Buenos Aires, FSSPX di diritto diocesano

lefevbredi Andrea Tornielli

Il ramo argentino della Fraternità San Pio X, che ha il suo seminario a La Reja, a quaranta chilometri dalla capitale Buenos Aires, ha ottenuto il riconoscimento da parte del governo come «associazione di diritto diocesano». Un riconoscimento avvenuto grazie al cardinale Mario Aurelio Poli, successore di Jorge Mario Bergoglio alla guida della diocesi di Buenos Aires.

Qui si può leggere la notizia, mentre qui è riportato il testo del decreto.

In pratica, nel Bollettino ufficiale della Repubblica Argentina, si riporta che su sollecitazione del cardinale Poli, lo Stato concede il riconoscimento di associazione di diritto diocesano alla «Fraternità degli Apostoli di Gesù Maria» (Fraternità sacerdotale S. Pio X) e si riconosce che questa associazione viene accreditata come persona giuridica pubblica nella Chiesa cattolica, in conformità con le norme del Codice di diritto canonico.

L’arcivescovo Poli aveva chiesto al ministero competente che la «Fraternità degli apostoli di Gesù e Maria» (che secondo i propri statuti approvati è una società di vita comune senza voti) sia considerata, fino a trovare il definitivo quadro giuridico nella Chiesa universale, come un’associazione di diritto diocesano, disciplinata dal canone 298 del Codice di diritto canonico. La richiesta del cardinale ha permesso la scrittura nel registro del sistema per le persone giuridiche riconosciute dall’autorità ecclesiastica, con sede in via Venezuela n. 1318 di Buenos Aires. Non è un mistero che già l’allora cardinale Bergoglio avesse cercato di aiutare in questo modo la Fraternità San Pio X. Ora lo fa il suo successore ed è difficile immaginare che egli abbia preso questa decisione senza che Francesco ne fosse messo a conoscenza.

La Chiesa cattolica in Argentina ha uno statuto unico e particolare, è persona giuridica di diritto pubblico, con uno status distinto da qualsiasi altra associazione nel Paese. E secondo la costituzione, lo Stato ha l’obbligo di sostenere il culto cattolico. Le altre religioni non hanno lo stesso status. È evidente che l’iniziativa del cardinale Poli rappresenta un significativo aiuto alla Fraternità S. Pio X, che ora sarà agevolata nella sua esistenza concreta.

Vatican Insider ha chiesto un commento al vescovo Guido Pozzo, segretario della Pontificia commissione «Ecclesia Dei», che si occupa del dialogo con la Fraternità. «Sono contento che in Argentina si sia potuta trovare questa soluzione, che, va precisato, non coinvolge la Santa Sede. Non si tratta di un riconoscimento giuridico della San Pio X come società clericale, rimane aperta la questione della legittimità dell’esercizio del ministero sacerdotale dei loro preti. Ma certamente è un ulteriore segno di benevolenza nei confronti di questa realtà da parte della Chiesa cattolica»

«Con la sua decisione – continua Pozzo – l’ordinario di Buenos Aires riconosce che i membri della Fraternità sono cattolici, anche se non ancora nella piena comunione con Roma. Noi continuiamo a lavorare perché si arrivi alla piena comunione e all’inquadramento giuridico della Fraternità nella Chiesa cattolica».

fonte: VaticanInsider.lastampa

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Per non fermarsi col rosso passano col verde

      di Marcello Veneziani. Dopo le Sardine verranno le Zucchine. La sinistra cerca un nuovo travestimento per le competizioni elettorali e si converte alla Verdura perché tira, dopo il Covid, Greta e l’amazzonico Bergoglio. Ma il tema verde è molto più serio e profondo di un travestimento elettorale o di una battaglia anti-Trump; e non appartiene certo a una cultura progressista e mao-capitalista. Ma va praticato con realismo, con amore della natura e delle sue leggi, in armonia e non in conflitto con la civiltà e con l’umanesimo. E ricordate: l’amore per la natura è incompatibile con chi vuole modificare geneticamente la natura umana Leggi il seguito…

    • Favori al Pd e migranti usati: la Caritas pelosa di Bergamo

      di Andrea Zambrano. Accuse pesantissime di business sui clandestini: dall'associazione a delinquere allo sfruttamento del lavoro, ma per i sacerdoti e le coop sociali indagati nell'inchiesta della Procura sul Sistema Bergamo cala il silenzio: della Diocesi, di Avvenire e dei giornali d'area cattolica. Eppure, al di là dell'aspetto giudiziario, emerge una connivenza di potere e rapporti tra Pd e Chiesa che getta più di un sospetto sui fini dell'operazione accoglienza, certificata dall'impennata nei bilanci sociali della coop fiore all'occhiello: dai richiedenti asilo sfruttati per il volantinaggio del Pd alle spese gonfiate che la Procura ritiene una truffa dei rimborsi. I protagonisti di un'inchiesta che fa tremare il cuore della cattolica Bergamo, ormai passata a Sinistra. Leggi il seguito…

    • La vera pandemia si chiama “globalizzazione”

      di Corrado Ocone. Fra i tanti libri che stanno uscendo dopo la pandemia, quello di Francesco Borgonovo è sicuramente uno dei più suggestivi (La malattia del mondo. In cerca della cura per il nostro tempo, UTET) Si tratta di una riflessione a tutto campo sullo stato attuale del mondo, i cui tratti essenziali il virus ha confermato e anzi reso ancora più chiari e accelerato. L’acqua è l’elemento attorno a cui Borgonovo fa girare un po’ tutta la narrazione: essa indica fluidità, instabilità, precarietà, incertezza. È cioè l’elemento dominante nel nostro mondo “malato”, non di coronavirus solamente ma di una malattia più profonda. Questa patologia si chiama globalizzazione, e vive dell’abbattimento di ogni confine o frontiera: fra gli Stati, fra le culture, fra le idee, fra i generi sessuali Leggi il seguito…

    • Cattolici in piazza, conta la verità da difendere

      di Stefano Fontana. Per opporsi al Ddl Zan serve coraggio, come per le manifestazioni Restiamo Liberi. Il cattolico che oggi vuole scendere in piazza contro le leggi disumane che si vanno proponendo deve sapere che lo fa contro la Chiesa ufficiale. Il problema è che la Chiesa non educa più alla verità e sta cambiando la sua teologia morale. Oggi esistono tre morali cattoliche: quella prima di Amoris laetitia, quella di Amoris laetitia, quella dopo Amoris laetitia. La morale cattolica che fa scendere in piazza è quella prima di Amoris laetitia, le altre due non sono più in grado di farlo, anzi considerano un errore morale e pastorale farlo (ma morale e pastorale per la nuova teologia morale sono la stessa cosa). Ciò che un tempo era considerato un obbligo, ora viene considerato un peccato Leggi il seguito…