Ancora Vatican Insider: come Giacomo Galeazzi sistema 4 cardinali

giacomo-galeazzi-237188

Vorrei agganciarmi agli articoli usciti su questo blog sulla disinformazione al Sinodo per aggiungere un ulteriore tassello alla comprensione della macchina propagandistica che si è scatenata durante quest’anno, all’interno del mondo cattolico. Ho già avuto modo di soffermarsi sul “vaticanista di successo”, Andrea Tornielli e su Gianni Valente, anch’egli di Vatican Insider.

Nell’intento di capire qualcosa di quanto deciso nel bellissimo e fraterno sinodo di questo periodo (fraterno, dicono le fonti ufficiali, perchè con fraternissime legnate!) mi sono imbattuto nei post di Giacomo Galeazzi, vaticanista, manco a dirlo, di Vatican insider, ed autore di un libro, insieme al Tornielli, su economia e papa Francesco.

galeazzi

Sono sempre stupito dall’eleganza dei sostenitori della “misericordia” e , appunto, della fraternità sinodale: 4 cardinali, tutti ai vertici del Vaticano, due scelti personalmente da Benedetto XVI (Muller e Piacenza), due da papa Francesco (Pell e Sarah) sono definiti “reazionari“, vengono derisi

pubblicamente e si cerca di presentarli come dei lobbisti, dei marci corrotti legati a chissà quale losco “potere” (quando evidentemente non lo sono affatto, tanto più che a Pell, colui che ha scritto la lettera, il “potere” lo ha dato il papa stesso).

Quanto alla Chiesa in generale, il cattolico Galeazzi la sistema così: “Francesco è l’ultima chiamata poi in Vaticano possono farci un parco a tema come disneyland

 

galeazzi 2galeazzi 4

 

 

E infine la solita menzogna che abbiamo sentito ripetere in questi giorni infinite volte dai kasperiani: gli “altri”, i non kasperiani, sarebbero ricorsi nientemeno che al “terrorismo”, alle “bombe” agli “agguati”….E userebbero il nome di Dio come i tagliagole. A parte il livello infimo della polemica, viene da chiedersi: quali bombe?

L’outing del monsignore gay, costruito quello sì ad arte, può venire affiancato, implicitamente, ad una lettera, firmata, per nulla irrispettosa,  di 9 cardinali conservatori al papa? Con che coraggio? Quale nesso tra due cose così diverse, per ideali, contenuti, modi?

E la notizia del presunto tumore del papa, molto probabilmente frutto di illazioni giornalistiche che non sono mai mancate, neppure con i precedenti papi, è forse attribuibile ai sopra citati Sarah ecc? Galeazzi sa benissimo che non lo è… ma lo vuole forse far credere? Fingendo di non sapere che a svelare per primo l’esistenza della lettera, è stato il suo coordinatore Tornielli? Galeazzi non ha mai conosciuto, visto il mestiere che fa, dei giornalisti ciarlatani che inventano notizie per farsi vedere? Crede davvero che un quotidiano tradizionalmente non certo cattolico conservatore, abbia interesse ad attaccare il papa, per boicottare la fazione kasperiana?

Lasciar intendere tutto ciò è vergognoso, fazioso e per nulla professionale. E serve ad occultare l’unica grande notiza che giornalisti seri avrebbero dovuto valorizzare: quella, mai smentita da alcuno, ribadita recentemente, di fronte a padre Lombardi, dal cardinal Napier,  secondo cui la Relatio del 2014 era stata scritta da mons. Forte e da altri, senza che rispecchiasse per nulla il parere dei padri!!

Ps il post di Galeazzi è così intriso di menzogne, che ad un certo punto si può leggere che i 4 cardinali citati, avrebbero potere, “ma non possono vantare un altrettanto grosso consenso“. Non è così: il 22 ottobre i padri sinodali hanno votato il nuovo consiglio sinodale: il più votato è stato l’ultra anti kasperiano Chaput; votatissimi anche Pell, Sarah e colui che ha svelato il tentato golpe del 2014, Napier (http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2015/10/24/pell-napier-sarah-chaput%E2%80%A6-i-dodici-eletti-al-nuovo-consiglio-sinodale/)

 

P.p.s:: altri post del Galeazzi:

galeazzi bis

Chi non ha votato come vuole lui, è un “cristianista senza Cristo” ecc; oppure l’autore di “trame vigliacche” :

 

galeazzi 3

 

Questa è l’ora, come direbbe Gaber, del potere dei più buoni:

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Giuseppe Toniolo sulle dottrine socialistiche: antichità e medioevo

      di Silvio Brachetta. Thomas Stark, docente di filosofia all’Università di St. Pölten in Austria, ha dichiarato che «il socialismo non è qualcosa che si è appena verificato nel XVIII e XIX secolo, come molti credono», ma «è una tentazione costante, un problema costante nella storia umana»[1]. La tesi è ripresa da un lavoro[2] di Igor’ Šafarevič, matematico e dissidente russo. In realtà, assieme ad altri[3], ne aveva già trattato Giuseppe Toniolo, molti anni prima, in un suo breve studio sul socialismo[4]. La sua tesi è semplice: lo spirito del socialismo pervade tutta la storia, come «patologia sociale», che si contrappone all’«ordine sociale», naturale e cristiano[5]. Leggi il seguito…

    • Il disagio di dirsi italiani

      di Marcello Veneziani. Confesso che mi trovo a disagio a vivere in questa fase nel nostro Paese, che esito a chiamare Italia; mi vergogno nel vedere questo spettacolo di saltimbanchi e di cialtroni vendicativi e giustificarlo col suo rovescio, che è finita l’epoca dell’odio e della cattiveria, ora arrivano i buoni e l’umanità. Confesso che mi vergogno da italiano nel vedermi rappresentato all’estero da un avvocato saltafossi, venuto dal vaffanculismo e approdato al paraculismo, premier nel vaniloquio e nelle citazioni farlocche per far capire in mezzo a tanti ignoranti che lui ha studiato; e cita ovvietà sconcertanti, del tipo “Hannah Arendt dice che in politica esistono i pregiudizi”. La banalità del tale… Leggi il seguito…

    • Ora la politica torni ad essere “di parola”!

      di Carlo Mascio. Ecco, ora più che mai, a bocce quasi ferme, una riflessione dovrebbe sorgere spontanea: in politica che fine ha fatto il “potere della parola”? E si, perché praticamente tutti, ma proprio tutti, in questa pazza crisi agostana hanno dovuto rimangiarsi parole o dichiarazioni pronunciate su questo o quel partito o su questa o quella persona. Ma la missione della politica richiede una precondizione necessaria da rispettare: garantire una coerenza tra ciò che si promette e ciò che si realizza. La fiducia (e dunque il consenso) fiorisce solo (e bene) in questo processo: coerenza tra parole e fatti. Tutto questo perché le parole hanno un valore e, quando vengono pronunciate, producono sempre un effetto e molte volte questo effetto è la fiducia da parte di chi ascolta. Ecco perché a chi fa politica sono richieste, a maggior ragione, chiarezza e sincerità, fino in fondo. Leggi il seguito…

    • Così PD e M5S preparano la svolta sulla cannabis

      di Giulio Sibona. Ora che la maggioranza di Governo comprende tutta l’ala sinistra del parlamento: 5 stelle, PD e LeU, si è ritrovata nuova unità di intenti sulla liberalizzazione del consumo delle droghe, a partire dalla cannabis, e sbocciano letteralmente nuove proposte, nove. Per la coalizione di sinistra in effetti è sempre stato un mantra la legalizzazione di tutta la catena dalla produzione al consumo personale, l’aggiunta del M5S lungi dal creare scompiglio, aumenta le possibilità e ci illumina sulla loro reale essenza Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.