La famiglia è DOP… ed è una sola

Cos’è la famiglia perché qualcuno se ne curi? Si potrebbe affermare che il recentissimo libro del sociologo Giuliano Guzzo, La famiglia è una sola (Ed. Gondolin, 2014), prende le mosse da questa domanda, allo stesso tempo semplice e complessa. Semplice, perché in molti hanno ben chiaro che cosa si debba intendere con il termine “famiglia” e non hanno nessun problema a definirla quale l’unione – fertile e feconda – tra un uomo e una donna che costituisce il nucleo fondante della società. E nello stesso tempo una domanda complessa, perché il frangente storico attuale vede la definizione di famiglia quale “società naturale fondata sul matrimonio” (Costituzione Italiana, art. 29) sempre più posta sotto attacco, sotto diversi fronti: dal venir meno della stabilità (convivenze, separazioni, divorzi), allo scarso sostegno alla maternità e a chi ha tanti figli, al tentativo di equiparare unioni altre a quella tra un uomo e una donna.

Ebbene, nel documentato saggio La famiglia è una sola, Guzzo esordisce chiedendosi se esista “la famiglia”, o se sia meglio parlare al plurale di “famiglie”. E la conclusione è che è necessario riconoscere il primato della famiglia tradizionalmente intensa, onde evitare il rischio di cadere nel “relativismo familiare”. Questa definizione identifica quella corrente di pensiero che vorrebbe che a definire una famiglia fossero principalmente i sentimenti che stanno alla base della relazione sociale in oggetto, e non tanto il fine dell’unione e l’identità sessuale di chi la compone (Cfr. Op. cit., p. 14).

È vero – riconosce Guzzo – che il matrimonio come lo si intende oggi non è sempre esistito, tuttavia fin dall’alto paleolitico era chiaro che per dare vita a una famiglia è necessaria un’unione stabile e pubblicamente riconosciuta tra un uomo e una donna. Tuttavia nella società odierna la centralità è passata dalla coppia al singolo individuo e ai suoi sentimenti. E questo perché la capacità di porsi in relazione e la forza di volontà sono due atteggiamenti sempre più rari, con tutte le conseguenze che ne derivano: dall’individualismo egoista, all’edonismo; dal relativismo, al venir meno di ogni stabilità.

La famiglia – evidenzia inoltre il sociologo – non è un’idea prettamente cattolica, bensì universale. Essa è trasversalmente presente nel tempo e a diverse latitudini: solo la famiglia è infatti in grado di rispondere “alla necessità di identificazione dell’uomo” (Op. cit., p. 38) ed è capace di dare agli individui precisi riferimenti sociali, educativi e psicologici. Tutti noi siamo formati da corpo, mente e anima: un corpo che ci mette in relazione con gli altri; una mente, che va educata e formata affinché possa portare frutto per l’intera società; e, infine, un’anima che va coltivata fin dalla più tenera età, ed è questo un compito che spetta in prima istanza ai genitori.

Dopo aver chiarito cosa sia la famiglia e averne motivato la sua unicità, nei quattro capitoli centrali di La famiglia è una sola Guzzo procede analizzando con attenzione alcuni fenomeni tipici del tempo attuale, che vede l’istituto familiare piuttosto vessato: il dilagare delle convivenze come alternativa al matrimonio; il tentativo di introdurre a livello sociale e legislativo le nozze e le unioni gay; il fenomeno del divorzio e le tragiche conseguenze che questo comporta; e il tentativo mosso dall’ideologia gender di far credere che l’appartenenza sessuale sia frutto di una libera scelta e che per un bambino l’avere un padre e una madre non sia strettamente necessario.

“La disaffezione sociale nei confronti della famiglia – afferma Guzzo – non è indolore e genera, sia sul fronte del benessere individuale sia su quello dell’educazione dei figli, conseguenze piuttosto gravi. Anche perché al declino del matrimonio non sta succedendo, come falsamente si ripete, l’affermarsi di nuove ‘famiglie’ bensì la progressiva liquefazione dei legami affettivi” (Op. cit., p. 106). Ecco perché, conclude l’Autore, occorre lasciare da parte il relativismo familiare e tornare a incentivare e sostenere l’unica famiglia possibile: quella che nasce dall’unione tra un uomo e una donna, che ruota attorno ai figli frutto di questa unione e che, anche nelle difficoltà e nelle tempeste, è l’unico luogo in grado di dare terra fertile (di relazioni, di educazione, di sicurezze sotto vari aspetti) per lanciarsi e operare nel mondo.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Uniti, ma fino a un certo punto

      di Marcello Veneziani. Noi europei siamo fragile cosa ma se avessimo vera unità verso l’esterno, anziché pretendere uniformità all’interno, saremmo in grado di esprimere una forte e coesa leadership europea, un esercito comune, una linea strategica unita. Alla fine mi accorgo che i veri europeisti poi sono i sovranisti, quelli che credono cioè alla sovranità europea rispetto al mondo, dopo aver rivendicato all’interno le sovranità nazionali rispetto alle imposizioni eurocratiche; quelli che credono che sia decisivo difendere i confini e la sicurezza, e che sia necessario avere decisori forti. Non puoi misurarti con nessuno al mondo se ti definisci globalista, nemico delle frontiere, pacifista disarmato ad ogni costo Leggi il seguito…

    • Super ex cita Newman: perchè è giusto resistere al papa

      di Marco Tosatti. Il nuovo santo, il cardinal J. H. Newman, ci parla. Prendiamo in mano la sua Lettera al duca di Norfolk. Coscienza e libertà (Paoline), e immaginiamola scritta ai pochi cardinali che oggi si oppongo alla distruzione sistematica della Chiesa, guidata da Bergoglio Leggi il seguito…

    • Benedetto XVI ad Aparecida: una luce per oggi

      di Stefano Fontana. Può essere molto utile, mentre si svolge il sinodo dell’Amazzonia, rileggere il discorso di Benedetto XVI all’inaugurazione della V Conferenza dei vescovi latinoamericani e dei Caraibi ad Aparecida il 13 maggio 2007. La prima cosa che si nota è una visione provvidenziale e cristiana del processo di evangelizzazione di quel continente. “Che cosa ha significato l’accettazione della fede cristiana per i Paesi dell’America Latina e dei Caraibi?” si chiedeva il papa. E rispondeva “Per essi ha significato conoscere e accogliere Cristo … ha significato anche aver ricevuto, con le acque del Battesimo, la vita divina che li ha fatti figli di Dio per adozione; avere ricevuto, inoltre, lo Spirito Santo, che è venuto a fecondare le loro culture, purificandole”. Leggi il seguito…

    • E il Nobel di Greta è volato in Etiopia

      di Giuseppe Leonelli. I bookmaker hanno toppato. Greta Thunberg non ha vinto il premio Nobel per la Pace 2019 che è invece stato assegnato al premier etiope Abiy Ahmed Ali “per i suoi sforzi  – si legge nella motivazione – per raggiungere la pace e la cooperazione internazionale, e in particolare per la sua decisiva iniziativa per risolvere il conflitto di confine con la vicina Eritrea”. E così, dopo avere accusato il leader del pianeta di averle “rubato i sogni e l’infanzia”, Greta si è vista scippare l’importante riconoscimento dal premier etiope. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.