Danneels, Baldovino, l’aborto

daneelsdi Marco Tosatti

Due uomini politici belgi hanno dichiarato che il cardinale Gottfried Danneels cercò di convincere re Baldovino a firmare la legge sull’aborto in Belgio nel 1990. 

I due uomini politici sono Philippe Moreau (del Partito Socialista) e Mark Eyskens (CVP, il Partito Cristiano Democratico Fiammingo). La dichiarazione è stata fatta in un documentario della Flemish Broadcasting Corporation VTM il 6 aprile, ed è stato rilanciato dal sito statunitense “Rorate Coeli” . Secondo la VTM il cardinale Danneels non ha voluto commentare le dichiarazioni dei politici. Nel 1990 i 14 membri del governo belga, una coalizione guidata dal CVP, approvarono una legge sull’aborto giudicata molto permissiva. Re Baldovino rifiutò di firmarla, si dimise per qualche giorno; la reggenza fu assunta dal governo, e dopo la firma della legge il re tornò sul trono.

Danneels, che è stato coinvolto in polemiche legate alla sua presunta “copertura” di casi di pedofilia (alcuni giornali nel 2005 volevano che per questo motivo non partecipasse al Conclave) è stato nominato da papa Francesco al Sinodo per la Famiglia del 2014. Rorate Coeli sostiene che la sua influenza nella Chiesa è molto grande e che viene a Roma molto più spesso di quando era arcivescovo di Meichlin-Bruxelles. Anche perché – sostiene il sito americano – vuole portare avanti un paio di candidati per la successione di mons. Leonard a Bruxelles.

fonte: San Pietro e dintorni

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • “Ridurre gli stipendi ai Parlamentari? Si, sulla base del loro reddito precedente!”. Parla Giovanardi

      di Giuseppe Leonelli. “La proposta dei 5 Stelle Di Maio e Crimi di dimezzare lo stipendio dei parlamentari per tutta la durata della legislatura è un segnale forte al Paese che va però equamente emendato”. A parlare è l’ex Ministro dei Rapporti con il Parlamento Carlo Giovanardi. Leggi il seguito…

    • Orban, la Costituzione ungherese e la dittatura dell’ignoranza

      di Bilbo Baggins. Forte della straordinaria autorevolezza politica e morale che le deriva dalla splendida, solidale, lungimirante ed empatica gestione della crisi pandemica in atto, l’Unione europea mette sotto osservazione il disegno di legge con il quale il premier ungherese Orban propone al Parlamento ungherese l’approvazione dello stato di emergenza, ai sensi dell’art. 53 della vigente costituzione. Leggi il seguito…

    • In guerra i governi si cambiano

      Questa emergenza si combatte su tre fronti. Due assai più visibili: quello sanitario e quello economico. L’altro più mimetizzato: quello istituzionale. Chi conosce la storia, però, sa che quest’ultimo non va né sottovalutato né perso di vista. Alla fine ti presenta il conto e se non lo si presidia a dovere è su quella trincea che si determinano le perdite più gravi in termini di democrazia e soprattutto di legalità. Leggi il seguito…

    • Globalizzazione, un magistero da ripensare

      di Stefano Fontana. Quanto sta accadendo a causa del coronavirus costringe a ripensare il tema della gflobalizzazione, anche per quel che riguarda il magistero. Se Giovanni Paolo II e Benedetto XVi erano prudenti, l'attuale pontefice si è molto lanciato nel globalismo. Ma il prossimo dovrà rivedere tutto il dossier. Ecco come. Leggi il seguito…