Ancora Vatican Insider: come Giacomo Galeazzi sistema 4 cardinali

giacomo-galeazzi-237188

Vorrei agganciarmi agli articoli usciti su questo blog sulla disinformazione al Sinodo per aggiungere un ulteriore tassello alla comprensione della macchina propagandistica che si è scatenata durante quest’anno, all’interno del mondo cattolico. Ho già avuto modo di soffermarsi sul “vaticanista di successo”, Andrea Tornielli e su Gianni Valente, anch’egli di Vatican Insider.

Nell’intento di capire qualcosa di quanto deciso nel bellissimo e fraterno sinodo di questo periodo (fraterno, dicono le fonti ufficiali, perchè con fraternissime legnate!) mi sono imbattuto nei post di Giacomo Galeazzi, vaticanista, manco a dirlo, di Vatican insider, ed autore di un libro, insieme al Tornielli, su economia e papa Francesco.

galeazzi

Sono sempre stupito dall’eleganza dei sostenitori della “misericordia” e , appunto, della fraternità sinodale: 4 cardinali, tutti ai vertici del Vaticano, due scelti personalmente da Benedetto XVI (Muller e Piacenza), due da papa Francesco (Pell e Sarah) sono definiti “reazionari“, vengono derisi

pubblicamente e si cerca di presentarli come dei lobbisti, dei marci corrotti legati a chissà quale losco “potere” (quando evidentemente non lo sono affatto, tanto più che a Pell, colui che ha scritto la lettera, il “potere” lo ha dato il papa stesso).

Quanto alla Chiesa in generale, il cattolico Galeazzi la sistema così: “Francesco è l’ultima chiamata poi in Vaticano possono farci un parco a tema come disneyland

 

galeazzi 2galeazzi 4

 

 

E infine la solita menzogna che abbiamo sentito ripetere in questi giorni infinite volte dai kasperiani: gli “altri”, i non kasperiani, sarebbero ricorsi nientemeno che al “terrorismo”, alle “bombe” agli “agguati”….E userebbero il nome di Dio come i tagliagole. A parte il livello infimo della polemica, viene da chiedersi: quali bombe?

L’outing del monsignore gay, costruito quello sì ad arte, può venire affiancato, implicitamente, ad una lettera, firmata, per nulla irrispettosa,  di 9 cardinali conservatori al papa? Con che coraggio? Quale nesso tra due cose così diverse, per ideali, contenuti, modi?

E la notizia del presunto tumore del papa, molto probabilmente frutto di illazioni giornalistiche che non sono mai mancate, neppure con i precedenti papi, è forse attribuibile ai sopra citati Sarah ecc? Galeazzi sa benissimo che non lo è… ma lo vuole forse far credere? Fingendo di non sapere che a svelare per primo l’esistenza della lettera, è stato il suo coordinatore Tornielli? Galeazzi non ha mai conosciuto, visto il mestiere che fa, dei giornalisti ciarlatani che inventano notizie per farsi vedere? Crede davvero che un quotidiano tradizionalmente non certo cattolico conservatore, abbia interesse ad attaccare il papa, per boicottare la fazione kasperiana?

Lasciar intendere tutto ciò è vergognoso, fazioso e per nulla professionale. E serve ad occultare l’unica grande notiza che giornalisti seri avrebbero dovuto valorizzare: quella, mai smentita da alcuno, ribadita recentemente, di fronte a padre Lombardi, dal cardinal Napier,  secondo cui la Relatio del 2014 era stata scritta da mons. Forte e da altri, senza che rispecchiasse per nulla il parere dei padri!!

Ps il post di Galeazzi è così intriso di menzogne, che ad un certo punto si può leggere che i 4 cardinali citati, avrebbero potere, “ma non possono vantare un altrettanto grosso consenso“. Non è così: il 22 ottobre i padri sinodali hanno votato il nuovo consiglio sinodale: il più votato è stato l’ultra anti kasperiano Chaput; votatissimi anche Pell, Sarah e colui che ha svelato il tentato golpe del 2014, Napier (http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2015/10/24/pell-napier-sarah-chaput%E2%80%A6-i-dodici-eletti-al-nuovo-consiglio-sinodale/)

 

P.p.s:: altri post del Galeazzi:

galeazzi bis

Chi non ha votato come vuole lui, è un “cristianista senza Cristo” ecc; oppure l’autore di “trame vigliacche” :

 

galeazzi 3

 

Questa è l’ora, come direbbe Gaber, del potere dei più buoni:

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Gli hacker fantasma, a scuola tutti promossi, reclusione a oltranza. Ma #andràtuttobene. Forse

      Avevamo capito da un bel pezzo che una delle urgenze, quando questa storia finirà, sarà quella di riconvertire le terapie intensive in cliniche psichiatriche (oltreché in gastroenterologia). La nuova certezza è che una quota di posti letto andrà assegnata (coattamente) a buona parte della classe dirigente che sta guidando la povera Italia in mezzo a questa tempesta. Per andare dove, non s’è capito. Anche se qualche sospetto iniziamo ad avercelo. Limitiamoci al bollettino quotidiano. Leggi il seguito…

    • Ora le parole maschio, femmina, vita e ventilazione forzata non ci fanno più schifo?

      di Assuntina Morresi. Ormai ne siamo consapevoli tutti, lo leggiamo ovunque: quando questa emergenza sarà sconfitta niente sarà più come prima. Si, certo, i bambini torneranno a scuola e i giovani nelle università, tanti riprenderanno a lavorare, ci sarà chi si innamora, chi si sposa e chi si lascia, soprattutto tanti piangeranno chi non c’è più e tutti ricorderanno le terribili morti in solitudine: ma, come succede dopo ogni guerra, tutto cambierà. E la full immersion di autocoscienza nelle pagine dei giornali, nelle trasmissioni televisive, nelle nostre conversazioni via telefono, chat e video, letteralmente impregnate dal Covid-19, altro non sono che il tentativo, perso in partenza, di circoscrivere e possedere l’ignoto, quella indecifrabile palla grigia con le eleganti punte rosse coronate, un mix fra una presenza aliena e una decorazione natalizia che ha sconvolto il mondo. Leggi il seguito…

    • Conte e l’Europa, tra vanità e vanagloria

      di Claudio Togna. Diavolo di un Giuseppi. Il furbo avvocato pugliese, con i voti determinanti per l’elezione della Von Der Leyen a presidente della Commissione Europea, e con l’adesione sottobanco al fondo salvastati nella versione Troika e alla politica economica e sull’immigrazione dettata dal pauperismo terzomondista di Papa Francesco, si vedeva già in “transizione di fase” da Zeno Cosini della politica italiana a statista di rango internazionale. Anzi mondiale (ultimamente sembra si paragoni, forse per difetto, a Churchill). E gli stava quasi andando bene: tant’è che aveva già annunciato la sua permanenza, a nostre spese, in politica. Leggi il seguito…

    • Tornano col virus gli scemi di guerra

      di Marcello Veneziani. Pensavo che l’incubo in cui siamo finiti da un mese ci concedesse almeno una tregua dai focolai di livore, cecità ideologica e faziosità che abitualmente accompagnano la nostra vita normale. Speravo che la solidarietà comunitaria richiesta in momenti come questi, la carità di patria, l’interesse superiore della salvezza collettiva, lasciasse indietro ogni sussulto di falsificazione vistosa della realtà e distorsione clamorosa della verità. E invece l’idiozia militante non si è presa una pausa neanche col contagio, i morti e le restrizioni. Leggi il seguito…