Come si potrà tornare indietro?

ideologia-gender_convegno_romaTutta la logica, perversa s’intende, della gender invasion si fonda su alcuni principi di base: l’avanzata subdola per piccoli passi, testando ogni volta la reazione dell’opinione pubblica prima di proporre un nuovo passo in avanti verso il degrado antropologico (secondo il principio della rana bollita, come Noam Chomsky ha ben spiegato), la negazione pervicace dell’evidenza, fino a sconfinare nella psicosi, l’utilizzo di un linguaggio ambiguo e fumoso ma ad alto impatto emotivo, la leva sui sentimenti di giustizia pietà della popolazione (costantemente indirizzati e guidati dove si vuole, non dove effettivamente andrebbero riversati), il bisogno inconscio di giustificare il male per sentirsi giustificati del proprio e, non da ultimo, il mettere tutta la società di fronte a degli stati di fatto dai quali è poi molto complicato trovare facili vie d’uscita.

Penso al Ddl Cirinnà sulle unioni civili, che di fatto le equipara al matrimonio e apre la strada alle adozioni da parte di persone dello stesso sesso.

Si tratta evidentemente di uno stravolgimento antropologico senza precedenti, fondato su un’ideologia profondamente anti umana, la cui gravità è per lo più taciuta sotto la costante minaccia dell’accusa di omofobia per chi osa protestare e mettere in evidenza la contraddizione logica (è assurdo pretendere trattare realtà diverse come se fossero uguali) e l’ingiustizia sotto il profilo etico (nella pretesa di rendere dei bambini volontariamente orfani di madre o di padre, solo per accontentare il desiderio di alcuni adulti facoltosi).

A questa pretesa inaudita e inammissibile si aggiunge però, in prospettiva, l’impossibilità di fare marcia indietro.

Ogni legge, in quanto tale, prevede la possibilità di una correzione, di una revisione, anche radicale, fino all’abrogazione o all’annullamento.

L’abrogazione è l’istituto giuridico mediante il quale il legislatore determina la cessazione ex nunc (non retroattiva) dell’efficacia di una norma giuridica. L’annullamento priva invece retroattivamente di efficacia una norma.

Ma una legge di questo tipo si presenta come difficilmente soggetta all’abrogazione o all’annullamento.

Posto che si riconosca prima o poi l’ingiustizia di una norma come quella che in Parlamento si accingono a votare, come si potrà fare marcia indietro? Ammesso che si prenda coscienza del danno inflitto al minore, come si potrà riparare? Togliendo il bambino alla coppia e sottoponendolo ad un ulteriore trauma? Lasciandolo lì dov’è nonostante si sia acclarato che si tratta di un’ingiustizia che lo pone in una situazione dannosa, che lede i diritti del bambino (art. 7 della Dichiarazione universale dei diritti del bambino), oltre la sua dignità?

Tutto è quindi progettato per metterci di fronte ad uno stato di fatto da quale non si potrà uscire, se non ad un prezzo altissimo. E, come sempre, saranno i bambini a pagarlo. In ogni caso.

Pensiamoci: come si potrà tornare indietro?

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria e famiglia: insieme stanno, insieme cadono

      di Chiara Mantovani. XI Rapporto Van Thuân, il saggio del prof. Mauro Ronco L’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a “Popoli, nazioni, patrie: tra natura e artificio politico” (Cantagalli, Siena 2020). Tra i saggi che lo compongono spicca il corposo studio del Prof. Mauro Ronco dal titolo: “La patria italiana nel nuovo millennio”, che qui viene recensito. Leggi il seguito…

    • Omofobia, la battaglia perdente dei cattolici

      di Stefano Fontana. Con la legge Zan sacerdoti e catechisti rischiano la galera, ma sacerdoti e catechisti si saranno chiusi la bocca da soli ben prima che la legge Zan gliela chiuda. Col senso di colpa di essere indietro di 200 anni, la Chiesa cerca di guadagnare il terreno perduto e limita la propria libertà prima che lo Stato gliela limiti. La lotta alla legge Zan basata sulla libertà di espressione deve fondarsi sulla verità e il bene e sul fatto che ci sono dei mali che l’autorità politica può al massimo tollerare a determinate condizioni ma mai approvare come forme di bene pubblico.   Leggi il seguito…

    • Da “assembramento” a risposta di governo, il percorso del centrodestra per non morire

      di Carlo Mascio. Il centrodestra è tornato in piazza. Unito. È questa di per sé è già una notizia. Dopo mesi di tentennamenti e silenzi sulle strategie anti Covid messe in atto dalla macchina orwelliana del governo Conte e dopo continue divisioni sul piano di aiuti economici per la ripresa post pandemia, ora i leader del centrodestra tornano a battere un colpo. Leggi il seguito…

    • Scuola, così il Governo crea una generazione di bimbi-robot

      di Giuseppe Leonelli. La questione economica è enorme, ma ancora più grave appaiono le modalità fuori dalla realtà con cui si è pensato di affrontare il problema. Il tema è la riapertura delle scuole a settembre e, in particolare, le regole annunciate due giorni fa dalla ministro Azzolina, annuncio frutto di un copia e incolla pedissequo – come sempre è avvenuto in questi mesi – di quanto suggerito dal famoso Comitato tecnico-scientifico del Ministero della Salute. Leggi il seguito…