Le rivelazioni di un massone

cover3

Gioele Magaldi è un massone. Condivide con la società segreta di cui fa parte convinzioni esoteriche, un po’ grottesche. Giordano Bruno, per fare un solo esempio, è per lui un simbolo e un maestro. Eppure il suo Massoni (Chiare Lettere), è molto interessante. Proprio perché

viene dall’interno del mondo iniziatico.

Magaldi non usa infingimenti: le massonerie controllano il mondo, o quasi. Hanno le loro divisioni, le loro beghe di potere e ideologiche, ma comandano.

Napolitano, potente presidente uscente, già leader comunista, vi appartiene. Comunista e massone? Si può, evidentemente. Magaldi mette spesso il suo nome insieme a quello di Monti (c’erano dubbi?), di Ciampi e di Draghi. Non serve essere alti rappresentanti della setta, per capirlo. Tra i nomi che compaiono nella “lista dei potenti”, a pag. 448, accanto a quello di Napolitano, ci sono anche quello di Pier Carlo Padoan, attuale ministro dell’economia, affiliato alla “Pan-Europa” (imposto da Napolitano?) e quello del ministro dello sviluppo economico Federica Guidi.

Quanto a Berlusconi, Magaldi conferma la sua appartenenza massonica, ma sostiene che il fratello Silvio è considerato, negli ambienti, “troppo borderline, ingombrante, imbarazzante e individualista”. Di Renzi si sostiene che non sia massone, ma che stia cercando in ogni modo di trovare una super loggia sotto le cui ali rifugiarsi.

Anche Renzi, che pure nel suo governo ha dovuto (?) mettere massoni nei posti chiave, sarebbe un po’ inaffidabile. Troppo narciso, e con una storia personale atipica… Ci vorrebbero esecutori più fidati, al 100 per cento. Chi si ritaglia un angolino di libertà, sembra, a quanto sostiene Magaldi, che non vada del tutto bene.

Vedremo a breve chi la spunterà, per il controllo del Quirinale.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Siamo ancora fermi al ’68

      femministe-non-una-di-meno di Marcello Veneziani. Femministe sul piede di guerra, dichiarazioni d’odio e disprezzo verso le famiglie anzi verso Dio, patria e famiglia, campagne d’odio contro carabinieri e poliziotti, lotte per l’aborto, il sesso libero e la droga legalizzata… porte aperte a tutti, società sconfinata, abbasso i muri e i freni, indulgenti con i trasgressori, intolleranti coi conservatori, accuse di fascismo a chiunque non sia dalla loro parte, anzi, elevazione del fascismo a categoria metastorica, pacifismo libertario, ma a chi non concorda tappiamogli la bocca…Rieccolo, il 68. Non è tornato, non se n’era mai andato, solo che ora esce allo scoperto e si sente nuovo, mentre si avverte che è rancido, inacidito, invecchiato male e andato a male. Leggi il seguito… 

    • È guerra contro la famiglia, vescovi non reclutati

      bassetti di Andrea Zambrano. Quella di Verona si sta delineando come una guerra per distruggere la famiglia. Eppure i vescovi non si rendono conto che una guerra è stata dichiarata. San Giovanni Paolo II disse che "attorno alla famiglia e alla vita si svolge oggi la lotta fondamentale della dignità dell'uomo". E quando c'è una lotta bisogna combattere non auspicare buonismo.  Leggi il seguito… 

    • Tre conversioni non ne fanno una

      vescovi di Stefano Fontana. Da tempo sono apparse all’orizzonte del cattolicesimo tre nuove conversioni. Si tratta della conversione pastorale, della conversione sinodale e della conversione ecologica. La prima è largamente presente in Amoris laetitia, la seconda è stata espressamente indicata da papa Francesco in Evangelii gaudium, e la terza nell’enciclica Laudato si’. La parola conversione la Chiesa l’aveva sempre adoperata per indicare il volgersi a Cristo, unico Salvatore. Ora viene usata in questi altri significati, e non senza un perché alle spalle. Leggi il seguito… 

    • “Ecco perchè non servivano le Unioni civili”

      Monica Cirinnà 1 di Maura Delle Case. “Non c’era bisogno della legge sulle Unioni civili per garantire diritti alle coppie di conviventi perché quei diritti erano già stati riconosciuti dalla giurisprudenza”. Carlo Amedeo Giovanardi di Idea e oppositore strenuo della legge 76/2016 rea a suo dire “d’aver socchiuso la porta ad adozioni e utero in affitto per le coppie omosessuali”, liquida così la sentenza del tribunale di Pordenone sull’assegno riconosciuto, all’atto di scioglimento dell’unione civile, alla parte debole di una coppia di donne. Leggi il seguito…