Cosa è successo al Sinodo? L’informazione (Sussidiario e Ansa i peggiori)

magister

 

Al Sinodo non si è deciso nulla sulla comunione ai divorziati risposati. Lo dice bene e chiaramente il vaticanista Sandro Magister.

Il Sussidiario, che abbiamo visto esprimersi a favore dei matrimoni gay, se decisi dalla maggioranza, titola invece così:

sussidiario

Che significa: “passa con un voto il sì ai divorziati”? Nulla: una frase più sciocca e maldestra, era difficile trovarla. Purtroppo l’idea che molti lettori de il Sussidiario percepiranno è che il divorzio, da oggi, va bene.

 

Assolutamente falsa l’Ansa:

ansa

Famiglia cristiana vince il premio banalità: ci spiega che i divorziati risposati non sono

scomunicati. Chi mai lo aveva sostenuto negli ultimi due millenni?

famiglia cristiana

 

Una considerazione finale: a leggere i giornali, quelli cattolici compresi, sembra di aver capito che il Sinodo si è occupato solo di divorzio. Forse è così, in effetti. Di impegni per: aiutare i fidanzati di oggi a costruire le famiglie di domani non sembra si sia detto molto; dell’impegno ad aiutare le famiglie in crisi di oggi, a sfuggire dalla separazione, neppure. Il dibattito lo hanno indirizzato, sin dall’inizio, Kasper e compagnia. Ponendolo su un binario morto.

 

Resta tanta confusione, e l’impressione che in tanti vogliano far passare un’idea: la Chiesa di oggi è quella della tenerezza (copyright Avvenire), e quindi la Chiesa di ieri (da Pietro a Pio XII; passando per Paolo VI, Giovanni Paolo II e  Bendetto XVI) invece era la Chiesa della durezza; dei legulei; di coloro che proclamano i principi, per condannare gli altri, per sentirsi migliori…

Grande confusione, è ciò che resta con certezza. Sul resto, si vedrà.

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • “Ridurre gli stipendi ai Parlamentari? Si, sulla base del loro reddito precedente!”. Parla Giovanardi

      di Giuseppe Leonelli. “La proposta dei 5 Stelle Di Maio e Crimi di dimezzare lo stipendio dei parlamentari per tutta la durata della legislatura è un segnale forte al Paese che va però equamente emendato”. A parlare è l’ex Ministro dei Rapporti con il Parlamento Carlo Giovanardi. Leggi il seguito…

    • Orban, la Costituzione ungherese e la dittatura dell’ignoranza

      di Bilbo Baggins. Forte della straordinaria autorevolezza politica e morale che le deriva dalla splendida, solidale, lungimirante ed empatica gestione della crisi pandemica in atto, l’Unione europea mette sotto osservazione il disegno di legge con il quale il premier ungherese Orban propone al Parlamento ungherese l’approvazione dello stato di emergenza, ai sensi dell’art. 53 della vigente costituzione. Leggi il seguito…

    • In guerra i governi si cambiano

      Questa emergenza si combatte su tre fronti. Due assai più visibili: quello sanitario e quello economico. L’altro più mimetizzato: quello istituzionale. Chi conosce la storia, però, sa che quest’ultimo non va né sottovalutato né perso di vista. Alla fine ti presenta il conto e se non lo si presidia a dovere è su quella trincea che si determinano le perdite più gravi in termini di democrazia e soprattutto di legalità. Leggi il seguito…

    • Globalizzazione, un magistero da ripensare

      di Stefano Fontana. Quanto sta accadendo a causa del coronavirus costringe a ripensare il tema della gflobalizzazione, anche per quel che riguarda il magistero. Se Giovanni Paolo II e Benedetto XVi erano prudenti, l'attuale pontefice si è molto lanciato nel globalismo. Ma il prossimo dovrà rivedere tutto il dossier. Ecco come. Leggi il seguito…