Presenze, assenze, sorprese al Sinodo

sinodo 01di Sandro Magister

Tra i quasi duecento membri del prossimo sinodo sulla famiglia ve ne sono 26 nominati personalmente da papa Francesco, tra cui 14 cardinali, ben 5 dei quali con più di ottant’anni.

È quest’ultima una novità senza precedenti, come ha mostrato Gianni Cardinale su “Avvenire” del 10 settembre. Nei sinodi del 2012 e del 2008 di cardinali ultraottantenni ve ne fu uno solo, e appena due nel sinodo del 2005.

Per Francesco, quindi, l’età avanzata non è un limite. E non a torto. I cinque vegliardi da lui voluti al sinodo sono tutt’altro che personaggi in quiescenza. Basti dire che tra loro c’è il cardinale Walter Kasper, cioè proprio colui che ha immesso più dinamite nella fase presinodale, con la proposta di far cadere il divieto della comunione eucaristica ai cattolici divorziati risposati civilmente.

Si sa che Francesco personalmente pende dalla parte di Kasper. E infatti tra i cinque ultraottantenni non ha mancato di convocare anche il belga Godfried Danneels, il cardinale che già nel sinodo del 1999, assieme al collega Carlo Maria Martini, si era espresso a favore della comunione ai risposati.

Ma a bilanciamento di questi due, va anche detto che il papa ha voluto al sinodo due altri cardinali ultraottantenni notoriamente schierati su posizioni contrarie: l’italiano Elio Sgreccia e lo spagnolo Fernando Sebastián Aguilar, quest’ultimo autore della prefazione a un recente saggio del cardinale Gerhard L. Müller, prefetto della congregazione per la dottrina della fede, di netta contrapposizione alle tesi di Kasper.

Tra i cardinali con meno di ottant’anni designati dal papa vi sono inoltre Carlo Caffarra e Angelo Scola, anch’essi in disaccordo con Kasper, specie il primo, uscito più volte allo scoperto con agguerrite argomentazioni in difesa del “no” alla comunione ai risposati.

Caffarra, prima di diventare arcivescovo di Bologna, era stato preside dell’Istituto internazionale per il matrimonio e la famiglia fondato da Giovanni Paolo II presso la Pontificia Università Lateranense.

Inaspettatamente, però, tra gli esperti chiamati a collaborare alla segreteria del sinodo, non figura nessun membro di tale istituto. Un vuoto che stupisce, trattandosi dell’organismo d’istituzione pontificia più attinente al tema che il sinodo è chiamato a discutere.

Così come sorprende la mancata convocazione del cardinale Camillo Ruini, che da presidente della conferenza episcopale italiana è stato protagonista di memorabili battaglie proprio sulle questioni della famiglia.

Altre assenze inattese sono quelle di due degli otto cardinali del “consiglio della corona” del papa: il cileno Francisco Javier Errázuriz Ossa e lo statunitense Sean P. O’Malley. Così come la mancata chiamata del cardinale arcivescovo di Toronto Thomas Collins, anche lui uscito allo scoperto contro le tesi di Kasper.

Era scontato, invece, che Francesco chiamasse al sinodo il suo pupillo argentino, l’arcivescovo Víctor Manuel Fernández, rettore della Pontificia Università Cattolica di Buenos Aires.

Ma la sorpresa è nel ruolo che il papa gli ha assegnato, quello di vicepresidente, al fianco del cardinale Gianfranco Ravasi, della commissione incaricata di scrivere il messaggio finale del sinodo.

La scorsa estate Fernández era stato il più intimo sodale di Francesco nella scrittura della “Evangelii gaudium”.

fonte: Settimo Cielo

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Gervasoni in esclusiva: “Ecco il destino del Governo, del M5S e dei moderati”

      Intervista di Federica Ciampa. “Il sovranismo è soprattutto un fenomeno di reazione culturale alla globalizzazione e a questa forma di progressismo, molto diversa da quella della vecchia sinistra: si tratta di un progressismo che difende le minoranze. Ne è un esempio la politica del PD, la quale è sostanzialmente tesa a favorire immigrati, gli LGBT e così via, alienandosi completamente rispetto alle simpatie delle classi popolari ed incarnando delle battaglie volte a cambiare la natura umana e la società: genitore 1, genitore 2, la famiglia arcobaleno. Si tratta di aspetti sociali che i vecchi comunisti non volevano assolutamente cambiare, perché anche loro credevano nella famiglia naturale, nel padre, nella madre, nei figli. In passato, quindi, la sinistra tendeva a voler almeno rappresentare la maggioranza ed il proletariato, il quale, ormai, vota stabilmente a destra” Leggi il seguito…

    • Omosessualità, la scuola dei teologi che cambia la dottrina

      di Stefano Fontana. Alla Facoltà teologica dell’Italia settentrionale non si insegna la dottrina tradizionale della Chiesa sull’omosessualità. È il caso del corso di Morale speciale del prof Fumagalli dove quello omosessuale è chiamato “amore”. Emerge così che niente è peccato, tutto è "grazia". Con questi corsi si formano i preti che diventeranno parroci e, alcuni di loro, vescovi. E la nuova morale della nuova Chiesa entrerà nelle diocesi dalla porta principale. Leggi il seguito…

    • Emilia Romagna. Spallone: Cattolici, mandate a casa il Governo più anticristiano della storia recente

      di Marco Tosatti. Il 26 Gennaio 2020, in Emilia Romagna si voterà per le elezioni politiche. No, nessun lapsus: quelle per il rinnovo del Consiglio Regionale e la scelta del Governatore sono, esattamente, elezioni politiche. La valenza politica di questa consultazione sopravanza di gran lunga il carattere locale, già di per sé di grande importanza. Ciò, per la sufficiente ragione data dall’inevitabile caduta dal governo nazionale in caso di prevalenza della candidata del centrodestra, sul governatore uscente, candidato della sinistra. Di questa realtà, oltre al mondo politico nazionale, sono perfettamente consapevoli le gerarchie ecclesiastico-politiche, in servizio permanente effettivo. Esempio di questo agitarsi è l’attivismo del Cardinale del capoluogo di questa Regione, la cui agenda è fitta di impegni per presentazioni libri, dibattiti di natura politica, interviste televisive in prima serata; insomma, tutto quello che un buon politico deve fare per sostenere le proprie idee politiche e la propria parte politica attualmente al governo regionale e nazionale. Leggi il seguito…

    • Dal Pci alla Casa d’Intolleranza

      di Marcello Veneziani. Dal vecchio Pci sorse una Casa d’Intolleranza. Benché sconfitta nelle urne e minoritaria nel Paese, esercita la sua intolleranza sui vivi e sui morti, sugli eletti e sui non allineati al politically correct, usa il passato come un’arma per colpire il presente, pone veti e divieti, presenta come reati le opinioni difformi, grazie a leggi ad hoc dei suoi governi. Si serve delle truppe d’assalto dei media e delle forze corazzate dei magistrati, per mettere sotto scacco e fuori legge i suoi nemici Leggi il seguito…