Danneels, Baldovino, l’aborto

daneelsdi Marco Tosatti

Due uomini politici belgi hanno dichiarato che il cardinale Gottfried Danneels cercò di convincere re Baldovino a firmare la legge sull’aborto in Belgio nel 1990. 

I due uomini politici sono Philippe Moreau (del Partito Socialista) e Mark Eyskens (CVP, il Partito Cristiano Democratico Fiammingo). La dichiarazione è stata fatta in un documentario della Flemish Broadcasting Corporation VTM il 6 aprile, ed è stato rilanciato dal sito statunitense “Rorate Coeli” . Secondo la VTM il cardinale Danneels non ha voluto commentare le dichiarazioni dei politici. Nel 1990 i 14 membri del governo belga, una coalizione guidata dal CVP, approvarono una legge sull’aborto giudicata molto permissiva. Re Baldovino rifiutò di firmarla, si dimise per qualche giorno; la reggenza fu assunta dal governo, e dopo la firma della legge il re tornò sul trono.

Danneels, che è stato coinvolto in polemiche legate alla sua presunta “copertura” di casi di pedofilia (alcuni giornali nel 2005 volevano che per questo motivo non partecipasse al Conclave) è stato nominato da papa Francesco al Sinodo per la Famiglia del 2014. Rorate Coeli sostiene che la sua influenza nella Chiesa è molto grande e che viene a Roma molto più spesso di quando era arcivescovo di Meichlin-Bruxelles. Anche perché – sostiene il sito americano – vuole portare avanti un paio di candidati per la successione di mons. Leonard a Bruxelles.

fonte: San Pietro e dintorni

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Dopo elezioni, per i cattolici una strada dal basso

      di Stefano Fontana. Anche dopo le elezioni in Emilia Romagna, molti cattolici-che-intendono-distinguersi-dai-cattolici-democratici si chiedono cosa fare. Bisogna essere realisticamente scettici verso la politica da cui non è mai lecito attendersi troppo rispetto al poco che sa dare. Però non si può nemmeno abbandonarla a se stessa, dato che molti aspetti importanti della vita comunitaria passano ancora da lì, nonostante i limiti dei suoi protagonisti. Per tentare una risposta al “che fare?” bisogna da un lato dare una valutazione della recente vicenda elettorale emiliano-romagnola e dall’altro tornare ai fondamenti. Proviamo a farlo. Leggi il seguito…

    • Il naturalismo politico e la crisi del diritto in Matteo Liberatore

      di Silvio Brachetta. Questo ampio intervento di Silvio Brachetta si aggiunge a quelli di Stefano Fontana [leggi qui]e di Riccardo Zenobi [leggi qui], già pubblicati nel nostro sito. Continua così la nostra riflessione sulle conseguenze, anche attuali, del naturalismo politico. Leggi il seguito…

    • Il Pd è sempre più marginale e localistico, ma la destra ha bisogno di una nuova spinta liberale

      di Eugenio Capozzi. Per interpretare correttamente il significato delle elezioni regionali in Emilia-Romagna e in Calabria occorre subito sgombrare il campo da due letture assolutamente fuorvianti: dalla tesi, cioè, secondo cui il risultato  emiliano-romagnolo rappresenti una vittoria del Partito democratico, e da quella secondo cui esso sia una sconfitta personale di Salvini. Leggi il seguito…

    • Il Sistema ha retto ma l’Emilia Romagna ormai è “rosa”

      di Giuseppe Leonelli. La grande sfida in Emilia Romagna finisce con una vittoria inequivocabile e personale per Stefano Bonaccini. Perché degli otto punti di distacco che segnano il suo trionfo, con il 51,41%, sulla candidata di centrodestra Lucia Borgonzoni (ferma al 43,65%), ben 5 sono dovuti al suo valore aggiunto, dato sia dal voto disgiunto sia dai voti dati direttamente al governatore uscente. Leggi il seguito…