroppo l’idea che molti lettori de il Sussidiario percepiranno è che il divorzio, da oggi, va bene.

 

Assolutamente falsa l’Ansa:

ansa

Famiglia cristiana vince il premio banalità: ci spiega che i divorziati risposati non sono

scomunicati. Chi mai lo aveva sostenuto negli ultimi due millenni?

famiglia cristiana

 

Una considerazione finale: a leggere i giornali, quelli cattolici compresi, sembra di aver capito che il Sinodo si è occupato solo di divorzio. Forse è così, in effetti. Di impegni per: aiutare i fidanzati di oggi a costruire le famiglie di domani non sembra si sia detto molto; dell’impegno ad aiutare le famiglie in crisi di oggi, a sfuggire dalla separazione, neppure. Il dibattito lo hanno indirizzato, sin dall’inizio, Kasper e compagnia. Ponendolo su un binario morto.

 

Resta tanta confusione, e l’impressione che in tanti vogliano far passare un’idea: la Chiesa di oggi è quella della tenerezza (copyright Avvenire), e quindi la Chiesa di ieri (da Pietro a Pio XII; passando per Paolo VI, Giovanni Paolo II e  Bendetto XVI) invece era la Chiesa della durezza; dei legulei; di coloro che proclamano i principi, per condannare gli altri, per sentirsi migliori…

Grande confusione, è ciò che resta con certezza. Sul resto, si vedrà.

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il virus della paura globale

      di Marcello Veneziani. Paura, per ogni vittima del coronavirus ci sono mille vittime della paura del contagio. Sulla paura si fonda la politica, anche se dissimulata in altre vesti. Paura del fascismo, del comunismo, dell’invasore, del terrorismo. La paura della bomba atomica mosse i movimenti pacifisti. E il movimento ecologista di Greta Thunberg cos’è se non una variazione sulla paura della catastrofe ambientale e climatica? Ci sono paure nobili e paure indecenti, paure politically correct perché progressiste e paure inammissibili perché ritenute regressive? “Non abbiate paura” tuonò Papa Giovanni Paolo II agli inizi del suo glorioso e lungo pontificato. Dio sa quanto ce ne vorrebbe di coraggio e di esempi a non avere paura. Coraggio virile contro paura virale Leggi il seguito…

    • È magistero o no? Il groviglio del linguaggio sinodale

      di Stefano Fontana. Che rapporto c'è tra l'esortazione "Querida Amazonia" e il Documento dei padri sinodali? Ci è stato detto che la prima è magistero e il secondo no. Ma la prima chiede di applicare il secondo, quindi di renderlo vincolante. Il credente non può credere in qualcosa se non sa in cosa consista questo qualcosa. Eppure il nuovo quadro inquieta molto perché nell'incertezza fluida si inserisce di tutto. Leggi il seguito…

    • Caro Salvini, ci dispiace, ma sull’aborto si sbaglia

      di Benedetta Frigerio. Le parole del leader leghista sull'aborto come contraccezione hanno scatenato l'ira della Sinistra sebbene siano deboli: se la donna, come sostiene, ha diritto di scegliere, non si vede perché in alcuni casi non possa farlo. Non si comprende il perché di questa ambiguità ma se il problema è l'elettorato basta guardare a Trump. Se si vuole difendere la fede del Paese non si può farlo senza la ragione e la verità. Come ricorda la Madonna, che lui ama citare. Leggi il seguito…

    • Come l’Arizona sfida la dittatura del politicamente corretto nei college

      di Eugenio Capozzi. In Arizona il deputato repubblicano Anthony Kern ha appena presentato un progetto di legge che istituirebbe, in ogni università dello Stato, un “Office of public policy events” con il compito di assicurare il pluralismo e la libera espressione di opinioni differenti negli eventi di rilevanza politica organizzati dall’ateneo. Leggi il seguito…