Buenos Aires, FSSPX di diritto diocesano

lefevbredi Andrea Tornielli

Il ramo argentino della Fraternità San Pio X, che ha il suo seminario a La Reja, a quaranta chilometri dalla capitale Buenos Aires, ha ottenuto il riconoscimento da parte del governo come «associazione di diritto diocesano». Un riconoscimento avvenuto grazie al cardinale Mario Aurelio Poli, successore di Jorge Mario Bergoglio alla guida della diocesi di Buenos Aires.

Qui si può leggere la notizia, mentre qui è riportato il testo del decreto.

In pratica, nel Bollettino ufficiale della Repubblica Argentina, si riporta che su sollecitazione del cardinale Poli, lo Stato concede il riconoscimento di associazione di diritto diocesano alla «Fraternità degli Apostoli di Gesù Maria» (Fraternità sacerdotale S. Pio X) e si riconosce che questa associazione viene accreditata come persona giuridica pubblica nella Chiesa cattolica, in conformità con le norme del Codice di diritto canonico.

L’arcivescovo Poli aveva chiesto al ministero competente che la «Fraternità degli apostoli di Gesù e Maria» (che secondo i propri statuti approvati è una società di vita comune senza voti) sia considerata, fino a trovare il definitivo quadro giuridico nella Chiesa universale, come un’associazione di diritto diocesano, disciplinata dal canone 298 del Codice di diritto canonico. La richiesta del cardinale ha permesso la scrittura nel registro del sistema per le persone giuridiche riconosciute dall’autorità ecclesiastica, con sede in via Venezuela n. 1318 di Buenos Aires. Non è un mistero che già l’allora cardinale Bergoglio avesse cercato di aiutare in questo modo la Fraternità San Pio X. Ora lo fa il suo successore ed è difficile immaginare che egli abbia preso questa decisione senza che Francesco ne fosse messo a conoscenza.

La Chiesa cattolica in Argentina ha uno statuto unico e particolare, è persona giuridica di diritto pubblico, con uno status distinto da qualsiasi altra associazione nel Paese. E secondo la costituzione, lo Stato ha l’obbligo di sostenere il culto cattolico. Le altre religioni non hanno lo stesso status. È evidente che l’iniziativa del cardinale Poli rappresenta un significativo aiuto alla Fraternità S. Pio X, che ora sarà agevolata nella sua esistenza concreta.

Vatican Insider ha chiesto un commento al vescovo Guido Pozzo, segretario della Pontificia commissione «Ecclesia Dei», che si occupa del dialogo con la Fraternità. «Sono contento che in Argentina si sia potuta trovare questa soluzione, che, va precisato, non coinvolge la Santa Sede. Non si tratta di un riconoscimento giuridico della San Pio X come società clericale, rimane aperta la questione della legittimità dell’esercizio del ministero sacerdotale dei loro preti. Ma certamente è un ulteriore segno di benevolenza nei confronti di questa realtà da parte della Chiesa cattolica»

«Con la sua decisione – continua Pozzo – l’ordinario di Buenos Aires riconosce che i membri della Fraternità sono cattolici, anche se non ancora nella piena comunione con Roma. Noi continuiamo a lavorare perché si arrivi alla piena comunione e all’inquadramento giuridico della Fraternità nella Chiesa cattolica».

fonte: VaticanInsider.lastampa

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Uniti, ma fino a un certo punto

      di Marcello Veneziani. Noi europei siamo fragile cosa ma se avessimo vera unità verso l’esterno, anziché pretendere uniformità all’interno, saremmo in grado di esprimere una forte e coesa leadership europea, un esercito comune, una linea strategica unita. Alla fine mi accorgo che i veri europeisti poi sono i sovranisti, quelli che credono cioè alla sovranità europea rispetto al mondo, dopo aver rivendicato all’interno le sovranità nazionali rispetto alle imposizioni eurocratiche; quelli che credono che sia decisivo difendere i confini e la sicurezza, e che sia necessario avere decisori forti. Non puoi misurarti con nessuno al mondo se ti definisci globalista, nemico delle frontiere, pacifista disarmato ad ogni costo Leggi il seguito…

    • Super ex cita Newman: perchè è giusto resistere al papa

      di Marco Tosatti. Il nuovo santo, il cardinal J. H. Newman, ci parla. Prendiamo in mano la sua Lettera al duca di Norfolk. Coscienza e libertà (Paoline), e immaginiamola scritta ai pochi cardinali che oggi si oppongo alla distruzione sistematica della Chiesa, guidata da Bergoglio Leggi il seguito…

    • Benedetto XVI ad Aparecida: una luce per oggi

      di Stefano Fontana. Può essere molto utile, mentre si svolge il sinodo dell’Amazzonia, rileggere il discorso di Benedetto XVI all’inaugurazione della V Conferenza dei vescovi latinoamericani e dei Caraibi ad Aparecida il 13 maggio 2007. La prima cosa che si nota è una visione provvidenziale e cristiana del processo di evangelizzazione di quel continente. “Che cosa ha significato l’accettazione della fede cristiana per i Paesi dell’America Latina e dei Caraibi?” si chiedeva il papa. E rispondeva “Per essi ha significato conoscere e accogliere Cristo … ha significato anche aver ricevuto, con le acque del Battesimo, la vita divina che li ha fatti figli di Dio per adozione; avere ricevuto, inoltre, lo Spirito Santo, che è venuto a fecondare le loro culture, purificandole”. Leggi il seguito…

    • E il Nobel di Greta è volato in Etiopia

      di Giuseppe Leonelli. I bookmaker hanno toppato. Greta Thunberg non ha vinto il premio Nobel per la Pace 2019 che è invece stato assegnato al premier etiope Abiy Ahmed Ali “per i suoi sforzi  – si legge nella motivazione – per raggiungere la pace e la cooperazione internazionale, e in particolare per la sua decisiva iniziativa per risolvere il conflitto di confine con la vicina Eritrea”. E così, dopo avere accusato il leader del pianeta di averle “rubato i sogni e l’infanzia”, Greta si è vista scippare l’importante riconoscimento dal premier etiope. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.